NON SOLO ALLA BINETTI E A PILLON, ANCHE ALLA MELONI È PIACIUTO LO SPOT DELL’ESSELUNGA: “BELLO E TOCCANTE” - LA SORA GIORGIA ENTRA NEL DIBATTITO SULLA PUBBLICITÀ SULLA FAMIGLIA SEPARATA CHE STA DIVIDENDO L’OPINIONE PUBBLICA  - MAURIZIO CRIPPA TRANCHANT SULLA “PSICOPATOLOGIA” DI CHI DAVANTI A UNA FAMIGLIA TRADIZIONALE INTRAVEDE LA SAGOMA DELLA MELONI – “SE A FAR VOLTEGGIARE I PROPRI SENTIMENTI ATTORNO A UNA PESCA CI FOSSERO I MEMBRI DI UNA FAMIGLIA NON TRADIZIONALE, LO SPOT VERREBBE CANDIDATO ALL’OSCAR E AL LEONE DI VENEZIA E TRASMESSO NELLE SCUOLE COME UN FILM DI GARRONE” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


Da open.online

 

giorgia meloni tweet esselunga giorgia meloni tweet esselunga

«Bello e toccante». Anche la presidente del Consiglio Giorgia Meloni si inserisce nella polemica del momento, politicizzandola. A far discutere è il nuovo spot dal titolo «La pesca» di Esselunga, dove una bambina di due genitori separati cerca di mediare la rottura tra i due regalando una pesca, appunto, acquistata tra le corsie del supermercato della famiglia Caprotti.

 

(...) Sicuramente divisiva: sui social, in particolare, gli utenti si dividono, infatti, tra chi polemizza con la scelta di «strumentalizzare» le emozioni di una bambina e l’approccio piuttosto retrogado sul tema del divorzio e della separazione in generale.  E c’è chi, invece, esalta il «coraggio di affrontare il divorzio dal punto di vista dei piccoli».

 

Anche la politica è entrata a gamba tesa sulla questione. Prima della premier ad esprimersi era stato l’ex senatore della Lega Simone Pillon secondo il quale lo spot «mostra la verità, e cioè che i figli, anche in caso di separazione o divorzio, continuano a voler bene sia a mamma che a papà e speranzano che si vogliano bene anche tra di loro. Si chiama affetto parentale – conclude l’ex senatore – e non è antiquato né patriarcale», aveva detto Pillon.

giorgia meloni giorgia meloni

 

ESSELUNGA E I FESSI

Maurizio Crippa per “il Foglio” - Estratti

 

L’ultima psicopatologia di quelli che se vedono una famiglia tradizionale danno fuori di testa perché, in filigrana, intravedono la sagoma della Meloni (sono mamma, sono Giorgia) è una ridicola sindrome maniaco-compulsiva: d’un tratto, tarantolati dalle immagini di uno spot, si credono tutti semiologi della pubblicità.

 

(....)

 

Non si proverà nemmeno a suggerire, come altra lettura critico-narrativa, che se a far volteggiare i propri sentimenti un po’ malinconico-flou attorno a una pesca che scorre sul nastro della cassa, che finisce nella borsa, ci fossero invece i membri di una famiglia non tradizionale, lo spot verrebbe candidato all’Oscar e al Leone di Venezia e trasmesso nelle scuole come un film di Garrone. Non proveremo nemmeno a dirlo, mica siamo kamikaze.

spot esselunga la pesca spot esselunga la pesca

 

Ci si limiterà però a ricordare, ad uso dei nuovi critici-ayatollah della pubblicità, che per decenni interi abbiamo sorbito pubblicità supermercatesche non meno truffalde, come quella del supermercato che sei tu, anche se poi erano loro; o gli spot aggiornati alla moda green che se fai la spesa da noi salvi pure l’ambiente, anche se ti porti a casa tonnellate di plastica per alimenti; o quelli da paese dei borghi che se vieni a fare la spesa da noi allora vuoi bene anche a tutta la comunità (tà-tà).

 

Di queste scemenze, gli psico-semiologi non si sono mai occupati. Ma se invece arriva la Meloni, travestita da mamma separata di una bambina imbronciata (eh sì, la bimba separata è rappresentata imbronciata: che poca inclusivité, che volgarité!), porgendo al pubblico consumatore ed elettore la pesca avvelenata della tradizione, allora apriti scemo.

spot esselunga la pesca 6 spot esselunga la pesca 6 spot esselunga la pesca 5 spot esselunga la pesca 5

 

spot esselunga la pesca 2 spot esselunga la pesca 2 spot esselunga la pesca 1 spot esselunga la pesca 1 spot esselunga la pesca 3 spot esselunga la pesca 3 spot esselunga la pesca 4 spot esselunga la pesca 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...

FLASH! – LA RAI CHE VERRÀ? ECCOLA! IERI, IN PRIMA SERATA SU RAI3, “IL PROVINCIALE” CONDOTTO DA FEDERICO QUARANTA, HA COINVOLTO LA MISERIA DI 493.000 SPETTATORI E IL 2.8% DI SHARE (PEGGIO PURE DI NUNZIA DE GIROLAMO) - TRATTASI DEL PROGRAMMA-SIMBOLO DI ANGELO MELLONE, DIRETTORE DELL'INTRATTENIMENTO DAY TIME - UN TIPINO PERBENE, ANZI PERBENITO, CAPACE DI TUTTO: SCRITTORE, CANTANTE, POETA, REGISTA. NONCHÉ CANDIDATO A FARE IL DIRETTORE GENERALE O FICTION UNA VOLTA CHE LA DUCETTA INNALZERÀ IL SUO PRETORIANO GIAMPAOLO ROSSI AD AMMINISTRATORE DELEGATO…