LA PARTITA DELLA SCALA È CHIUSA! ECCO L’ACCORDO CHE VA IN CDA: COME SOVRINTENDENTE ARRIVA FORTUNATO ORTOMBINA DAL 2025, ALLA SCADENZA DI DOMINIQUE MEYER, MA IL DIRETTORE MUSICALE RICCARDO CHAILLY RESTA FINO AL 2027 (QUANDO GLI SUBENTRERA’ DANIELE GATTI) - IL DIRETTORE ARTISTICO NON E’ PERVENUTO MENTRE IL DIRETTORE GENERALE SARA’ QUELLO DELLA FENICE, ANDREA ERRI... - DAGOREPORT

Condividi questo articolo


https://m.dagospia.com/dagoreport-che-succedera-alla-scala-dopo-lo-scazzo-tra-gennaro-sangiuliano-e-beppe-sala-391152

 

 

Dagonota

 

FORTUNATO ORTOMBINA FORTUNATO ORTOMBINA

La partita della Scala è chiusa. L’accordo che sarà presentato in cda prevede l'arrivo come sovrintendente di Fortunato Ortombina dal 2025, alla scadenza di Dominique Meyer. Il direttore musicale Riccardo Chailly resta fino al 2027 (quando gli subentrera’ Daniele Gatti). Il direttore artistico non è pervenuto mentre il direttore generale sarà quello della Fenice, Andrea Erri.

 

 

 

LA PARTITA DELLA SCALA E’ CHIUSA

Lisa Di Giuseppe per editorialedomani.it - Estratti

 

 

La partita della Scala è chiusa. Il governo ottiene ciò che voleva e il sindaco Beppe Sala esce sconfitto dal tentativo di barattare il destino del teatro con il suo futuro. Lunedì scorso il consiglio d’amministrazione aveva fermato il piano del ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano per sostituire il sovrintendente in scadenza, Dominque Meyer, con Fortunato Ortombina. Invece di un avvicendamento è stata proposta la proroga di un anno per il direttore uscente. La situazione sembrava irrimediabilmente compromessa. Fino a un nuovo intervento di Federico Freni.

 

dominique meyer dominique meyer

Il leghista, sottosegretario al ministero dell’Economia e melomane incallito, sarebbe l’uomo a cui Sangiuliano ha affidato il compito, tutt’altro che semplice, di trovare una soluzione. Alla fine comune e governo si sono accordati: Ortombina si insedierà subito come sovrintendente, come voleva il ministro, mentre il direttore musicale della Scala, Riccardo Chailly, rimarrà in carica fino al 2027, quando gli subentrerà Daniele Gatti.

 

(…)

A Sangiuliano, dal canto suo, l’apertura di Sala ha offerto l’occasione per piazzare un nome non organicamente di destra come Ortombina, ma molto ben visto dalle parti di Forza Italia. Dopo il primo stop a sopresa del cda, però, il ministro non ha voluto mettere di nuovo la faccia sul dossier e ha chiesto un intervento di Freni, per non esporre il Collegio romano ad altri sgambetti da parte degli amministratori de La Scala.

sala sangiuliano sala sangiuliano

 

 

 

A esser stato ancora una volta protagonista nella vicenda è stato Giovanni Bazoli. Membro del cda e influente suocero di Sala, aveva prima sostenuto il via libera del sindaco a Ortombina salvo poi provare a puntare i piedi in cda per strappare un rinnovo per Meyer. Adesso i bene informati vedono lui dietro il nuovo accordo con Freni, che impone sì Ortombina, ma lascia in sella Chailly, in buoni rapporti con il banchiere.

riccardo chailly riccardo chailly

 

Insomma, Freni – che ha incontrato mercoledì sera Sala e oggi, secondo quanto si dice alla Scala, avrebbe un appuntamento con Meyer – avrebbe negoziato un accordo che salva capra e cavoli, almeno per quanto riguarda governo e stakeholder. Difficile capire quanto sia andato invece in porto il piano del sindaco di crearsi una sponda solida a destra. Alla Scala alla fine invece andrà un sovrintendente di buon livello, concordano gli osservatori. Ma che il teatro sia finito nel mezzo di una trattativa – peraltro non necessaria – come merce di scambio non è una scelta che i milanesi dimenticheranno facilmente.

il maestro daniele gatti il maestro daniele gatti giovanni bazoli giovanni bazoli andrea erri andrea erri federico freni federico freni ortombina ortombina

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?

DAGOREPORT - COSÌ COME IL SESSO È LA PARODIA DEL DELITTO, LA “MILANESIANA”, RASSEGNA “IDEATA E DIRETTA DA ELISABETTA SGARBI” (SORELLA DI), È LA PARODIA DELLA CULTURA GLAMOUR, CHIC, RADICAL-COLTA, AMICHETTISTICA DEL NOSTRO PAESE - OGNI ANNO UN TEMA (QUEST’ANNO “TIMIDEZZA”), UNA PAROLA COSÌ OMNICOMPRENSIVA CHE CI CACCI DENTRO QUEL CHE TI PARE, DAL NOBEL ALL’AMICO, DAL GIORNALISTA UTILE PER LA RECENSIONE ALLO SCRITTORE INUTILE: OVVIAMENTE, PRIMUS NON INTER PARES SUO FRATELLO VITTORIONE - LEI SCEGLIE, LEI FA, PRESENTA, OBBLIGA GLI SPETTATORI, ANCHE SE HANNO PAGATO IL BIGLIETTO, AD ASCOLTARE LA SUA BAND EXTRALISCIO: “È INUTILE CHE FISCHIATE…” – L'EVENTO NON BASTA: CI AGGIUNGE I SUOI FILM. E SU TUTTE LE LOCANDINE DELLE SERATE (TUTTE), LA METÀ SINISTRA È OCCUPATA DALLA FOTO (SEMPRE LA STESSA) DELLA SGARBI; POI, IN PICCOLO, I NOMI DEGLI OSPITI...