PRIMA SCALA A SINISTRA - IDENTIFICATO DALLA DIGOS MARCO VIZZARDELLI, IL LOGGIONISTA CHE ALLA PRIMA DELLA SCALA HA URLATO: “VIVA L’ITALIA ANTIFASCISTA”- “L'HO BUTTATA SUL RIDERE, HO DETTO AGLI AGENTI CHE AVREBBERO DOVUTO LEGARMI E ARRESTARMI SE AVESSI DETTO IL CONTRARIO, “VIVA L'ITALIA FASCISTA”, MA COSÌ NO” – SALVINI GELIDO: “ALLA SCALA NON SI URLA”. IL PRESIDENTE DEL SENATO IGNAZIO LA RUSSA GIURA DI NON AVERLO SENTITO. E L’EX SOVRINTENDENTE PEREIRA: “L’ANTIFASCISMO NON HA NULLA A CHE FARE CON LA PRIMA DELLA SCALA” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


Estratto da repubblica.it

ignazio la russa matteo salvini beppe sala gennaro sangiuliano palco reale della scala ignazio la russa matteo salvini beppe sala gennaro sangiuliano palco reale della scala

Prima un urlo dal pubblico, “viva l’Italia”. Poi una risposta, sempre dal pubblico, come a voler dare un seguito: “viva l’Italia antifascista”. E questo secondo urlo, risuonato dal loggione a pochi secondi dall’inizio del “Don Carlo” per la Prima della Scala e subito dopo l’inno di Mameli, ha generato una reazione sbalorditiva: ha smosso la Digos, intervenuta per identificare la persona che ha risposto.

 

Gli agenti hanno identificato Marco Vizzardelli, appassionato di lirica, loggionista e giornalista esperto di equitazione. "L'ho buttata sul ridere, ho detto agli agenti che avrebbero dovuto legarmi e arrestarmi se avessi detto il contrario, “viva l'Italia fascista”, ma così no", ha detto lo stesso Vizzardelli.

 

UN BALLO IN MASCHERA - TEATRO ALLA SCALA -POSTER BY MACONDO UN BALLO IN MASCHERA - TEATRO ALLA SCALA -POSTER BY MACONDO

 

(...)

Nei minuti successivi all’urlo, in molti si sono affrettati a lasciare commenti alle agenzie di stampa: per l’ex sovrintendente Alexander Pereira “l'antifascismo non ha niente a che fare con la prima della Scala"; per il ministro Matteo Salvini “alla Scala non si urla”; (…) E il presidente del Senato Ignazio La Russa ha sostenuto di non averlo sentirlo. Gli agenti della digos, invece, ci sentivano benissimo.

FRANCESCA VERDINI - MATTEO SALVINI PRIMA DELLA SCALA 2023 FRANCESCA VERDINI - MATTEO SALVINI PRIMA DELLA SCALA 2023 IGNAZIO LA RUSSA - MATTEO SALVINI - LILIANA SEGRE - BEPPE SALA - GENNARO SANGIULIANO - CHIARA BAZOLI - INNO DI MAMELI - PRIMA DELLA SCALA 2023 IGNAZIO LA RUSSA - MATTEO SALVINI - LILIANA SEGRE - BEPPE SALA - GENNARO SANGIULIANO - CHIARA BAZOLI - INNO DI MAMELI - PRIMA DELLA SCALA 2023 IGNAZIO LA RUSSA - PRIMA DELLA SCALA 2023 IGNAZIO LA RUSSA - PRIMA DELLA SCALA 2023

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...