QUANDO IN TV C'È "PRETTY WOMAN" NON CE N'È PER NESSUNO – AL SUO 30° PASSAGGIO SU RAI1 IL FILM CON JULIA ROBERTS BRUCIA OGNI RECORD E CONQUISTA IL 21.9% DI SHARE CON 3.3 MILIONI DI TELEMORENTI INCOLLATI ALLA TV. QUALCHE ALTERNATIVA, ANCHE SE SCARSA, C’ERA, MA QUEL DANNATO HAPPY ENDING È IRRESISTIBILE ANCHE PER TUTTE QUELLE DONNE CHE FUORI DALLE QUATTRO MURA DI CASA GRIDANO ALLO SCANDALO PER UNA STORIA PROIBITA. COLPA DELLE TURBOFEMMINISTE CHE HANNO TUMULATO IL PRINCIPE AZZURRO… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Emilia Santini per “Libero quotidiano”

 

pretty woman pretty woman

Non una, due, dieci volte ma trenta: alla trentesima replica, Pretty Woman stravince ancora su Rai Uno. E sapete cosa vuol dire?

Che a noi, del principe Azzurro e di tutto il coté romantico messo all'indice dalle femministe, interessa ancora parecchio. Basta guardare i numeri: lunedì sera Pretty Woman ha vinto contro tutti.

 

Sì, certo: siamo a luglio, mica in pieno periodo di garanzia. Tuttavia la pellicola non se l'è cavata con un milioncino scarso di spettatori: è volata su, su, verso l'infinito e oltre toccando quota 3,3 milioni di spettatori su Rai Uno. Notevole anche lo share: 21,9%. Giusto per dare qualche termine di paragone: l'anno scorso, Pretty Woman era stato trasmesso il 22 settembre da Rai Uno e aveva appassionato 2,7 milioni di spettatori (13,9%). Due anni fa, a inizio marzo, aveva invece ottenuto 3,8 milioni di spettatori, quindi qualcosa di più, ma lo share era stato inferiore: 15,7%.

 

pretty woman 3 pretty woman 3

CONCORRENZA ANNIENTATA Tradotto: l'interesse non è di certo calato e, se possibile, è persino cresciuto. E dire che lunedì sera le alternative non mancavano: Canale 5 schierava la replica di Zelig, che ha sfiorato i 2 milioni (1,9 milioni; 14,1%). Italia 1, Rai Due e La7 puntavano invece sui telefilm, un genere che vanta il suo zoccolo duro di fedelissimi, mentre sotto la voce attualità militavano Report, fermo a 1 milione e il 6,5% su Rai Tre, e Zona Bianca di Rete Quattro, a quota 736 mila e 5,7%.

Quindi lo zapping magari non era selvaggio, perché siamo pur sempre in estate, ma sicuramente rappresentava una tentazione.

pretty woman 2 pretty woman 2

 

Invece siamo rimasti tutti bloccati lì, con il dito fermo al tasto uno del telecomando, a guardare un film che probabilmente conosciamo a memoria. Dopo 30 volte sapremo infatti come va a finire...

e forse ci piace proprio per quello, ossia per il finalone romantico, con lui che salva lei e noi che ci commuoviamo dal divano. Perché, sì, ammettiamolo: ci commuoviamo ogni santissima volta.

 

Non dovremmo, perché quel dannato Happy End è quanto di più lontano esista dagli standard romantici vigenti. Ci è stato infatti detto e ripetuto da Hollywood che ormai le eroine si salvano da sole.

pretty woman 7 pretty woman 7

Non hanno bisogno di nessuno: si sono emancipate. Il Principe Azzurro è andato: adios, bon voyage.

 

Non è un caso se, tra i 3.400 remake americani, manca all'appello proprio quello di Pretty Woman: non si può fare. Oggi una storia del genere farebbe gridare allo scandalo. Tanto per cominciare una protagonista prostituta non andrebbe bene. O almeno, se si prostituisse dovrebbe farlo consapevolmente e con un certo gusto. Dopodiché non si potrebbe mica innamorare del riccone capitalista di turno che, peraltro, le rifà il guardaroba insegnandole persino le basi del galateo.

pretty woman 6 pretty woman 6

 

SOLLEVAZIONE POPOLARE Ci sarebbe una sollevazione popolare: un uomo che vuole insegnare a una donna come vestirsi e comportarsi? Saremmo ben oltre al body shaming. Infine, ci sarebbe il problema pratico di trovare due attori intensi come Julia Roberts e Richard Gere. Per tutti questi motivi non si è mai pensato a un remake di Pretty Woman. Eppure quel mondo lì, di lei bella e dannata e lui novello principe azzurro, aveva il suo fascino.

 

pretty woman 5 pretty woman 5

Anzi, osiamo aggiungere: aveva anche un proprio valore morale. Le sacrosante lotte per l'emancipazione femminile hanno infatti avuto un prezzo molto alto: nel rincorrere la parità ci siamo giocati il romanticismo e, con lui, la galanteria di altri tempi incarnata da Richard Gere. Sotto sotto, ognuna di noi vorrebbe essere, citando una frase del film, «quella gran cu*o di Cenerentola». Altrimenti non staremmo ancora qui a guardare Pretty Woman...

pretty woman 4 pretty woman 4 pretty woman 3 pretty woman 3 pretty woman 2 pretty woman 2 PRETTY WOMAN 2 PRETTY WOMAN 2 julia roberts pretty woman julia roberts pretty woman pretty woman 1 pretty woman 1 pretty woman 4 pretty woman 4

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

business

TEMPI DURI PER SOFTBANK – IL COLOSSO GIAPPONESE NAVIGA DI NUOVO IN ACQUE BURRASCOSE: NEL SECONDO TRIMESTRE DEL 2022 HA BRUCIATO 23 MILIARDI DI EURO E IL VALORE DEGLI INVESTIMENTI È CROLLATO – LA SOCIETÀ INCOLPA L’INFLAZIONE, MA IL PROBLEMA È PIÙ AMPIO: A ESSERE COLPITO MAGGIORMENTE È IL “VISION FUND”, IL FONDO CHE INVESTE IN TECNOLOGIA E STARTUP. LA CINA HA VARATO UNA STRETTA SU BIG TECH E LE VALUTAZIONI, GONFIATE PER ANNI, INIZIANO A MOSTRARE QUALCHE CREPA. INSOMMA, LA BOLLA STA PER SCOPPIARE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute