LA QUARANTENA DEI GIUSTI: GUIDA TV PER RECLUSI – LE COSE MIGLIORI ARRIVANO MOLTO DOPO LA MEZZANOTTE. ALLE 00, 50 CINE34 LANCIA L’HORROR TRASHIONE “BLOODY PSYCHO”, ULTRASPLATTER, TUTTO AMBIENTATO IN UN TETRO CASTELLO CON UNA ZOMBI SULLA SEDIA A ROTELLE. NON PIACE A NESSUNO. MEGLIO... – SICURAMENTE PREFERIBILE ALLA TRIPLETTA PUPI AVATI LA DOPPIETTA DEI FILM NAPOLETANI SU RAI DUE “A NAPOLI NON PIOVE MAI” E “ADDIO FOTTUTISSIMI MUSI VERDI”, PRIMO E FINORA UNICO FILM DEI “THE JACKALS” – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Marco Giusti per Dagospia

 

la casa delle finestre che ridono 2 la casa delle finestre che ridono 2 a napoli non piove mai 2 a napoli non piove mai 2

Che vediamo oggi? Stasera direi che è sicuramente preferibile la doppietta dei film napoletani su Rai Due, “A Napoli non piove mai” di e con Sergio Assisi, che fu un piccolo caso quando uscì, e “Addio fottuti musi verdi” di Francesco Ebbasta con Ciro Priello, scombinato fantascientifico, primo e finora unico film del gruppo The Jackals, alla doppietta, anzi la tripletta Pupi Avati (ancora?) su Cine 34, che inizia alle 19, 20 con “Impiegati”, con Claudio Botosso, Elena Sofia Ricci, seguita alle 21 con “La rivincita di Natale” con i pokeristi Abatantuono-Delle Piane-Eastman-Haber, e chiude alle 22, 55 con “La casa delle finestre che ridono”, thriller stravagante considerato il miglior Avati di sempre, con Lino Capolicchio, Francesca Marciani e il buffo Eugene Walter.

 

addio fottuti musi verdi 2 addio fottuti musi verdi 2 la rivincita di natale la rivincita di natale

Nessuno sapeva allora che Walter, utilizzato nei nostri film in ruoli grotteschi e macchiettone gay era un finissimo scrittore co-fondatore addirittura della Paris Review of Books. Devo dire che il personaggio di Walter è una delle cose migliori del film di Avati. Se cercate qualcosa di più moderno, diciamo, ci sarebbe su Canale 5 l’ottimo ma fracassone “Mission Impossible- Fallout” di Christopher McQuarrie con Tom Cruise e Rebecca Ferguson. Se la vedrà con la replica del biopic su Mia Martini “Io sono Mia” di Riccardo Donna con Serena Rossi come Mia e Edoardo Pesce come Califano.

 

 

mission impossible fallout mission impossible fallout

lo chiamavano jeeg robot lo chiamavano jeeg robot

A ben vedere su Rai4 c’è ancora un passaggio di “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti con Claudio Santamaria, Ilenia Pastorelli e Luca Marinelli. Magari conveniva spararlo in prima serata su una rete di maggiore ascolto, no? E il film nuovo di Mainetti dal budget, si narra, di 25 milioni di euro, che fine ha fatto? Rai Movie propone invece alle 21 la non riuscitissima commedia di Ivan Reitman “La mia super ex ragazza” con Uma Thurman e Luke Wilson e Iris un vecchio western dal titolo profetico “L’ultimo colpo in canna” diretto da Jerry Thorpe con Glenn Ford e Arthur Kennedy.

 

bloody psycho1 bloody psycho1 la mia super ex ragazza 2 la mia super ex ragazza 2

In seconda serata segnalo su Rai Movie alle 22, 50 la commedia a più personaggi, tratto da un manualetto di successo, “La verità è che non gli piaci abbastanza” di Ken Kwapis con Jennifer Aniston, Scarlett Johansson, Jennifer Connelly. Le cose migliori arrivano però molto dopo la mezzanotte. Cine 34, finalmente libero dalla personale non richiesta su Pupi Avati, lancia alle 00, 50 l’horror trashione “Bloody Psycho” girato nel 1988 da Leandro Lucchetti con Peter Hintz, Loes Kamma, Paul Muller e Brigitte Nichelsen. Povero, ultrasplatter, tutto ambientato in un tetro castello con una zombi sulla sedia a rotelle.  Non piace a nessuno. Meglio…

 

 

tutto puo' accadere a broadway2 tutto puo' accadere a broadway2

Rai Movie lancia invece all’1 quello che è forse il miglior film della serata, la tarda screwball comedy di Peter Bogdanovich prodotto da Wes Anderson e Noah Baumbach, “Tutto può accadere a Broadway” con Imogen Poots, Owen Wilson, Jennifer Aniston e cammei eccellenti come Quentin Tarantino, Michael Shannon, Tatum O'Neal, Cybille Sheherd, Colleen Camp. Su un vecchio copione, pensato per la povera Dorothy Stratten poco prima che venisse uccisa, Bogdanovich compone un tipo di cinema che non si vedeva da una ventina d’anni. Presentato a Venezia qualche anno fa, se non sbaglio. Se aspettate fino alle 5 di notte arriva pure su Rai Movie l’ultimo film di Pietro Francisci, “Simbad e il califfo di Bagdad” con Richard Lloyd e Eugene Walter.

 

simbad e il califfo di bagdad simbad e il califfo di bagdad indianapolis –pista infernale 2 indianapolis –pista infernale 2

Il pomeriggio propone su Iris alle 14, 45 “Indianapolis –pista infernale” di James Goldstone con Paul Newman, Joanne Woodward e Robert Wagner, un vecchio film di corse che non brillava al tempo nel confronto con kolossal come “Grand Prix” o progetti come “Les Mans” con Steve MacQuenn. In realtà non brillava perché doveva essere solo un piccolo film per la tv, ma la decisione di Paul Newman di girarlo (venne pagato un milione di dollari, cifra top al tempo!) lo fece diventare un film da sala.

 

gli invincibili fratelli maciste 1 gli invincibili fratelli maciste 1

Cine 34 e Rai Movie si scornano alla stessa ora, 15, 50, con due film nel ricordo modestissimi, “Gli invincibili fratelli Maciste” di Robert Mauri con Richard Lloyd, cioè il lottatore iraniano Iloosh Khoshabelsu, Mario Novelli, Anthony Steffen su Cine 34 e “I tre del Colorado” di Amando De Ossorio con George Martin e Pamela Tudor su Rai Movie. Il primo è un film d’azione simpatico, come lo definiva il suo regista (“Mi divertivo. Non dovevo stare molto a pensare”). Il secondo è un raro western con idiani diretto da un maestro spagnolo del fantastico, De Ossorio, che lo ricordava come il suo preferito. “É un film sulla ribellione dei canadesi di lingua francese contro gli inglesi. Le guardie a cavallo, le montagne... Era un film d’azione, di molta azione.

impiegati impiegati

 

gli invincibili fratelli maciste gli invincibili fratelli maciste

Si diceva in quel periodo che era il film più spettacolare in giro. Sparatorie, acrobazie, cavalli. Girai una scena che inquadrava un individuo in primo piano e dietro di lui tre cavalieri che cadono uno dopo l’altro in sequenza, un’altra prevedeva un cavaliere che saltava da un cavallo all’altro e subito dopo cadeva a terra”. Da non perdere, se non l’avete mai visto, “In nome di Dio” di John Ford con John Wayne, Pedro Armendariz e Harry Carey jr su Rete 4 alle 16, 45. Remake di un suo vecchio film muto del 1916, “Three Godfathers”, sempre di ambientazione western, ha avuto una serie incredibile di remake più o meno ufficiali, perfino una con George Clooney durante la guerra in Iraq.

uno contro l’altro… praticamente amici 2 uno contro l’altro… praticamente amici 2

 

la mia super ex ragazza la mia super ex ragazza

La storia, quella di tre simpatici mascalzoni che si redimono durante un viaggio nel deserto, ma può essere ovunque, offre mille possibilità diverse. Ford girò questa bellissima versione a colori come tributo a Harry Carey Senior, suo vecchio attore da poco scomparso, nonché padre di uno dei tre protagonisti. Su Iris poco dopo, alle 17, 05, trovate un tardo Woody Allen, “Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni” con Naomi Watts, Anthony Hopkins e Josh Brolin, mentre alle 19, 20 lo scontro è tra “Impiegati” su Cine 34, il primo film del Pupi Avati più “serio” e più borghese, e “Uno contro l’altro… praticamente amici” di Bruno Corbucci, Rai Movie, con la coppia Renato Pozzetto-Tomas Milian.

in nome di dio 1 in nome di dio 1

 

uno contro l’altro… praticamente amici 1 uno contro l’altro… praticamente amici 1

In pratica Corbucci inserisce Pozzetto, con la sua flemma milanese in un film romanissimo dove Milian fa Quinto cecioni detto “Monnezza”, Anna Maria Rizzoli sprecatissima è sua sorella, Anna Cardini è la moglie coatta, Riccardo Billi è “Chiavica”, Bombolo è il ladro “Capoccione”, che tira le testate al muro quando scopre le cazzate che ha fatto ("100 mijoni? In quella valiggia c'erano 100 mijoni? Mamma che fijo stronzo che hai fatto!"). L’idea era quella di rendere meno volgare Monnezza con l’arrivo del milanese Pozzetto che si innamora di sua sorella Rizzoli. Ci provano, per carità, ma con quel cast era impresa impossibile… 

la verita' e' che non gli piaci abbastanza la verita' e' che non gli piaci abbastanza bloody psycho 5 bloody psycho 5 la verita' e' che non gli piaci abbastanza 1 la verita' e' che non gli piaci abbastanza 1 tutto puo' accadere a broadway 1 tutto puo' accadere a broadway 1 indianapolis –pista infernale 1 indianapolis –pista infernale 1 simbad e il califfo di bagdad simbad e il califfo di bagdad uno contro l’altro… praticamente amici uno contro l’altro… praticamente amici la verita' e' che non gli piaci abbastanza 3 la verita' e' che non gli piaci abbastanza 3 la casa delle finestre che ridono 4 la casa delle finestre che ridono 4 la verita' e' che non gli piaci abbastanza 2 la verita' e' che non gli piaci abbastanza 2 la mia super ex ragazza la mia super ex ragazza addio fottuti musi verdi 1 addio fottuti musi verdi 1 mission impossible fallout 1 mission impossible fallout 1 la casa delle finestre che ridono 3 la casa delle finestre che ridono 3 la casa delle finestre che ridono la casa delle finestre che ridono bloody psycho bloody psycho a napoli non piove mai 3 a napoli non piove mai 3 bloody psycho 2 bloody psycho 2 a napoli non piove mai 1 a napoli non piove mai 1 addio fottuti musi verdi addio fottuti musi verdi bloody psycho bloody psycho incontrerai l’uomo dei tuoi sogni incontrerai l’uomo dei tuoi sogni bloody psycho 9 bloody psycho 9 tutto puo' accadere a broadway tutto puo' accadere a broadway bloody psycho 2 bloody psycho 2 bloody psycho 4 bloody psycho 4 a napoli non piove mai a napoli non piove mai bloody psycho 3 bloody psycho 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

business

cronache

sport

DIEGO, MI MANCHI - FAUSTO LEALI RACCONTA L'AMICIZIA CON MARADONA E IL SUO MATRIMONIO DA FAVOLA: "IO E CALIFANO ERAVAMO GLI UNICI MUSICISTI INVITATI. TUTTA BUENOS AIRES ERA PER STRADA PER SALUTARE DIEGO, IN CHIESA CI TROVAMMO IMMERSI NEL LUSSO PIÙ SFRENATO. 200 MUSICISTI E 200 CORISTI A SUONARE LA NONA DI BEETHOVEN, CLAUDIA VESTITA DAI MIGLIORI STILISTI DEL MONDO. E IL PRANZO SUCCESSIVO… - MARADONA IMPAZZIVA PER ME. IN ARGENTINA GUARDAVA UNA TELENOVELA SOLO PERCHE’ LA SIGLA ERA MIA. POI VENNE IN ITALIA E…"

cafonal

viaggi

salute