QUEL GRANDE EQUIVOCO CHIAMATO SESSO – DAGO: “MASSÌ, HA RAGIONE IL FILOSOFO SLAVOJ ZIZEK: NON C'È NIENTE DI MENO NATURALE DEL SESSO. I NOSTRI DESIDERI SONO ARTIFICIALI. IL SESSO PER GLI UOMINI, NON È SESSO CON UNA DONNA MA CON LA NOSTRA FANTASIA. PER LA DONNA OVVIAMENTE È DIVERSO. IL VERO PIACERE STA TUTTO NEL MODO IN CUI IL SESSO È DESCRITTO DALLE PAROLE - DOPO TUTTO, IL SESSO È UNA STRANA CONNESSIONE TRA REALTÀ E FANTASIA LA CUI ESPRESSIONE ESAGERATA È LA PORNOGRAFIA...''

Condividi questo articolo


Roberto D’Agostino per VanityFair.it

 

Dago Dago

La nostra storia potrebbe benissimo incorniciare a mo' di distico una frase del filosofo Umberto Galimberti: "Il sesso non è una relazione io-tu. E' una relazione tra l'io e la mia follia. Un modo di conoscere il mio immaginario". Massì, non c'è niente di meno naturale del sesso. Non c'è niente di meno spontaneo nei desideri umani. I nostri desideri sono artificiali. 

 

È solo nella finzione cinematografica che otteniamo quella dimensione cruciale che non siamo pronti ad affrontare nella nostra realtà. E’ l’assunto di un dissacrante e provocatorio documentario, “Guida perversa al cinema” (Prime video) dello sloveno Slavoj Zizek, il filosofo più mediatico, energico e in alcuni casi stravagante dell'intero panorama occidentale, che esplora il mondo del cinema utilizzando il metodo della psicoanalisi. 

slavoj zizek 1 slavoj zizek 1

 

Pellicole cult come ‘’Gli Uccelli’’ (1963) e “La donna che visse due volte” (1958) di Alfred Hitchcock, “Persona” di Ingmar  Bergman, “Mulholland drive” e “Strade perdute” di David Lynch, insieme a molti altri film, sono sottoposti ad un’analisi spietata volta a dimostrare che “il cinema è l’arte perversa per eccellenza: non ti dà quello che desideri, ti insegna a desiderare”. 

naomi watts laura harring mulholland drive naomi watts laura harring mulholland drive

 

Ad esempio, ciò di cui parla veramente il capolavoro del 1966 di Bergman, “Persona”, il punto focale è l’enigma del desiderio femminile. E la conseguente diversità da quello maschile. Troppo spesso, sostiene Zizek, il sesso per gli uomini, da un punto di vista fallocentrico, non è sesso con una donna ma con la nostra fantasia. E quando scoprono di aver sbagliato l’identificazione della donna con le proprie fantasticherie, l'amore può sgonfiarsi rapidamente come un soufflé. 

HITCHCOCK HITCHCOCK

 

‘’Nella sessualità’’, sostiene Slavoj Zizek, ‘’non siamo mai solo io e il mio partner. Deve esserci sempre qualche elemento fantastico. Deve esserci un terzo elemento immaginario che mi renda possibile, che mi permetta, di impegnarmi nella sessualità’’. Insomma, quando l’uomo fa l’amore interagisce, la donna lo eccita solo se si inserisce nella cornice del suo immaginario, ridotta a un “oggetto masturbatorio”. 

COPPIA SESSO 3 COPPIA SESSO 3

 

Per la donna ovviamente è diverso. Il vero piacere sta tutto nel modo in cui il sesso è descritto dalle parole. ‘’Certo, alle donne piace fare sesso’’, precisa Zizek, “ma mentre lo fanno già mettono in atto o incorporano una distanza narrativa, osservando se stesse e narrativizzando l’atto di seduzione”. 

 

Il filosofo conclude che la sessualità, sebbene sembri una questione di corpi, in realtà non riguarda loro, ma l'esperienza di fantasia da un lato per gli uomini e l'erotico della parola per le donne (e anche la sua base nella fantasia). Dopo tutto, il sesso è una strana connessione tra realtà e fantasia la cui espressione esagerata è la pornografia.

COPPIA LETTO SESSO COPPIA LETTO SESSO sesso 4 sesso 4 sesso nei sogni 3 sesso nei sogni 3 sesso nei sogni sesso nei sogni sesso nei sogni sesso nei sogni sesso virtuale 9 sesso virtuale 9 sesso virtuale 6 sesso virtuale 6 sesso a tre sesso a tre laura antonelli sessomatto laura antonelli sessomatto laura antonelli sessomatto laura antonelli sessomatto sessomatto sessomatto sesso sogni sesso sogni sesso in maschera 1 sesso in maschera 1 sesso sesso

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute