"CERCHIAMO RAGAZZE CON DISTURBI ALIMENTARI" - L'ANNUNCIO È STATO POSTATO SUI SOCIAL DALLA MANAGER DI UNA NOTA SOCIETÀ DI PRODUZIONE TELEVISIVA, CHE DICE DI ESSERE CASTING DIRECTOR DI "FORUM": È STATO RIMOSSO DOPO UN PAIO D'ORE, QUANDO ORMAI IL CASINO ERA SCOPPIATO E MEDIASET SI ERA CHIAMATA FUORI - LA DENUNCIA DI MARUSKA ALBERTAZZI, REGISTA E ATTIVISTA DEL MOVIMENTO CHE LOTTA CONTRO QUEL TIPO DI PROBLEMATICHE: "È ISTIGAZIONE AI DISTURBI ALIMENTARI" - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Carlotta Lombardo per www.corriere.it

 

IL POST SUI DISTURBI ALIMENTARI IL POST SUI DISTURBI ALIMENTARI

«Per una nota trasmissione televisiva stiamo cercando ragazze dai 20 ai 25 anni che soffrono di disturbi alimentari. Se avete queste caratteristiche scrivetemi subito». Il messaggio, pubblicato sui social da Giada Massara sul suo profilo Instagram dove segnala di essere casting director di «Forum», è sparito in un paio d’ore ma non è sfuggito all’attenzione di Maruska Albertazzi, giornalista, attrice e regista bolognese attiva nella lotta ai disturbi alimentari e autrice del documentario «Hangry Butterflies. La rinascita delle farfalle» in cui racconta la lotta contro l’anoressia di giovani ragazze tra i 14 e i 22 anni.

 

anoressia anoressia

Visto l’annuncio, la regista ha subito fatto partire l’allarme salvando e rilanciando sulla sua pagina Instagram l’inquietante messaggio. «Ma secondo voi, no, ma può mai essere normale che si facciano i casting per chi soffre di DCA (Disturbo comportamento alimentare, ndr)?!? — scrive l’attivista del movimento del Fiocchetto Lilla, l’associazione simbolo della lotta contro i Disturbi del Comportamento Alimentare —. Ma non ci pensate che così non fate che promuovere i disturbi alimentari?!».

 

«Un’istigazione ai disturbi alimentari» e la posizione di Mediaset

La mail fornita nell’annuncio della Massara richiama a Corìma, società di produzione della trasmissione fondata nel 2007 da Marina Donato, vedova di Corrado Mantoni, e Massimiliano Lancellotti.

 

anoressia copia anoressia copia

Nel catalogo della società sono presenti alcuni tra i più popolari programmi televisivi italiani, i game show «Il Pranzo è Servito» e «Tira&Molla», e il varietà «La Corrida». Dal 2008 Corìma produce insieme a Mediaset «Forum», il tribunale televisivo in onda su Canale 5 e Rete 4 ora condotto da Barbara Palombelli.

 

Sull’iniziativa, la rete televisiva per la quale Giada Massara è casting director di «Forum», trasmissione per la quale è stata anche valletta nel 2013, ha replicato di non sapere niente perché gestita da una società esterna che non doveva usare il nome della rete.

 

«La trasmissione è “Forum” dove, notoriamente, chi partecipa in video come contendente è spesso un attore ma più spesso una persona con un vissuto simile a quello della storia in causa — denuncia ancora Maruska Albertazzi, questa volta su Facebook — . Bene, qui si cercano ragazze malate di DCA che interpretino ragazze malate di DCA.

 

anoressia anoressia

Senza pensare che fare un casting per malate di disturbi alimentari è un trigger terribile per la malattia. Senza pensare che interpretare un ruolo per una non-attrice significa non avere gli strumenti di difesa che si imparano nelle accademie e nelle scuole di recitazione.

 

Senza pensare che poter andare in tv grazie alla propria malattia fornisce un rafforzo non indifferente alla malattia stessa. Senza un supporto clinico. Questa per me è istigazione ai disturbi alimentari bella e buona».

 

anoressia anoressia

Una malattia grave, in aumento dopo la pandemia

Rifiutare il cibo, nasconderlo, sputarlo. Abbuffarsi e vomitare. Per controllare il peso. Compensando un senso di fragilità interiore e di impotenza nelle relazioni con gli altri e verso la realtà esterna che non si è in grado di controllare. Con la pandemia i disturbi del comportamento alimentare sono esplosi, colpendo ragazzi di età sempre minore, sotto i 14 anni, nel 90% dei casi di sesso femminile.

 

Ancora oggi questo problema sopporta il peso di pregiudizi che mortificano chi ne soffre e rendono difficile l’organizzazione delle cure. Vanno considerati per quello che sono: una malattia grave e cronica, con sintomi complessi e molte cause.

 

anoressia 1 anoressia 1

«No, non sono una cosa passeggera che si risolve da sola. No, non sono un capriccio o una richiesta di attenzioni. No, non sono un modo di mettere sotto scacco mamma e papà, o di punirli. No, non sono questione di vanità. Le malattie del comportamento alimentare sono vere e proprie patologie psichiatriche e non hanno nulla di “glamour” — si legge sulla pagina Facebook di Maruska Albertazzi —. Le malattie del comportamento alimentare sono brutte e cattive. E sono malattie. Lo ripeterò fino allo sfinimento. Malattie».

 

L’Istituto superiore di sanità (Iss) ha mappato 91 centri pubblici su tutto il territorio nazionale: 48 al Nord, 14 al Centro e 29 tra Sud e Isole. La mappa è disponibile online (piattaformadisturbialimentari.iss.it) e riporta anche i contatti per poter chiamare e la tipologia di interventi proposti in ogni struttura.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – C’ENTRA QUALCOSA L’AZERBAIGIAN NELLA MORTE DI RAISI? NON SI SA: DI CERTO BAKU È IL PRIMO FORNITORE DI PETROLIO DI ISRAELE, GLI 007 AZERI VENGONO ADDESTRATI DAL MOSSAD E SI VOCIFERA DI BASI SEGRETE ISRAELIANE – SI AVVICINA IL DOPO KHAMENEI (84 ANNI) CHE VEDE IN LOTTA IL DI LUI FIGLIO MOJTABA CONTRO L'EREDE DELL’EX AYATOLLAH KHOMEINI – PER LA SUCCESSIONE A RAISI IN CORSA L'ULTRADESTRO GHALIBAF E IL MODERATO LARIJANI – I COLLOQUI IN OMAN TRA WASHINGTON E TEHERAN, PER LA DE-ESCALATION NEL GOLFO, CONTINUANO, IN BARBA AI PASDARAN (E A NETANYAHU)

DAGOREPORT - COM’È NATO E COME È AFFONDATO IL REDDITOMETRO - LE CASSE PUBBLICHE SONO PIU' VUOTE DEL CERVELLO DI LOLLOBRIGIDA. E QUAL È LA SOLUZIONE DEL VICEMINISTRO LEO (FDI) PER RAGGRANELLARE QUALCHE SPICCIOLO NEL PIÙ BREVE TEMPO POSSIBILE? FACILE: TARTASSARE IL CONTRIBUENTE. LA DUCETTA, CHE NON CAPISCE NULLA DI FINANZA CREATIVA, APPROVA - LA RIVOLTA DI TAJANI E SALVINI, NON INFORMATI DEL REDDITOMETRO, A POCHE SETTIMANE DAL VOTO: E LA MELONA E' COSTRETTA A RITIRARE IL DECRETO – GIORGETTI, SOLITO CEFALO IN BARILE: DICE A SALVINI DI NON SAPERE MA SOTTO SOTTO APPROVAVA LA MISURA – DAL VOTO EUROPEO AL REDDITOMETRO, LA SITUAZIONE DELLA “MAGGIORANZA COESA” È QUESTA: SALVINI CONTRO TAJANI, DA UNA PARTE. DALL'ALTRA: SALVINI E TAJANI INSIEME CONTRO LA DUCETTA...

FLASH – A CHE PUNTO È LA NOTTE UCRAINA? I MISSILONI AMERICANI STANNO PER ARRIVARE: QUANDO I RIFORNIMENTI SARANNO OPERATIVI, PARTIRÀ UNA CONTROFFENSIVA DELL’ESERCITO DI ZELENSKY, CHE DOVREBBE ALMENO ARRESTARE L’AVANZATA DEI RUSSI A KHARKIV E NEL DONBASS – LE TRATTATIVE SEGRETE PER LA TREGUA VANNO AVANTI, MA PER GLI USA SI POTRANNO CONCRETIZZARE SOLTANTO QUANDO GLI UCRAINI AVRANNO “TAMPONATO” L’OFFENSIVA DI PUTIN. QUANDO “MAD VLAD” SARÀ TORNATO UN PASSO INDIETRO, I COLLOQUI PER IL CESSATE IL FUOCO ENTRERANNO NEL VIVO…

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI 

PER ROMA È LA FINE DI UN’ERA: CHIUDE I BATTENTI “IL BOLOGNESE” (MA NON PER SEMPRE) – ALFREDO TOMASELLI E SUO FIGLIO ETTORE VENDONO LO STORICO RISTORANTE DI PIAZZA DEL POPOLO, DOVE IN OLTRE 60 ANNI SI SONO ATTOVAGLIATE CELEBRITÀ D'OGNI SORTA, CAPI DI STATO E STARLETTE, BOIARDI DELLA PRIMA REPUBBLICA E ASPIRANTI VIP ACCORSI SPERANZOSI DI FARSI VEDERE DALLA PIÙ REMOTA PROVINCIA – I TOMASELLI PASSANO LA MANO MA LA GLORIOSA INSEGNA RESTERÀ AI NUOVI PROPRIETARI: “RESISTERE AL DEGRADO DEL CENTRO DI ROMA ERA DIVENTATO TROPPO FATICOSO” – QUELLA VOLTA CHE GHEDDAFI TEMETTE DI ESSERE AVVELENATO…