"GUARDAI VERSO IL BASSO E CAPII CHE STAVO LASCIANDO IL MIO CORPO'’ - LA STORIA DI NIKKI SIXX, BASSISTA DEI METALLARI MÖTLEY CRÜE, CHE FU DICHIARATO MORTO PER DUE MINUTI A SEGUITO DI UN’OVERDOSE DI EROINA – FU SALVATO CON UNA SIRINGATA D’ADRENALINA AL CUORE, COME IN "PULP FICTION" - ORA SIXX STA CERCANDO DI RINTRACCIARE LA SUA FAMIGLIA IN SICILIA: IL NONNO PATERNO SI CHIAMAVA SERAFINO FERANNA, NATO A CALASCIBETTA... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


DA www.virginradio.it

nikki sixx nikki sixx

 

Nella notte tra il 22 e il 23 dicembre 1987 Nikki Sixx, il leggendario bassista e fondatore dei Mötley Crüe, fu dichiarato morto per due minuti a seguito di un’overdose di eroina. Da quel momento in poi la sua vita cambiò definitivamente.

 

Ma come andarono le cose durante quella nottata al Franklin Plaza Hotel di Los Angeles?

Come si può immaginare i racconti e le testimonianze di quell'episodio non sono certamente chiari per nessuno dei presenti ma tutto si svolse in compagnia di Slash e Steve Adler dei Guns N' Roses e Robbin Crosby dei Ratt.

 

Dopo una notte di festa sfrenata a base di droghe Nikki Sixx decise di iniettarsi l'ultima dose di eroina con l'ultima siringa rimasta e in un attimo perse i sensi. Durante questa ennesima e violentissima overdose le cose andarono diversamente rispetto al passato, Sixx divenne immediatamente cianotico e nessuno riusì a svegliarlo o rianimarlo.

 

nikki sixx 4 nikki sixx 4

Come raccontato dallo stesso bassista all'interno del libro The Heroin Diaries: A Year in the Life of a Shattered Rock Star fu Sally McLaughlin, l'allora compagnia di Slash, a tentare una respirazione bocca a bocca sul corpo senza sensi di Sixx mentre il chitarrista dei Guns N' Roses, completamente ignaro di ciò che stava accadendo, era intanto a distruggere il bagno della stanza.

 

motley crue motley crue

Nonostante Sixx non mostrava alcun segno di vita i paramedici sopraggiunti in breve tempo sul posto provarono a somministrare al bassista una dose di adrenalina. Il bassista ha raccontato che nel libro biografico della band The Dirt: Confessions of the World's Most Notorious Rock Band che in quel momento stava sperimentando una sorta di esperienza extracorporea: "Provai a mettermi a sedere per capire cosa stesse succedendo. Pensai che sarebbe stato difficile sollevare il mio corpo. Ma con mia sorpresa mi sembrava di essere in piedi, come se non pesassi nulla. Poi è stato come se qualcosa di molto dolce mi stesse afferrando la testa e mi tirasse verso l'alto. Sopra di me era tutto bianco. Guardai verso il basso e capii che stavo lasciando il mio corpo terreno. Nikki Sixx, o il contenitore sporco e tatuato che un tempo mi conteneva, giaceva coperto con un lenzuolo in faccia disteso su una barella spinta dai paramedici dentro un'ambulanza".

motley cure 3 motley cure 3

 

In mezzo a tutta quella confusione la notizia della morte di Sixx venne immediatamente trasmessa in radio. Nel libro The Heroin Diaries Vince Neil ricorda quel momento così devastante: "Forse nel profondo sapevo che sarebbe successo un giorno, ma mi fece a pezzi quella notizia perché amavo Nikki, anche se era un arrogante egoista. Piansi. E fu la prima volta che lo feci".

 

nikki sixx 3 nikki sixx 3

Ma poi, senza alcuna apparente spiegazione scientifica, Sixx si svegliò poche ore dopo in ospedale e, non felice di trovarsi in quel posto, se ne andò dalla struttura senza dire niente a nessuno: "C'era un poliziotto che mi faceva delle domande, quindi gli dissi di andare a farsi fottere. Strappai dei tubi e mi ritrovai vestito solo dei miei pantaloni di pelle nel parcheggio, dove due ragazze adolescenti stavano piangendo per me attorno a una candela. Avevano sentito alla radio che ero morto e sembravano un po' sorprese di vedermi". Le adolescenti diedero al bassista una loro giacca, un depliant su come smettere di drogarsi e un passaggio a casa, sulla loro Mazda.

 

L'episodio venne ripreso anche nella trasposizione cinematografica di The Dirt, il film biografico sulla storia dei Mötley Crüe.

 

DA www.ilsicilia.it

nikki sixx e il nonno siciliano nikki sixx e il nonno siciliano

 

Il siciliano che è in Nikki Sixx si è risvegliato.

 

Il bassista e leader dei Mötley Crüe, storico gruppo heavy metal statunitense, sta cercando i propri parenti e chiede l’aiuto dei fan in Italia tramite i social.

 

Nikki, nato a San Josè, in California, l’11 dicembre 1958, è figlio di Deana Richards e di Franklin Carlton Serafino Feranna Sr, originario di Calascibetta.

nikki sixx 2 nikki sixx 2

 

Il padre abbandonò la famiglia quando Nikki aveva solo quattro anni e il piccolo è cresciuto con la madre, una corista che ha collaborato con Mitzi Gaynor, Count Basie, Nelson Riddle e Frank Sinatra.

 

I continui spostamenti dovuti al lavoro della madre hanno portato Nikki ad avere un’infanzia molto travagliata, ma, allo stesso tempo, a far nascere in lui  una grande passione per la musica che lo ha fatto diventare uno dei migliori bassisti al mondo.

 

L’APPELLO AI FAN

 

Il bello, carismatico e folle bassista, dotato di una personalità unica, versatile e frenetico, ha da poco pubblicato la suo biografia e forse da questo è nata la voglia di sapere di più delle sue origini.

nikki sixx 3 nikki sixx 3

 

Il nonno paterno di Nikki si chiamava Serafino Feranna, nato a Calascibetta, figlio di una donna soprannominata “Culianna“.

 

“Mio nonno è venuto in America su una barca dalla Sicilia” scrive il bassista dei Mötley Crüe che chiede ai fan italiani “Qualcuno ha mai incontrato un’altra Feranna di cognome?”.

 

Questa ricerca porterà Nikki Sixx in Sicilia per scoprire le sue origini? Di certo i fan lo aiuteranno.

nikki sixx 2 nikki sixx 2 nikki sixx 1 nikki sixx 1 nikki sixx 4 nikki sixx 4 nikki sixx illustrazione di mark summers nikki sixx illustrazione di mark summers nikki sixx 6 nikki sixx 6 nikki sixx 5 nikki sixx 5 motley crue 2 motley crue 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute