"I MANESKIN? CHI, CHE NOME E'? NON LI CONOSCO" - MARK KNOPFLER, IL LEGGENDARIO FRONTMAN E CHITARRISTA DEI "DIRE STRAITS", A 74 ANNI, ANNUNCIA IL RITIRO DALLE TOURNÉE: "MI SEMBRA CHE SUONO DA 100 ANNI. ORMAI IL MIO STILE È PEGGIORATO VOGLIO STARE A CASA CON LA MIA FAMIGLIA E SUONARE IN PACE. UNA REUNION CON I DIRE STRAITS? DI SICURO NON SARO IO A RIFORMARE LA BAND" - "LE CARRIERE MUSICALI? SEMPRE PIÙ CORTE, DURANO DUE ANNI. L'INDUSTRIA DELLO SPETTACOLO LASCIA I GIOVANI ARTISTI NELLE GRINFIE DI PREDATORI CHE LI CONSUMANO"

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Paolo Giordano per www.ilgiornale.it

 

MARK KNOPFLER MARK KNOPFLER

Allora Mark Knopfler, è appena uscito il nuovo album One Deep River, quando torna sul palco?

«Niente tour».

 

Ma come niente concerti dal vivo dopo decenni di concerti?

«Starò a casa con mia moglie e con la famiglia e registrerò altre canzoni in studio di registrazione, ma niente show».

 

[…] da come lo dice, Mark Knopfler ha proprio finito la voglia di fare tournèe mondiali, […] A quasi 75 anni e 46 anni dopo il primo disco con la splendida Sultans of swing, si accontenterà (si fa per dire) di essere uno dei chitarristi più riconoscibili (suona senza plettro) e uno degli artisti più riservati di sempre […] Ora registrerà altri album e magari comporrà qualche colonna sonora […]. Lo dice tranquillo dal suo studio di registrazione in West London parlando delle nuove canzoni (per il Record Store Day del 20 aprile uscirà l'Ep The boy con 4 inediti), […]«Le carriere musicali diventano sempre più corte, durano due anni».

MARK KNOPFLER MARK KNOPFLER

 

La sua va avanti da cinquant'anni.

«Mi sembrano cento».

 

[…]

 

A molti piace, o conviene, riformare le proprio band...

«Io di sicuro non riformerò i Dire Straits, mi è piaciuto esserne parte e sono felice di ciò che sono stati. Ma non sono più interessato a fare la gara su chi è più grande dell'altro».

 

[…] A proposito, cosa ricorda di quand'era giornalista?

MARK KNOPFLER MARK KNOPFLER

«Quel lavoro mi ha aperto la visuale, prima non capivo niente del mondo, è stato un corso accelerato di vita. Lo sa che c'è un brano del disco che ricorda quel tempo? Black tie jobs (letteralmente lavori con la cravatta nera - ndr). Ti metti la cravatta nera quando vai a un funerale a salutare i parenti di chi non c'è più. Ecco nelle vecchie redazioni, forse anche in quelle moderne, bisognava sempre tenere una cravatta nera nel caso si dovesse andare a fotografare o intervistare qualcuno a un funerale».

 

le chitarre di mark knopfler 4 le chitarre di mark knopfler 4

[…] Mark Knopfler è considerato uno dei chitarristi migliori di sempre.

«Ultimamente il mio stile è peggiorato. Amo la chitarra per scrivere ma non voglio essere un virtuoso, non ho mai voluto diventare come Jimmy Page o Ritchie Blackmore. Magari suono come un idraulico e il mio insegnante non approva (ride - ndr) ma ogni nota che suono è al servizio delle canzoni. Le canzoni sono come bambini, devi dar loro il massimo per avere una vita quando lasciano la casa. Insomma sono tutte canzoni dell'arrivederci (ride - ndr).

 

mark knopfler 6 mark knopfler 6

Oggi la chitarra è suonata sempre meno dai giovani, a parte i Maneskin.

«Chi? Che nome è? Non li conosco. Andrò ad ascoltarli».

 

Fanno rock.

«A me va bene anche se, per suonare, una nuova band usa il detersivo per piatti. Non credo ci dovrebbe essere una legge che detti le regole, una norma che dica attenzione, se suoni blue grass devi usare banjo e mandolino. Non amo le limitazioni».

 

Il terzo brano del disco si intitola Smart money, soldi facili. Prima cantava Money for nothing, soldi in cambio di nulla.

«I soldi facili sono quelli che ti promette lo scommettitore. In realtà è una critica alla discografia e all'industria dello spettacolo che lascia i giovani artisti nelle grinfie di predatori che li consumano. C'è qualcosa di triste nell'essere consumati così».

mark knopfler 7 mark knopfler 7

 

Ma non è sempre successo?

«Sì i Beatles registrarono il primo disco con un centesimo in tasca. All'inizio è come entrare nelle fossa dei leoni, ma non hai un esercito, hai solo una chitarra».[…]

le chitarre di mark knopfler 2 le chitarre di mark knopfler 2 mark knopfler umbria jazz 2010 mark knopfler umbria jazz 2010 mark knopfler 2 mark knopfler 2 john illsley mark knopfler 1 john illsley mark knopfler 1 john illsley mark knopfler 2 john illsley mark knopfler 2 mark knopfler umbria jazz 2010 mark knopfler umbria jazz 2010 mark knopfler 1 mark knopfler 1 mark knopfler 5 mark knopfler 5 le chitarre di mark knopfler 1 le chitarre di mark knopfler 1 mark knopfler 3 mark knopfler 3 mark knopfler 4 mark knopfler 4 le chitarre di mark knopfler le chitarre di mark knopfler

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI