"IL SALONE MARGHERITA POTREBBE DIVENTARE UN SUPERMERCATO? SIAMO MATTI? C’È IL VINCOLO DELLE BELLE ARTI” – L’INVENTORE DEL BAGAGLINO, PIER FRANCESCO PINGITORE, RICORDA QUANDO L’AMBASCIATA USA GLI CHIESE DEI POSTI PER JACKIE KENNEDY E LA BATTUTA DI ANDREOTTI: “GLI CHIEDEMMO “LEI VORREBBE FARE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA? E LUI RISPOSE: LA MIA ASPIRAZIONE È DIVENTARE PAPA...” - COSA DICE PINGITORE, GIA’ GIOVANE DIRIGENTE DEL FUAN, DELL’ARTICOLO “SPIONISTICO” FIRMATO DA LUI SU ALDO MORO? - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Emilia Costantini per il Corriere della Sera - Estratti

 

Nato a Catanzaro, ma romano d’adozione?

pingitore marini pingitore marini

«Esatto. Vivo nella Capitale da quando avevo 2 anni. Mi definisco un “calabrotto” — risponde scherzando Pier Francesco Pingitore, creatore dello storico locale capitolino «Il Bagaglino» —. Da sempre amo la storia romana, il dialetto romanesco spiritoso e al tempo stesso tagliente: è diventato il mio dialetto».

 

(...)

Perché il nome Bagaglino?

salone margherita il bagaglino salone margherita il bagaglino

«Da Bragaglia, il grande regista, fondatore del Teatro degli Indipendenti: lo conoscevo bene, era una firma del settimanale Lo Specchio, dove ero caporedattore. Dopo la sua scomparsa, in suo onore volevo chiamare il locale Bragaglino, ma sua figlia ci impedì di usarne il nome e Castellacci disse: togliamo la erre».

 

pier francesco pingitore foto di bacco pier francesco pingitore foto di bacco

Lo spettacolo del debutto?

«“I tabù”. Pensavamo che sarebbero venuti a vederci quattro amici e, invece, tutta Roma! Ci chiamò persino l’ambasciata americana, per chiederci quattro posti per Jacqueline Kennedy, in visita nella Capitale».

Bella soddisfazione!

«Sì, ma il nostro spazio poteva contenere 60 persone, e quella volta avevano già prenotato oltre 160! La nostra segretaria urlò al telefono: è tutto pieno!».

 

Qual è la Roma dell’epoca nei suoi ricordi?

«Tra la fine anni ‘50 e i primi ‘60, il ricordo principale è la Dolce vita in via Veneto: un fiume in piena, adesso un fiume in secca. Prima di fondare il Bagaglino, la sera correvo al Café de Paris, mi tuffavo in quel frenetico viavai di personaggi più o meno famosi.

salone margherita il bagaglino salone margherita il bagaglino

 

Tra i tanti, Maurizio Arena, molto ricercato dalle signore aristocratiche, infatti ebbe una relazione con Maria Beatrice di Savoia, si divertiva a dire: “C’ho le principesse ar parcheggio che m’aspettano”. Re Faruk: essendo musulmano, beveva solo aranciate e, quando alle 2 di notte usciva dal locale, si infilava di corsa nella limousine per non farsi fotografare. Liz Taylor, che mangiava alla Taverna Flavia, anche lei perseguitata, insieme a Richard Burton, dai paparazzi...».

 

Carla Vistarini e Oreste Lionello - Salone Margherita Carla Vistarini e Oreste Lionello - Salone Margherita

Federico Fellini?

«Ovviamente sì. Federico divenne poi un frequentatore assiduo del Bagaglino, diventammo amici in quel nostro locale fumoso di sigarette che aveva un effetto quasi psichedelico. Si iniziava alle 10 di sera per finire all’una di notte, con l’intervallo delle pennette all’arrabbiata, servite agli spettatori. Dopo la chiusura, in pochi amici andavamo a mangiare dal buiaccaro a piazza del Gesù e concludevamo il giro nella bottega di Pino il pasticcere, che ci riempiva di golosità. Andavamo a dormire alle 6 del mattino».

 

(...)

pier francesco pingitore foto di bacco (2) pier francesco pingitore foto di bacco (2)

Sul vostro palco, tanti i protagonisti: Oreste Lionello, Pino Caruso, Tony Cucchiara, Gabriella Ferri...

«Con il mio socio, non conoscevamo Gabriella. Quando la sentimmo cantare, rimanemmo a bocca aperta: la voce straordinaria, i suoi occhi splendidi e soprattutto una personalità eccezionale, nata per il palcoscenico. Quando cantò “er barcarolo va contro corente...”, ci fece venire i brividi per l’emozione».

Nel 1972 traslocate dal Bagaglino al Salone Margherita, a via Due Macelli, café-chantant della Belle Epoque.

pierfrancesco pingitore foto di bacco pierfrancesco pingitore foto di bacco

«La cantina di via della Campanella, ormai, ci andava un po’ stretta e poi, con quell’umidità, io soffrivo di dolori reumatici pazzeschi. Il Salone, che aveva avuto una storia gloriosa, era destinato a fallire e il proprietario, il cavalier Marino, disperato: accettò di darci la gestione. Gabriella interpretò la canzone Dove sta’ Zazà e fu un successo stratosferico».

 

 

Quella volta che salì sul palco del Salone Margherita Giulio Andreotti?

«Troppo divertente... Ospitavamo spesso dei personaggi politici: sia reali, sia imitati da Oreste Lionello, Pippo Franco, Leo Gullotta. Avevamo fatto realizzare a grandezza naturale la riproduzione, in polistirolo, della Bocca della Verità, l’antico mascherone in marmo di Santa Maria in Cosmedin. Venne il vero Andreotti e, prima di fargli una domanda, gli dicemmo che doveva infilare la mano nella fatidica bocca, quindi rispondere la verità...».

 

il salone margherita il salone margherita

Quale domanda e quale risposta?

«Gli chiedemmo: lei vorrebbe fare il Presidente della Repubblica? E lui rispose: la mia aspirazione è diventare Papa...».

Il Salone Magherita è chiuso dal 2020...

«L’ultimo spettacolo è stato La Presidente, interpretata da Valeria Marini: aveva un lungo programma di repliche, ma venne bloccata dal Covid. Finita la pandemia, abbiamo tentato in tutti i modi di riaprire il locale, che è della Banca d’Italia, ma ancora non ho notizie certe».

 

Potrebbe diventare un supermercato?

«A due passi da piazza di Spagna: siamo matti? C’è l’obbligo di destinazione d’uso e il vincolo delle Belle arti, non può essere utilizzato a fini commerciali».

Roma va rispettata...

«È una città che ha sempre ingoiato le persone che volevano farsi ingoiare, ma bisogna amarla per la sua storia millenaria, per la sua bellezza e anche per i suoi vizi, tra geni e furfanti. È davvero Roma Capoccia».

ARTICOLI CORRELATI

 

ANDREOTTI A BIBERON BAGAGLINO ANDREOTTI A BIBERON BAGAGLINO pier francesco pingitore leo gullotta pamela prati pier francesco pingitore leo gullotta pamela prati pier francesco pingitore foto di bacco (1) pier francesco pingitore foto di bacco (1) RE FARUK RE FARUK maurizio arena maria beatrice di savoia maurizio arena maria beatrice di savoia pier francesco pingitore gabriella ferri pier francesco pingitore gabriella ferri pietrangelo buttafuoco pier francesco pingitore foto di bacco pietrangelo buttafuoco pier francesco pingitore foto di bacco pier francesco pingitore foto di bacco pier francesco pingitore foto di bacco pingitore castellacci pingitore castellacci berlusconi al bagaglino con pingitore 10 berlusconi al bagaglino con pingitore 10 berlusconi al bagaglino con pingitore 1 berlusconi al bagaglino con pingitore 1 valeria marini (4) valeria marini (4) berlusconi al bagaglino con pingitore 8 berlusconi al bagaglino con pingitore 8 berlusconi al bagaglino con pingitore 7 berlusconi al bagaglino con pingitore 7 pier francesco pingitore pier francesco pingitore

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)