"TIKTOK È UNA MINACCIA PER LA SICUREZZA NAZIONALE. MA VIETARLA SI TRADURREBBE IN 'GRANDI BENEFICI' A FACEBOOK" – DONALD TRUMP SUONA LA CARICA: “LA PIATTAFORMA DI MARK ZUCKERBERG LA CONSIDERO NEMICA DEL POPOLO. DAZI PIÙ PESANTI NEI CONFRONTI DELLA CINA? NON SONO PREOCCUPATO DALLE REAZIONI DI PECHINO. SE SARÒ ELETTO NESSUNA STRETTA SULL'USO DEL BITCOIN..."

- -
 
-

Condividi questo articolo


TRUMP, DIVIETO A TIKTOK SI TRADURREBBE IN BENEFICI PER FACEBOOK

donald trump donald trump

(ANSA) - TikTok è una minaccia per la sicurezza nazionale ma vietarla si tradurrebbe in "grandi benefici" a Facebook e Facebook è stata "molto dannosa per il nostro paese". Lo ha detto Donald Trump in un'intervista a Cnbc.

 

"Senza TikTok, Facebook diventerebbe più grande e io considero Facebook un nemico del popolo", ha aggiunto Trump nel corso dell'intervista a Cnbc. L'ex presidente ha poi difeso il suo piano per dazi più pesanti nei confronti della Cina, dicendosi non preoccupato da eventuali reazioni di Pechino. Se volessero anche loro aumentare i dazi "per me è ok, potrebbero farlo ma non lo hanno fatto con me" in precedenza, ha spiegato.

donald trump donald trump

 

Trump ha ventilato privatamente l'ipotesi di dazi al 60% sulle importazioni cinesi nel caso di una sua rielezione. "Alla Cina direi: se costruite un impianto di auto in Messico e poi volete venderle negli Stati Uniti, io impongo un dazio del 50% su quelle vetture", ha messo in evidenza Trump con Cnbc.

 

TRUMP, 'SE SARÒ ELETTO NESSUNA STRETTA SULL'USO DEL BITCOIN'

(ANSA) - Donald Trump non intende attuare alcuna stretta sull'uso del Bitcoin e delle altre criptovalute nel caso fosse rieletto alla Casa Bianca. Lo ha lasciato intendere lo stesso ex presidente in un'intervista a Cnbc. "Ho visto che è molto usato", ha detto Trump, notando che molti di recente hanno acquistato la sua nuova linea di sneaker proprio in Bitcoin.

 

tiktok 1 tiktok 1

L'ex presidente comunque precisa di non avere Bitcoin nel suo portafoglio di investimenti. "Ogni tanto però consento di pagarmi" nella valuta digitale", ha ammesso, riferendosi ai pagamenti effettuati alle sue società.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO