"CON TUTTO L'ORRORE DEL MONDO, È GIUSTO FARE UNA FESTA, SOGNARE? PER ME LA RISPOSTA È SÌ. È IL NOSTRO LAVORO" - BAZ LUHRMANN SUL SUO FILM SU ELVIS: "CREDO CI SIA BISOGNO DI FILM PER GUSTI DIVERSI. IL PUBBLICO HA PAURA DI TORNARE AL CINEMA, PER QUESTO SONO QUI A BATTERMI: PER FARLI TORNARE A RITROVARE LA MAGIA" - "I MÅNESKIN SONO STATI IL VALORE AGGIUNTO. IL FINALE POTENTE L'HO AFFIDATO A DAMIANO CON 'IF I COULD DREAM'. DA COME LO CANTA, CAPISCI QUANTO GLI PIACCIA ELVIS MA ANCHE CHE… 

-

Condividi questo articolo


Arianna Finos per “la Repubblica”

 

baz luhrmann 1 baz luhrmann 1

Intervistarlo è come entrare in un suo film: travolgente, colorato, melodrammatico, pop. The Baz Luhrmann show. Pantaloni chiari, maglietta nera, codino e bracciali, il regista australiano, 59 anni, cerca di continuo lo sguardo dell'interlocutore, contiene a tratti l'impeto di abbracciarlo. Ha tutte le ragioni di essere felice, il suo Elvis - epico film musicale che esplora vita e carriera del re del rock' n'roll (l'attore Austin Butler) attraverso il rapporto con l'infame agente, il colonnello Parker (Tom Hanks) - ha acceso l'ultimo Festival di Cannes, dove lo abbiamo incontrato, e arriva in sala oggi con Warner.

baz luhrmann 2 baz luhrmann 2

 

Alla Croisette lei ha consegnato anche una festa memorabile tra installazioni, musica, droni, l'esibizione dei Måneskin.

«In questo momento ci capita di pensare: con tutto l'orrore del mondo, è giusto fare una festa, sognare? Per me la risposta è sì. È il nostro lavoro. C'è un vecchio film di Hollywood, I dimenticati , in cui il regista dirige commedie ma a un certo punto decide di fare film seri.

 

Finisce in prigione e vive un momento difficile. Una volta alla settimana i detenuti vedono un film, che è un film di Topolino. Tutti ridono e il regista si rende conto che, nei momenti di dolore, parte del lavoro dei narratori è ricordarti di sognare, ballare, vivere, cantare, perché là fuori c'è abbastanza oscurità. Quanto alla festa, i Måneskin sono stati il valore aggiunto, e se ho progettato titoli di coda pieni di artisti a sorpresa, a cominciare da Eminem, il finale potente l'ho affidato a Damiano con If I could dream . Magnifico».

baz luhrmann 3 baz luhrmann 3

 

Ha scelto lei il brano?

«È stata una loro idea. Ho chiesto che brano volessero e non hanno avuto dubbi. Da come lo canta Damiano, capisci quanto gli piaccia Elvis ma anche che ne fa una sua interpretazione. Diversa, ma con la stessa intensità emotiva».

 

La sua storia da regista è legata a Cannes, dall'esordio con "Ballroom - Gara di ballo" nel '92.

«Un film realizzato a fatica, con pochi soldi e un solo esercente disposto a prenderlo, in Australia. Poi vide il film, disse che era il peggiore mai visto e ci tolse lo schermo. Significava uscire direttamente in videocassetta.

baz luhrmann 4 baz luhrmann 4

 

Sono entrato in depressione, mi sono rifugiato in un parcheggio per roulotte e lì, da un vecchio telefono, un giorno ricevo una chiamata. Era l'allora direttore del Festival di Cannes, Gilles Jacob: "La commissione mi ha mostrato cinque film. L'unico che abbia trovato insolito, diverso e unico è il tuo. Se vuoi, vieni a Cannes e lo proietterò a mezzanotte". L'ha fatto, trent' anni fa, al Palais.

 

La folla ebbe una reazione entusiasta. Una guardia di sicurezza mi disse "la tua vita non sarà più la stessa". Aveva ragione. Devo a Cannes la mia carriera cinematografica, e per due volte ho inaugurato il festival, con Moulin Rouge! e poi con Il grande Gatsby . E ora Elvis ».

 

baz luhrmann 6 baz luhrmann 6

Con "Romeo+Juliet", nel 1996, diede una grande occasione a Leonardo DiCaprio, oggi nasce la stella Austin Butler. Come si scopre un talento?

«Con Leo ero nella stessa situazione di Austin. Ero convinto di fare Romeo+Juliet ma non trovavo un protagonista all'altezza, che fosse maggiorenne ma sembrasse più giovane. Leo avrà avuto 19 anni, lo vidi su una rivista di gossip, pensai che fosse un modello. Dicevo "dobbiamo trovare un attore che gli somigli, lui è Romeo".

 

baz luhrmann e austin butler 2 baz luhrmann e austin butler 2

 Poi mi dicono ma quale modello? È un attore e anche bravo. Vedo Buon compleanno Mr. Grape : boom. Vado a Los Angeles, gli spiego il progetto, gli dico "non prendere una decisione, ti darò due biglietti per l'Australia e una vacanza con tuo padre sulla barriera corallina, facciamo un workshop e se non ti piace te ne vai. Ha incassato i biglietti ed è venuto con gli amici, abbiamo fatto un piccolo video che conservo ancora.

 

baz luhrmann e austin butler 1 baz luhrmann e austin butler 1

Quanto a Austin, senza di lui non avrei potuto fare il film. Ricevo una videocassetta con questo ragazzo in vestaglia, piange e suona Unchained melody. Poi ho saputo che lo aveva fatto nel giorno in cui aveva perso sua madre. Denzel Washington, che aveva lavorato con lui in teatro nel 2018 in The Iceman cometh, mi ha telefonato apposta: devi vedere questo giovane attore, non sono mai stato sul palco con qualcuno così dedito al lavoro. Per due anni ha vissuto come Presley».

baz luhrmann 7 baz luhrmann 7

 

A Cannes è anche partito il can-can di "Moulin Rouge!".

«Un film difficile da realizzare, girato nei teatri di posa, non vedevamo la luce del giorno. E tutti erano scettici all'idea di un musical con brani moderni. Siamo andati a Cannes, era il 2001, Nicole Kidman ha infranto le regole, è uscita dal red carpet e si è messa a firmare autografi. Sembrava uno spettacolo rock. E abbiamo ballato il can-can.

 

La proiezione è stata meravigliosa ma il giorno dopo un critico del Times l'ha adorato e un altro ha parlato di spazzatura. Accade spesso, perché i miei film sono da sala, non puoi vederli da solo in una stanza. Moulin Rouge! è stato un'esperienza musicale collettiva e nel tempo molti hanno cambiato idea».

 

baz luhrmann 5 baz luhrmann 5

Dopo tutti questi anni la sua missione con Elvis è finita. Come si sente?

«Ma io non ho finito. Elvis è il mio film-figlio. È vero, ci sono Maverick e Batman ma credo ci sia bisogno di film per gusti diversi per riportare il pubblico al cinema. Questa è la mia missione e non finirà finché il film non arriverà nelle sale in tutto il mondo. Il pubblico ha paura di tornare al cinema, per questo sono qui a battermi: per farli tornare a ritrovare la magia».

baz luhrmann 8 baz luhrmann 8 elvis baz luhrmann19 elvis baz luhrmann19 elvis baz luhrmann13 elvis baz luhrmann13 elvis baz luhrmann17 elvis baz luhrmann17 elvis baz luhrmann18 elvis baz luhrmann18 elvis di baz luhrmann. elvis di baz luhrmann. elvis di baz luhrmann. elvis di baz luhrmann. elvis di baz luhrmann 1 elvis di baz luhrmann 1 elvis di baz luhrmann elvis di baz luhrmann Baz Luhrmann e Austin Butler Baz Luhrmann e Austin Butler baz luhrmann con il cast di elvis baz luhrmann con il cast di elvis elvis di baz luhrmann elvis di baz luhrmann baz luhrmann e austin butler 3 baz luhrmann e austin butler 3

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

SKATE YOUR LIFE! ''CHI FA SKATE NON MANIFESTA, MA SI MANIFESTA'' - DAGO IRROMPE AL “WORLD STREET SKATEBOARDING” DI ROMA CON LA SUA LECTIOSULLA CULTURA SKATE: "RAGAZZI CHE HANNO TROVATO IN UN MOVIMENTO CHE TI STACCA DALLA TERRA IL LORO LEGAME. UN "PARADISO PEDESTRE" DI COLPI D'ANCA, GINOCCHIA ROTTE, TESTE SPACCATE, FUORI DAL QUALE IL TEMPO, LA SOCIETÀ, IL DESTINO, POSSONO TENDERE I LORO LEGITTIMI AGGUATI E LA VITA RITIRARE LE SUE PROMESSE" – DOMENICA GRAN SBALLO FINALE CON DAGO DJ - FOTO + VIDEO

viaggi

salute