RADIO ANGELUCCI: LA TRATTATIVA PER LA VENDITA DI “CAPITAL” SI STA PER CHIUDERE – L’EMITTENTE RADIOFONICA PASSERÀ DAL GRUPPO GEDI ALLA FAMIGLIA ANGELUCCI. IL NEGOZIATO SI ERA IMPANTANATO NEI MESI SCORSI SUL PREZZO (GLI EDITORI DI “LIBERO” E DEL “GIORNALE” OFFRIVANO 12 MILIONI, ELKANN NE CHIEDEVA IL DOPPIO) MA ORA È RIPARTITO ALLA GRANDE – I RAS DELLA SANITÀ LAZIALE VOGLIONO RILANCIARE L’EMITTENTE IN CRISI, CON UNA CAMPAGNA ACQUISTI DI VOCI BRILLANTI, AGGRESSIVE E, OVVIAMENTE, DI DESTRA – IL SOGNO DI INGAGGIARE CRUCIANI

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Stefano Cingolani per “il Foglio”

 

RADIO CAPITAL - 1 RADIO CAPITAL - 1

La Gedi perde un’altra foglia: la trattativa per la vendita di Radio Capital si sta per chiudere e l’emittente radiofonica sta per passare alla famiglia Angelucci che dopo Libero, il Giornale, il Tempo potrebbe riempire il proprio carnet con l’ambizione di creare un gruppo multimediale su un fronte opposto a quello costruito da Carlo De Benedetti, che ora John Elkann sta pezzo dopo pezzo assottigliando. Non conosciamo i dettagli finanziari, il negoziato si era impantanato nei mesi scorsi sul prezzo e si è partiti da posizioni distanti: gli Angelucci offrivano 12 milioni di euro, la Elemedia controllata dalla Gedi e proprietaria anche di Radio Deejay e m2o, ne chiedeva più del doppio.

 

ANTONIO ANGELUCCI ANTONIO ANGELUCCI

La società ha chiuso il 2022 con ricavi di 57 milioni di euro e un utile netto di 1,6 milioni, ma la maggior parte del fatturato deriva da Radio Deejay che l’anno scorso s’è collocata al quarto posto in classifica con 4,7 milioni di ascoltatori, dopo Rtl 102,5, Rds, Radio Italia, e prima di Radio 105 la portabandiera delle radio Mediaset […].

 

Radio Capital è solo 14esima tra le radio italiane e ha continuato a perdere (-9 per cento). Stando ai valori di libro che comprendono tutti gli asset, Elemedia vale 86 milioni di euro così divisi: 40 Radio Deejay, 30 Capital e 16 m2o.

 

john elkann al festival dell economia di torino 4 john elkann al festival dell economia di torino 4

Se il progetto di Gedi è dimagrire, la cessione ha una logica chiara: concentrarsi sul nocciolo duro, cioè la Repubblica, la Stampa e per ora il Secolo XIX che […] dovrebbe integrarsi con il quotidiano torinese per coprire l’area Piemonte-Liguria dove affondano le radici dei due giornali.

 

Gli Angelucci compiono un salto in una dimensione mediatica che loro non conoscono e non hanno mai sperimentato, ma hanno intenzione di rilanciare l’emittente con una campagna acquisti di firme (o meglio voci) brillanti, aggressive, chiaramente collocate a destra. Così, guardano a Giuseppe Cruciani come punta di lancia da strappare a Radio 24 che ha un milione di ascoltatori in più ed è decima in classifica. Secondo alcuni, la radio è solo la palestra per arrivare alla televisione. Non resta che attendere.

 

RADIO CAPITAL - 2 RADIO CAPITAL - 2

[…] Gli Angelucci, dunque, stanno per  prendere un’emittente in crisi. Del resto, è successo anche con il Giornale e il Tempo. Il polo mediatico della destra, a cavallo tra Salvini (con Radio Padania ora Radio Libertà) e Meloni, viaggia anche sulle onde radio, per quelle televisive bisogna aspettare la Mediaset europea; un altro ramo potrebbe cadere, Rete 4 per esempio, nonostante le smentite ufficiali.

massimo giannini radio capital massimo giannini radio capital los angelucci del rione sanita vignetta by macondo los angelucci del rione sanita vignetta by macondo antonio angelucci e yosdanka fumero foto di bacco antonio angelucci e yosdanka fumero foto di bacco RADIO CAPITAL - 3 RADIO CAPITAL - 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP