RAI, OPERAZIONE FIORELLO AL VIA: IN ANTEPRIMA SU DAGOSPIA TUTTE LE NOVITÀ SULLA NUOVA AVVENTURA IN RAI DELLO SHOWMAN. LA DATA FATIDICA SARÀ IL 4 NOVEMBRE, QUANDO SUBITO DOPO IL TG1 DELLE 20 SU RAIUNO, E IN CONTEMPORANEA SU RAI PLAY, PARTIRà L’OPERAZIONE... (VIDEO)

-

Condividi questo articolo

 

 

 

 

Marco Antonellis per Dagospia

 

FIORELLO SU RAIPLAY FIORELLO SU RAIPLAY

L’ultimo promo lo vede alle prese con i miniFiorello che escono da un pacco regalo. L’avventura di Fiorello con Viva Rai Play si tinge, ogni giorno, di elementi nuovi e inediti. Fiorello precursore , innovatore e sperimentatore. Perché quello che Fiorello sta per iniziare con il suo ritorno in Rai è più di un’avventura televisiva. E’ una scommessa. Un progetto unico nel suo genere, forse anche nel panorama dell’audiovisivo internazionale.

 

La Rai, insomma, ha deciso di calare l'asso: ha investito non poco su quello che ritiene essere il suo asset aziendale del futuro, quello che possa garantirgli finalmente una competitività con big del calibro di Netflix e Amazon. Quanto costa tutto ciò? Molto (a viale Mazzini ufficiosamente trapelano numeri veramente importanti) perché l’operazione Fiorello fa parte del progetto Rai Play e non solo. Per Fiorello sono stati realizzati lavori di adeguamento e modernizzazione degli studi di via Asiago, lavori peraltro di cui l’azienda potrà beneficiare anche per il futuro. 

angelo teodoli rosario fiorello andrea fabiano 2 angelo teodoli rosario fiorello andrea fabiano 2

 

Ma come funzionerà  in concreto Viva Rai Play? Le bocche in Rai e nell’entourage dello showman sono stracucite e poco, pochissimo, trapela. La data fatidica sarà quella del 4 novembre quando subito dopo il Tg1 delle 20 su Raiuno, e in contemporanea su Rai Play, inizierà l’operazione. Una settimana di teaser e di tutoraggio in cui Fiorello, alla sua maniera, mescolerà show e spiegazioni su cosa è Rai Play e dove sarà visibile il programma.

 

 Perché, questa la scommessa della Rai, occorrerà portare parte degli spettatori della tv generalista sul digitale: un’operazione che a dirsi sembra già difficilissima ma che, se riuscisse solo in parte, porterebbe la Rai a stracciare i competitor del settore digitale proponendosi con contenuti originali che vanno dall’intrattenimento alle serie tv, dai film all’approfondimento giornalistico oltre, ovviamente, all’immenso patrimonio delle Teche.

 

FIORELLO SU RAIPLAY FIORELLO SU RAIPLAY

Dopo i 5 access su Rai uno, a quanto è in grado di rivelare Dagospia, il programma dal 13 novembre farà il grande salto solo nel digitale: uno show vero e proprio di circa un’ora, un tempo ideale per una piattaforma online, con lo showman che, attraverso il suo spettacolo cercherà  di compiere una megaoperazione di alfabetizzazione digitale. Le puntate su Rai Play andranno in onda, anzi on line, tutti i giorni fino a poco prima di Natale con incursioni anche su Radio Rai nel weekend. Un’operazione, dunque, multipiattaforma che, se riuscirà, potrà mandare in pensione la vecchia Rai. Proprio alla vigilia della piena operatività del nuovo piano industriale.

 

Condividi questo articolo

media e tv

I ROLLING STONES IN PENSIONE? MANCO PER SOGNO – IL 4 SETTEMBRE VIENE RIPUBBLICATO “GOATS HEAD SOUP”: USCITO NEL 1973, È DIVENTATO DI CULTO PER LA STRUGGENTE BALLATA “ANGIE” E PER LA COPERTINA CON MICK JAGGER INCELLOFANATO IN UN VELO DI CHIFFON. LA VERA BOMBA? CI SARANNO DIECI BONUS TRACK E TRE INEDITI, TRA CUI LA RARISSIMA “SCARLET”, CON JIMMY PAGE ALLA CHITARRA E “CRISS CROSS”, GIÀ DISPONIBILE IN STREAMING – IL VIDEO UFFICIALE CON LA BOMBASTICA GUINDILLA ONTANAYA

politica

business

SE CATTOLICA DIRÀ SÌ ALL'OPS DI INTESA POTREBBE SCATTARE UN EFFETTO DOMINO TRA I SOCI DEL ''CAR'', IL PATTO DI CONSULTAZIONE DEGLI AZIONISTI DI UBI - LA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI LOMBARDIA È ORIENTATA ALL'ADESIONE, METTENDO DAVANTI A UN VICOLO CIECO LA FONDAZIONE CUNEESE: HANNO LO STESSO ADVISOR PER LA DECISIONE, SOCIÉTÉ GÉNÉRALE, E NON SAREBBE AGEVOLE SPIEGARE AL MEF (CUI SPETTA LA VIGILANZA SULLE FONDAZIONI) SCELTE DIAMETRALMENTE OPPOSTE PARTENDO DA CONSIDERAZIONI TECNICHE IDENTICHE

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

UNA MINCHIATA RESTA SEMPRE UNA MINCHIATA. O NO? - OTTAVIO CAPPELLANI: ''IN AEREO CI SI PUÒ SEDERE ATTACCATI MA LE CAPPELLIERE SONO VIETATE. NIENTE BAGAGLI. LA REGOLA FA VACILLARE LA MENTE.  IN PIEDI, CON LE BRACCIA ALZATE E UNO ZAINETTO IN MANO L’ESSERE UMANO E' PIÙ SENSIBILE AL CORONAVIRUS? SI TRASMETTE ATTRAVERSO LE ASCELLE? - REGOLE RIGIDE PER GLI SPETTACOLI ALL'APERTO, POI SALI SU UN AUTOBUS E ADDIO DISTANZIAMENTO. E POI PERCHÉ I MIGRANTI VENGONO TAMPONATI E QUARANTENATI MA I TURISTI NO? LA POVERTÀ AIUTA IL CONTAGIO?''