RED RONNIE FA LA FESTA AL FESTIVAL: “AMADEUS NON E’ ADATTO A FARE IL DIRETTORE ARTISTICO DI SANREMO: DI MUSICA NON CAPISCE UN CA**O. LE QUOTE ROSA SUL PALCO SONO UNA STRONZATA: DEVI SCEGLIERE UNA DONNA PERCHÉ È BRAVA E NON PERCHÉ BELLISSIMA - JUNIOR CALLY DOVREBBE ESSERE ESCLUSO - LE CRITICHE A RITA PAVONE? UNA CERTA SINISTRA SA ESSERE PIÙ FASCISTA DEI FASCISTI - LE SARDINE? NON TIRANO FUORI UN CONCETTO, NON HANNO UN'IDEA, E IN TV, FANNO FIGURE MESCHINE”

-

Condividi questo articolo


Gianluca Veneziani per “Libero quotidiano”

red ronnie red ronnie

 

Il sogno sarebbe vedere lui, un giorno, condurre Sanremo, o almeno curarne la direzione artistica. Il Festival ne guadagnerebbe in qualità musicale, competenza, libertà artistica. Non accadrà, ahinoi, perché Sanremo risente di lobby che forse non gradirebbero la sua presenza. Ma intanto ci piace sentire cosa pensa Red Ronnie, critico musicale e firma di OM Optimagazine, magazine di musica e spettacolo fondato da Optima Italia, dell' imminente kermesse canora. «Il Festival festeggia molto male il 70° compleanno», comincia lui.

 

«In questi giorni ho ricevuto una chiamata della vedova di Sergio Bardotti, il celebre paroliere, che mi chiede di aiutarla affinché non venga più assegnato il premio intestato al marito in questo Festival da schifo».

RED RONNIE RED RONNIE

 

Il problema è a monte, nella direzione artistica?

«Amadeus è un bravissimo presentatore ma non è adatto a fare il direttore artistico perché non capisce un cazzo di musica. Le sue scelte sembrano fatte solo in base agli algoritmi che determinano chi fa più visualizzazioni su YouTube o Spotify, oppure in base a delle opportunità: ad esempio lui prende i "Pinguini", completamente sconosciuti, per strizzare l'occhio al mondo indie, prende la Lamborghini perché scuote il culo e fa parlare di sé, il duo Martinelli e Lula solo perché la loro canzone si occupa di Ilva, e sceglie all' ultimo momento Tosca e Rita Pavone per rimediare alla scarsità di donne tra i big. Viceversa, se le scelte non sono sue, ma imbeccate dai management degli artisti e da chi ci vuole lucrare, è ancora peggio. In questo caso Amadeus sarebbe un burattino, manovrato da altri».

JUNIOR CALLY CON AMADEUS JUNIOR CALLY CON AMADEUS

 

È sbagliata anche l'idea di farsi affiancare da dieci donne?

«Le quote rosa sul palco sono una stronzata: devi scegliere una donna perché è brava e non perché "bellissima", come lui ha ripetuto fino allo sfinimento, e da trattare come una valletta. Ho trovato molto grave la sua frase sulla fidanzata di Valentino Rossi che "sta un passo indietro". Si vede che nell' inconscio di Amadeus è quello il ruolo al quale è costretta una donna».

 

JUNIOR CALLY CON AMADEUS 1 JUNIOR CALLY CON AMADEUS 1

Junior Cally invece dovrebbe essere escluso dal Festival?

«Sì, perché il testo e il video di quella sua canzone, Strega, sono un' istigazione alla violenza contro le donne. Portare questo cantante a Sanremo significa sdoganarlo, renderlo un modello agli occhi dei bambini. Con la maschera che indossa, Junior Cally diventerà un supereroe e, come tale, da imitare in tutto quello che dice. Poi non sorprendiamoci se dei tredicenni stuprano una ragazzina, filmano la bravata e la condividono sui social. Chiedo perciò a tutti di condividere la protesta contro la sua presenza e, se proprio lui ci sarà, di boicottare Sanremo spegnendo la tv».

 

rita pavone (2) rita pavone (2)

È stata contestata anche la partecipazione di Rita Pavone in quanto «sovranista».

«Una certa sinistra sa essere più fascista dei fascisti che crede di combattere. E per di più dimostra ignoranza: critica la Pavone senza sapere che è la cantante italiana più conosciuta al mondo e la prima ad aver fatto una canzone femminista».

 

Ieri ci sono state le elezioni in Emilia Romagna. L' emiliano Red Ronnie per chi ha votato?

«Ho scelto Borgonzoni perché auspicavo un cambiamento. In Emilia Romagna non c' è solo Bibbiano, ma in generale un sistema dell' affido molto discutibile, e poi continua a predominare l' ideologia della droga libera. Io avrei fatto la stessa cosa di Salvini, citofonando al presunto spacciatore».

salvini al citofono salvini al citofono

 

Ha subìto strali dalla sinistra per queste posizioni leghiste?

«Lo scorso lunedì ho avuto ospite da me, al Barone Rosso, Matteo Salvini per parlare di musica. E sono stato attaccato da haters nascosti dietro falsi profili. La sinistra li usa molto. D' altronde, Bonaccini stesso ha fatto un boicottaggio molto pesante nei mei confronti».

 

MATTIA SANTORI MATTIA SANTORI

E delle Sardine che pensa? Finiranno fritte ora che sono passate le elezioni?

«Sono ragazzi che si riuniscono per ascoltare un concerto. L' unica cosa che sanno fare è cantare Bella ciao. Non tirano fuori un concetto, non hanno un' idea, e quando vanno in tv, fanno figure meschine. Mettici pure che il loro leader, Mattia Santori, lavorava per Prodi...».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...