LA ROMA DEI GIUSTI – NEL BEL DOCUMENTARIO “SOUVENIR D’ITALIE”, DI GIORGIO VERDELLI, CI RENDIAMO CONTO DI QUANTO L’ELEGANZA E IL GARBO DI LELIO LUTTAZZI INCISERO SU DI NOI, PICCOLI SPETTATORI DEI PROGRAMMI RAI DEGLI ANNI ’60. E CAPIAMO QUANTO MALE SUBÌ, NEL 1970, A CAUSA DI UN ERRORE GIUDIZIARIO, E DI UN’ASSURDA TELEFONATA DI WALTER CHIARI, CHE LO PORTÒ PER 27 GIORNI IN GALERA, MA CHE SOPRATTUTTO LO BANDÌ PER VENT’ANNI DALLA TELEVISIONE ROVINANDOGLI PER SEMPRE LA CARRIERA - ASSOLUTAMENTE DA VEDERE – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Marco Giusti per Dagospia

 

souvenir ditalie souvenir ditalie

Aveva charme, garbo, eleganza. Ma Lelio Luttazzi aveva anche un incredibile talento musicale. Era uno dei pochi pianisti italiani in grado suonare il jazz. E un grande compositore di successi, da “Souvenir d’Italie” a “Una zebra a pois”, da “Vecchia America” a “El can de Trieste”.

 

E, in programmi della Rai degli anni ’60 come “Studio uno” assieme a Mina e a Luciano Salce, si dimostrò un meraviglioso presentatore, in grado di giocare in scena con tutti i suoi talenti e allo stesso tempo di trasmetterci un calore familiare senza per questo apparire fuori misura o fuori contesto.

 

Rivedendolo proprio a “Studio Uno”, diretto da Antonello Falqui, mentre duetta con Mina o suona al piano con Lionel Hampton, nel bel documentario-omaggio di Giorgio Verdelli dedicato a lui, “Souvenir d’Italie”, ci rendiamo conto di quanto incise quella sua eleganza e quel suo garbo su di noi piccoli spettatori del tempo, lui in tuxedo e noi in pigiama ma con gli occhi aperti per lo spettacolo del sabato sera della Rai.

 

lelio luttazzi rosso e nero (1956) lelio luttazzi rosso e nero (1956)

 

E capiamo quanto male subì, nel 1970, a causa di un errore giudiziario, e di un’assurda telefonata di Walter Chiari, che lo portò per 27 giorni in galera, ma che soprattutto lo bandì per vent’anni dalla televisione rovinandogli per sempre reputazione e carriera.

 

E’ impossibile eliminare dalla sua storia artistica quello che gli capitò nel 1970, mentre la Rai chiudeva per sempre gli anni d’oro della televisione italiana, come non è facile spiegare a un pubblico contemporaneo l’incredibile popolarità che avevano allora i personaggi televisivi e l’effetto bombastico che uno scandalo di quel tipo poteva avere sulla loro vita.

 

 

 

 

 

 

lelio luttazzi walter chiari lelio luttazzi walter chiari

Fortunatamente Verdelli tocca nel suo documentario molti degli aspetti artistici di Luttazzi, musicista di ben 31 film, da “Miracolo a Viggiù” a “Venezia, la luna e tu”, da “Space Men” a “Risate di Gioia”, attore in film come “L’avventura” di Michelangelo Antonioni e “L’ombrellone” di Dino Risi. Autore di canzoni pazzesche per i tempi, da “Il giovanotto matto” a “Una zebra a pois”.

 

 

E ci piacerebbe saperne di più sia delle sue composizioni per il cinema che delle canzonette.

 

 

 

lelio luttazzi studio uno lelio luttazzi studio uno

Come della sua passione per il jazz, nata a Trieste, dove era nato nel 1923, e sviluppata alla fine della guerra con la città occupata dagli alleati. Molti gli interventi di musicisti e personaggi televisivi, da Stefano Bollani a Simona Molinari, da Fabio Fazio a Fiorello, che lo ebbero ospite ormai vecchio nei loro show, e Fiorello ci spiega benissimo l’importanza della hit parade radiofonica di Luttazzi. Su tutto domina l’eleganza e la modernità di quella televisione e il suo modello, davvero imbattibile, di pianista e presentatore. Assolutamente da vedere.

mina e lelio luttazzi studio uno mina e lelio luttazzi studio uno lelio luttazzi lelio luttazzi Lelio Luttazzi con Mina e Delia Scala Lelio Luttazzi con Mina e Delia Scala Pensieri di Lelio Luttazzi Pensieri di Lelio Luttazzi lelio luttazzi lelio luttazzi sandra milo lelio luttazzi sandra milo lelio luttazzi lelio luttazzi fiorello lelio luttazzi fiorello Lelio luttazzi Lelio luttazzi mina lelio luttazzi studio uno mina lelio luttazzi studio uno Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Lelio luttazzi lelio luttazzi nel 1984 lelio luttazzi nel 1984 lelio luttazzi con teddy reno e vittorio mascheroni negli uffici della cgd (1949) lelio luttazzi con teddy reno e vittorio mascheroni negli uffici della cgd (1949) lelio luttazzi e lauretta masiero il fornaretto di venezia lelio luttazzi e lauretta masiero il fornaretto di venezia lelio luttazzi lelio luttazzi mina lelio luttazzi ieri e oggi 1969 mina lelio luttazzi ieri e oggi 1969 lelio luttazzi bambino con la mamma lelio luttazzi bambino con la mamma

 

Condividi questo articolo

media e tv

A LUME DI CANDELA - TEO MAMMUCARI FUORI DA “LE IENE”: ECCO COME SI È ARRIVATI ALLA ROTTURA - COSTANTINO VITAGLIANO DIVENTA DRAG QUEEN PER RAI2 - SCOPPIA L’AMORE TRA JORI DELLI E FRED DE PALMA - LEI È UNA COMUNICATRICE DI DESTRA, LUI UN GIORNALISTA GRILLINO. LA LORO "VICINANZA" STA CREANDO PARECCHI IMBARAZZI, CHI SONO? - AVVISATE IL FAMOSISSIMO ALLENATORE E UNA GIORNALISTA IN ERBA CHE QUALCUNO HA MESSO IN GIRO VOCI SU UNA LORO RELAZIONE - A MILANO VIP E POLITICI ARRIVANO A PAGARE SEIMILA EURO ALL'ANNO PER DIVENTARE SOCI DI UNA NOTA STRUTTURA. IL MOTIVO? LA SEGRETEZZA E LA SELEZIONE PER...

politica

PESTI I MERDONI? L’UNICA STRADA, LE DIMISSIONI! – L’USCITA DEMENZIALE DI “MINNIE” DONZELLI SU COSPITO, CON GLI ATTI SECRETATI RICEVUTI DAL COINQUILINO DELMASTRO E DIVULGATI IN AULA, È L'ENNESIMA PROVA DELL’INSIPIENZA POLITICA DEI MELONIANI, UBRIACATI DAL POTERE CON LA CAPOCCIA ANCORA IN VIA DELLA SCROFA – NORDIO "SMENTISCE" IL TANDEM DONZELLI-DELMASTRO: TUTTI GLI ATTI SUI DETENUTI AL 41 BIS SONO "SENSIBILI" (CIOE' SECRETATI) - E DONNA GIORGIA? SPERA DI CONGELARE LA POLEMICA FINO ALLE ELEZIONI REGIONALI MA LE POLTRONE DI DONZELLI, VICE PRESIDENTE DEL COPASIR, E DI DELMASTRO, SOTTOSEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA, SONO IN BILICO... - VIDEO

business

cronache

sport

cafonal

CAFONAL ALL’OPERA! – ALL’OPERA DI ROMA, PER IL DEBUTTO DELL’“AIDA” ORCHESTRATA DA MICHELE MARIOTTI E MALDIRETTA DA DAVIDE LIVERMORE, SEMBRAVA DI STARE DAVVERO NELLA VALLE DEI TEMPLI - IN PRIMA FILA LAURA MATTARELLA, ANDREA ZOPPINI, PAOLA SEVERINO, ETTORE SEQUI, CARLO FUORTES, FABRIZIO PALERMO COL CIUFFO, SERGIO RUBINI STROPICCIATO, ANDREA MONORCHIO, SILVIA CALANDRELLI CON-TURBANTE, MAURO MASI AL GUINZAGLIO DI INGRID MUCCITELLI, PAOLA SEVERINO, ROSANNA CANCELLIERI IN MODALITA' NEFERTARI …

viaggi

salute