UNO STREAMING DELLA MADONNA - PRESO DALL’ANSIA DI RINNOVAMENTO, ANCHE IL VATICANO SI FA LA SUA NETFLIX: SI CHIAMERÀ “VATIVISION”, DEBUTTERÀ ONLINE NEL 2020 E PUNTERÀ SU “PRODOTTI DI SPESSORE DI TIPO RELIGIOSO” DEDICATI ALLA PLATEA CRISTIANA (CIOÈ 1,3 MILIARDI DI PERSONE) – NEL SITO, GIÀ ATTIVO, SI VEDE ALBERTO ANGELA. ABBIAMO DUE DOMANDE: QUANTO COSTERÀ? MA NON BASTAVA TV2000?

-

Condividi questo articolo

Claudia Casiraghi per “la Verità”

 

meme papa francesco smartphone meme papa francesco smartphone

Come Netflix, solo di matrice religiosa. VatiVision, il cui debutto online si avrà nella primavera del 2020, è una piattaforma streaming che aggiungerà nuovi contenuti a quella continua frammentazione dell' offerta televisiva permessa dal progredire delle tecnologie cui gli spettatori sono ormai abituati.

 

Ha una «library», dunque un' offerta per generi e algoritmi a governarla. Ha la capacità di funzionare su qualunque dispositivo moderno, si tratti di un telefonino o di una smart tv.

Ha un accesso garantito attraverso un abbonamento mensile e, con sé, porta la promessa di una qualità pressoché impossibile a trovarsi. Perché VatiVision, diversamente da Netflix e Amazon, dalla tv a pagamento e dalla rosa, ampissima, delle generaliste, ha una vocazione precisa: quella di rivolgersi alla platea cristiana. Il servizio streaming, controllato al 75% della bergamasca Officina della comunicazione e al 25% da Vetrya, società specializzata nello sviluppo di servizi digitali, è nato con l' ambizione di rimediare a uno dei piccoli torti cui la rincorsa degli ascolti ha portato.

vativision 1 vativision 1

 

reed hastings 2 reed hastings 2

«Molto spesso si viene a contatto con prodotti televisivi o cinematografici di tipo religioso che, però, vengono distribuiti con difficoltà», ha spiegato Nicola Salvi all' edizione bergamasca del Corriera della Sera. Salvi, oggi amministratore delegato di VatiVision, ha fondato con Elisabetta Sola l' Officina della comunicazione, una società di produzione che, negli anni, ha lavorato alacremente insieme al Centro televisivo vaticano per produrre documentari, serie tv, pellicole.

 

vativision 2 vativision 2

«Ci sono molte persone che si chiedono come poterli vedere. Noi partiamo dalla voglia di creare una disponibilità di contenuti di grande valore e spessore narrativo che contribuiscano a diffondere il messaggio cristiano. Si parla tanto di piazze virtuali, noi vogliamo riempire quelle piazze di valori». Valori che la tv tradizionale ha dimenticato o, nel migliore dei casi, accantonato in favore di prodotti più commerciali, e commerciabili.

Mediaset, con Netflix, ha stretto un accordo produttivo immenso.

 

Ma, tra i 200 milioni di dollari che il colosso americano ha promesso di investire nella produzione di contenuti originali, tra i quali un film tv su Roberto Baggio, della religione non c' è alcuna traccia. E traccia non ve n' è su Amazon, su Chili, su TimVision. Non v' è traccia nei primi nove canali del telecomando, né all' interno dei servizi on demand di cui le reti, pubbliche e commerciali, si sono ormai muniti. La religione è rimasta cosa di nicchia, confinata su Tv2000 e mal ripiegata in piccole emittenti storiche, quali Padre Pio tv. Perché, però, è difficile a capirsi.

vativision 3 vativision 3

 

Il potenziale, economico e mediatico, di una televisione che sappia parlare ai cattolici è immenso. «Con VatiVision, ci rivolgiamo a target trascurati fino ad oggi e puntiamo a raggiungere importanti risultati, tanto in termini di qualità quanto in termini di distribuzione a livello mondiale», ha spiegato, in sede di presentazione ufficiale, Luca Tomassini, presidente del neonato servizio streaming, «La platea potenziale alla quale ci rivolgiamo conta un miliardo e trecentomila fedeli». Roba lunare, che le televisioni odierne non s' azzardano nemmeno a sognare la notte.

 

vativision 12 vativision 12

Tomassini, nel corso del lancio, ha annunciato accordi in prospettiva con altre piattaforme di distribuzione di operatori, da RaiPlay a Mediaset. Ma di una sinergia vera e propria non ha parlato. VatiVision, una società privata, nella quale non c' è una compartecipazione diretta del Vaticano («solo collaborazione e condivisione d' intenti»), farà da sé, con la speranza di poter e saper applicare gli stessi linguaggi moderni della fruizione anche alla produzione di contenuti. Perché la religione cattolica non è nicchia, ma storia dell' Occidente.

vativision 11 vativision 11 vativision 10 vativision 10 vativision 8 vativision 8 vativision 9 vativision 9 vativision 5 vativision 5 vativision 4 vativision 4 vativision vativision vativision 6 vativision 6 vativision 7 vativision 7

 

Condividi questo articolo

media e tv

I ROLLING STONES IN PENSIONE? MANCO PER SOGNO – IL 4 SETTEMBRE VIENE RIPUBBLICATO “GOATS HEAD SOUP”: USCITO NEL 1973, È DIVENTATO DI CULTO PER LA STRUGGENTE BALLATA “ANGIE” E PER LA COPERTINA CON MICK JAGGER INCELLOFANATO IN UN VELO DI CHIFFON. LA VERA BOMBA? CI SARANNO DIECI BONUS TRACK E TRE INEDITI, TRA CUI LA RARISSIMA “SCARLET”, CON JIMMY PAGE ALLA CHITARRA E “CRISS CROSS”, GIÀ DISPONIBILE IN STREAMING – IL VIDEO UFFICIALE CON LA BOMBASTICA GUINDILLA ONTANAYA

politica

business

SE CATTOLICA DIRÀ SÌ ALL'OPS DI INTESA POTREBBE SCATTARE UN EFFETTO DOMINO TRA I SOCI DEL ''CAR'', IL PATTO DI CONSULTAZIONE DEGLI AZIONISTI DI UBI - LA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI LOMBARDIA È ORIENTATA ALL'ADESIONE, METTENDO DAVANTI A UN VICOLO CIECO LA FONDAZIONE CUNEESE: HANNO LO STESSO ADVISOR PER LA DECISIONE, SOCIÉTÉ GÉNÉRALE, E NON SAREBBE AGEVOLE SPIEGARE AL MEF (CUI SPETTA LA VIGILANZA SULLE FONDAZIONI) SCELTE DIAMETRALMENTE OPPOSTE PARTENDO DA CONSIDERAZIONI TECNICHE IDENTICHE

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

UNA MINCHIATA RESTA SEMPRE UNA MINCHIATA. O NO? - OTTAVIO CAPPELLANI: ''IN AEREO CI SI PUÒ SEDERE ATTACCATI MA LE CAPPELLIERE SONO VIETATE. NIENTE BAGAGLI. LA REGOLA FA VACILLARE LA MENTE.  IN PIEDI, CON LE BRACCIA ALZATE E UNO ZAINETTO IN MANO L’ESSERE UMANO E' PIÙ SENSIBILE AL CORONAVIRUS? SI TRASMETTE ATTRAVERSO LE ASCELLE? - REGOLE RIGIDE PER GLI SPETTACOLI ALL'APERTO, POI SALI SU UN AUTOBUS E ADDIO DISTANZIAMENTO. E POI PERCHÉ I MIGRANTI VENGONO TAMPONATI E QUARANTENATI MA I TURISTI NO? LA POVERTÀ AIUTA IL CONTAGIO?''