LA TORINO DEI GIUSTI - IL POTENTISSIMO DOCUMENTARIO “CORPO DEI GIORNI”, IDEATO E DIRETTO DA UN COLLETTIVO DI CINQUE TRENTENNI, AFFRONTA DIRETTAMENTE IL CASO DI MARIO TUTI, NOME BEN NOTO DEL TERRORISMO NERO, FONDATORE DEL FRONTE NAZIONALE RIVOLUZIONARIO, CONDANNATO A BEN DUE ERGASTOLI DOPO TRE OMICIDI E UNA SERIE DI ATTENTATI FERROVIARI, ORA IN REGIME DI SEMILIBERTÀ - OGGI È RAVVEDUTO? PER NULLA. DUBBI? NESSUNO. MAGARI SE SI FOSSE DICHIARATO PENTITO LO AVREBBERO GIÀ FATTO USCIRE. MA NON LO FARÀ… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Trailer ufficiale Corpo dei giorni

il corpo dei giorni il corpo dei giorni

 

Marco Giusti per Dagospia

 

“Il fascismo è morto?” - “Assolutamente no. Il fascismo è eterno.” “Cambiato?” -  “Prendetemi così o ammazzatemi, perché non ho nessuna voglia di cambiare”. Chi parla così è Mario Tuti, nome ben noto del terrorismo nero, fondatore del Fronte Nazionale Rivoluzionario, in prigione dal 1975, condannato a ben due ergastoli dopo tre omicidi e una serie di attentati ferroviari, ora in regime di semilibertà.

 

il corpo dei giorni il corpo dei giorni

Durissimo, senza l’ombra di qualsiasi dubbio o esitazione nel raccontare se stesso, Mario Tuti è il protagonista assoluto di un potentissimo documentario passato al Torino Film Festival, “Corpo dei giorni” ideato e diretto da un collettivo di cinque trentenni, “Santabelava”, che sono Henry Albert, Saverio Cappiello, Gianvito Cofano, Niccolò Natalii e Nikola Lorenzin, che entrano piano in piano in scena nel documentario affrontando direttamente Tuti, che risponde sempre a tono, inflessibile e terribile, un macigno.

 

il corpo dei giorni il corpo dei giorni

Li vede come dei fighetti milanesi che nulla sanno dei tempi della lotta armata. “Voi mi vorreste salvare, ma io non ho alcun bisogno di essere salvato, non ne ho alcuna necessità, non ne ho alcuna voglia”. Tuti oggi è un bel signore d’età che ha passato dietro le sbarre gran parte della sua vita, dal 1975, quando lo hanno catturato, al 2013, l’anno in cui è entrato in regime di semilibertà. E che non ha paura di nulla. Nel 1981, assieme a Pier Luigi Concutelli, uccide un altro fascista, Ermanno Buzzi, considerato un infame.

 

il corpo dei giorni il corpo dei giorni

Di quest’omicidio sentiamo una descrizione fredda, beffarda e violentissima ripresa al processo. La stessa freddezza la sentiamo quando legge la sua pagina Wikipedia, che trova “piena di cavolate” (”mai stato a Ajaccio!”), o certe dichiarazioni che riguardano un suo qualche dolore. Ma mai un pentimento. Lo esclude, “Al massimo posso provare dolore per le mie vittime che sono state anche loro vittime delle circostanze, vittime di una guerra”.

 

il corpo dei giorni il corpo dei giorni

Oggi è ravveduto? Per nulla. “Non ho mai avuto rimorso per quello he ho fatto”. Dubbi? Nessuno, “Io ho solo certezze”. Magari se si fosse dichiarato pentito lo avrebbero già fatto uscire. Ma non lo farà. “Più facile reggere le botte che il peso dell’umiliazione”. “Un amico mi ha detto, vedi Mario se non fossi finito in carcere saresti stato il solito empolese, ricco, stronzo e contento. Esattamente l’immagine di quello che poteva essere il mio destino”. Ma riconosce che magari sua figlia sarebbe stata più contenta, conclude.

 

il corpo dei giorni il corpo dei giorni

Capiamo che è in lotta col mondo e con se stesso da sempre. Ai registi del collettivo, bravi ragazzi di sinistra, che si ostinano a cercare di stabilire un qualche rapporto umano con lui, risponde duramente “Non potete giudicarmi se non avete fatto quello che ho fatto io… Ma voi cosa cazzo avete fatto… ma chi cazzo siete… avete mai visto gli occhi di qualcuno che avete ammazzato… avete mai sentito la sentenza che ti condanna all’ergastolo… avete trent’anni… io a trent’anni le avevo già fatte tutte, compreso sentirmi chiudermi dietro i cancelli del carcere per sempre”. Assolutamente da vedere.

il corpo dei giorni il corpo dei giorni il corpo dei giorni 1 il corpo dei giorni 1 il corpo dei giorni il corpo dei giorni il corpo dei giorni il corpo dei giorni

 

Condividi questo articolo

media e tv

“GRAZIE FRANCESCA REGGIANI, PER AVERE FATTO GIUSTIZIA CON IL TUO TALENTO DI TUTTE LE GEPPI CUCCIARI DEL MONDO” –  CON IMPERDONABILE RITARDO LA RAI (STASERA SUL 3 A MEZZANOTTE!) SI RICORDA CHE OLTRE AI PERSONAGGINI BOLLITI DELLA SCUDERIA CASCHETTO C'E' UNA PERFORMER DOTATA DI UNA COMICITA' IRRESISTIBILE – FULVIO ABBATE: "LA DOPPIA INTERVISTA CONCITA DE GREGORIO- GIORGIA MELONI SURCLASSA QUALSIASI POSSIBILE EDITORIALE D’AUTORE SU CARTA STAMPATA - DA OSCAR ALLA CARRIERA, LA RIFLESSIONE SULLE SMAGLIATURE CHE PORTANO AFFLIZIONE AL DECORO E ALL’AUTOSTIMA FEMMINILE: “NON SONO SMAGLIATURE, È UN CODICE A BARRE...”VIDEO-STRACULT!

politica

business

IL PIZZINO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D’ITALIA, IGNAZIO VISCO A CHRISTINE LAGARDE: “LE DECISIONI DELLA BCE SONO STATE VOLTE A CONTRASTARE IL PERICOLO DELL’INFLAZIONE. L’AZIONE DOVRÀ PROSEGUIRE RICERCANDO IL GIUSTO EQUILIBRIO TRA IL RISCHIO DI FARE TROPPO POCO, LASCIANDO L’INFLAZIONE ELEVATA, E QUELLO DI FARE TROPPO, PORTANDO A UNA CADUTA DEL REDDITO E DELL’OCCUPAZIONE E COMPROMETTENDO LA STABILITÀ FINANZIARIA” – FINALMENTE UNA BUONA NOTIZIA: “LE ASPETTATIVE DI INFLAZIONE A BREVE TERMINE SONO IN CALO” – LA CITAZIONE DI CIAMPI

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

L'EPIDEMIA DI VAIOLO DELLE SCIMMIE IN EUROPA SI STA SPEGNENDO: SOLO 23 NUOVI CONTAGI - SU SCALA GLOBALE, INVECE, L'OMS HA RILEVATO UN AUMENTO DEI CONTAGI. NELLA SETTIMANA TRA IL 23 E IL 29 GENNAIO SONO STATI REGISTRATI NEL MONDO 403 NUOVI CASI, IL 37,1% IN PIÙ RISPETTO ALLA SETTIMANA PRECEDENTE, DISTRIBUITI IN 20 PAESI NEL MONDO. IL MAGGIOR NUMERO DI CONTAGI È STATO REGISTRATO IN MESSICO (72 NUOVI CASI), REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO (69), USA (42), BRASILE (40), GUATEMALA (34)…