VENI, VIDI, “VICE”! – C'È ANCHE GEORGE SOROS TRA I POSSIBILI ACQUIRENTI DEL GRUPPO EDITORIALE “VICE MEDIA” – IL FINANZIERE UNGHERESE È UNO DEI CREDITORI DELLA SOCIETÀ, CHE HA DICHIARATO BANCAROTTA, INSIEME A “FORTRESS INVESTMENT” E “MONROE CAPITAL”. SARANNO LORO A PAPPARSI LA “BIBBIA” DEGLI HIPSTER, ALLA "MODICA" CIFRA DI 225 MILIONI DI DOLLARI. E PENSARE CHE NEL 2017 IL VALORE (GONFIATO) DELLA SOCIETÀ, ERA ARRIVATO A 5,7 MILIARDI…

-

Condividi questo articolo


GEORGE SOROS A DAVOS GEORGE SOROS A DAVOS

Estratto dell’articolo di Valerio Benedetti per “La Verità”

 

[…] Il noto gruppo Vice media, colosso dei media digitali nato dalla rivista Vice, ha presentato istanza di fallimento. In sostanza, uno dei massimi santuari dell’ideologia woke è finito in bancarotta. E stiamo parlando, appunto, di un gigante che nel 2017, ai tempi d’oro, valeva la bellezza di 5,7 miliardi di dollari. Un gigante dai piedi di argilla, però.

 

Con ben 800 milioni di passivo, infatti, oggi il gruppo può essere rilevato a prezzo di saldo: per ora, si parla di un’offerta di 225 milioni di dollari. Che è comunque una cifra di tutto rispetto, certo, ma noccioline rispetto al valore di pochi anni fa.

 

vice media 4 vice media 4

Il gruppo Vice media, che oltre alla testata madre comprende anche Motherboard, affonda le sue radici nel lontano 1994, quando in Canada Shane Smith e Gavin McInnes fondarono per hobby Voice of Montreal, una piccola fanzine che si rivolgeva esplicitamente al pubblico giovanile. Da lì sarebbe nata la rivista Vice vera e propria che, in pochi anni, ha raggiunto un’enorme popolarità […], con un taglio che potremmo definire «hipster-alternativo».

 

In breve tempo, il suo stile è diventato un marchio di fabbrica. Probabilmente, navigando su Internet, vi sarà capitato almeno una volta di imbattervi in inchieste del tipo «Sono andato a letto con la mia migliore amica: ecco com’è andata». Questo è esattamente quello che in gergo giornalistico è detto un «titolo alla Vice».

 

shane smith shane smith

La rivista è quindi cresciuta esponenzialmente negli anni, aprendo numerose sedi sparse per tutto il mondo (Vice Italia, che fa base a Milano, ha aperto i battenti nel 2006). E così, in una fase di forte espansione, è nato anche il gruppo Vice media, che si è arricchito di un proprio studio di produzione cinematografica e di un’etichetta discografica. Molto popolari, ad esempio, erano i documentari di Vice realizzati per la celebre emittente statunitense Hbo, attirando inoltre l’interesse di altri colossi come Disney e Fox, che hanno investito nel gruppo diversi milioni di dollari.

 

Negli ultimi anni, tuttavia, la testata si è sempre più attestata su posizioni smaccatamente woke, tanto da diventare una sorta di sacra scrittura del politicamente corretto. E, come tutte le altre piattaforme che si sono lanciate in questa crociata, anche Vice ha dovuto pagare il conto. Salatissimo. Del resto, 800 milioni di debito non sono proprio bruscolini.

 

VICE MEDIA VICE MEDIA

Dopo ridimensionamenti, tagli e licenziamenti, alla fine i sedicenti «alternativi» hanno dovuto mandare i libri in tribunale (Nancy Dubuc, amministratore delegato del gruppo, aveva abbandonato la nave già lo scorso febbraio). Con ogni probabilità, il gruppo finirà nelle mani dei creditori di maggioranza, ossia Fortress Investment, Monroe Capital e il fondo d’investimento del controverso finanziere George Soros. D’altronde, il boss della Open society, oltre a foraggiare Ong immigrazioniste, rivoluzioni colorate e partiti politici (come +Europa di Emma Bonino), ha sempre avuto un gran fiuto per tutte quelle produzioni che odorano di progressismo liberal.  E i cordoni della borsa li ha sempre aperti più che volentieri. […]

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

vice media 1 vice media 1 vice media 1 vice media 1 GEORGE SOROS GEORGE SOROS

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…