VIDEO! “CASTELLI, STIA TRANQUILLA CHE IL 4% NON LO VEDE NEANCHE CON IL BINOCOLO” – A “OTTO E MEZZO” VOLANO STRACCI TRA ANDREA SCANZI E LAURA CASTELLI. IL GIORNALISTA TRICOLOGICAMENTE IRRISOLTO ATTACCA LA LISTA PER LE EUROPEE DI CATENO DE LUCA, DI CUI FA PARTE L'EX GRILLINA: “BASTA GUARDARE IL SIMBOLO, DENTRO CE NE SONO 19, SEMBRA IL BAR DI GUERRE STELLARI… RICORDO CHE LA CASTELLI È STATA 5 STELLE, POI DIMAIANA, POI DRAGHIANA, OGGI CATENODELUCHIANA” – LA REPLICA DELL’EX VICEMINISTRO ALL'ECONOMIA: “DEVI PORTARE RISPETTO!”

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di www.liberoquotidiano.it

 

andrea scanzi laura castelli otto e mezzo andrea scanzi laura castelli otto e mezzo

"Non la stimavo da deputata 5 stelle e neanche adesso". Volano insulti a Otto e mezzo tra Andrea Scanzi e Laura Castelli. E dire che i due, fino a qualche tempo fa, sembravano dalla stessa parte della barricata. Evidentemente, però, anche nella galassia grillina non tutto era oro quel che luccicava.

 

A La7 Lilli Gruber mostra a Scanzi gli ultimi sondaggi sulle elezioni europee, ormai imminenti, prima del blackout delle ultime due settimane di campagna elettorale, e il giornalista del Fatto Quotidiano, in collegamento, picchia durissimo contro l'ex sottosegretaria all'Economia del Movimento 5 Stelle oggi candidata a Strasburgo con la lista Libertà di Cateno De Luca.

 

andrea scanzi laura castelli otto e mezzo andrea scanzi laura castelli otto e mezzo

[...]

 

 "Sarà deludente il risultato della Lega e del Movimento 5 Stelle - prosegue il giornalista del Fatto -, sono molto curioso di capire se supereranno il 4% figure come Calenda, Renzi e Fratoianni. A proposito di chi sta tra il 2 e il 5%, la lista-caravanserraglio della Castelli, che io ricordo essere stata grande 5 Stelle, poi Dimaiana, poi Draghiana, oggi CatenoDeluchiana... Io l'ho visto il manifesto, basta guardare il simbolo: dentro ce ne sono 19, sembra il bar di Guerre stellari".

 

andrea scanzi otto e mezzo andrea scanzi otto e mezzo

"No questa si chiama democrazia, la democrazia di chi non vuole restare da solo all'angolo", ribatte la Castelli. "La democrazia è anche far parlare gli altri, non la stimavo da deputata 5 stelle e neanche adesso", alza i toni Scanzi. "Me ne farò una ragione", "Si figuri io. La Libertà li avete visti? Ci sono gli agricoltori, i pensionati, gli ambulanti, il popolo veneto, c'è Italexit...".

 

"Devi portare rispetto!", protesta la Castelli. "Si rilassi, lei il 4% non lo vede neanche con il binocolo e continuerà a essere una parvenu della politica. Sono sicuro che la Castelli non diventerà un europarlamentare e sarà una delle poche buone notizie delle prossime elezioni". "Oggi sono la mamma di un bambino di 2 anni, faccio il mio lavoro, la consulente, questa lista ha dentro mondi importanti che io pretendo non vengano infangati". Ma Scanzi prosegue con le badilate: "Non ho nessuna stima dei complottisti no vax o dell'oscurantismo di Adinolfi".

 

laura castelli otto e mezzo laura castelli otto e mezzo

"Forse Scanzi voleva dire che siete un po' eterogenei", prova a glissare la Gruber. "Siamo gli unici che hanno fatto un programma di 20 punti - rivendica con orgoglio la Castelli -, c'è un sistema che ci vorrebbe divisi invece quelli sono temi importanti". [...]

Andrea Scanzi e Laura Castelli - otto e mezzo Andrea Scanzi e Laura Castelli - otto e mezzo

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE