VIETATO AI MINOLI – ALDO GRASSO TUMULA LA MINISERIE DI NETFLIX, “IL GIOVANE BERLUSCONI” E L’EGO ESPANSO DI GIOVANNI MINOLI: FORSE POTEVA INTERVISTARE PER PRIMO BERLUSCONI PERCHÉ AVEVA FATTO GLI SPOT DI PROPAGANDA PER CRAXI, NO?” - “SEMBRA UN’ESERCITAZIONE DI FINE ANNO DI UN CORSO DEL DAMS. CHE OCCASIONE SPRECATA! BERLUSCONI NON L’AVREBBE MAI MANDATO IN ONDA” – “QUANDO DELL’UTRI RICORDA CHE B. DEFINIVA GLI SPETTATORI ‘TESTE’, SI POTEVA RICORDARE CHE IL GRANDE ETTORE BERNABEI QUALIFICAVA GLI SPETTATORI COME ‘TESTE DI CA...’” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Aldo Grasso per il “Corriere della Sera”

 

silvio berlusconi - il giovane berlusconi silvio berlusconi - il giovane berlusconi

Berlusconi sapeva fare la tv e non avrebbe mai mandato in onda un documentario simile, anche se parlava di lui. E dire che sulla sua tv si è discusso molto: sono stati scritti articoli, libri, saggi, tesi universitarie, sono stati organizzati dibattiti in ogni sede.

 

Era bella o brutta?  Era una tv innovativa o solo un subdolo congegno di persuasione occulta? E lui, Berlusconi, era un grande e simpatico affabulatore o un seduttivo piazzista? […] Se cerchiamo di trovare una risposta […] nel documentario in tre puntate Il giovane Berlusconi […] (Netflix), rassegniamoci: è tutto un discorso di superficie.

 

silvio berlusconi intervistato da giovanni minoli nel 1994 silvio berlusconi intervistato da giovanni minoli nel 1994

Sembra un’esercitazione di fine anno di un corso del Dams, un ritrattino agiografico e scolastico che spiega ben poco dello sconvolgente impatto che Berlusconi ha avuto sulla vita degli italiani. […] Che occasione sprecata! Ci sono interviste […] già sentite mille volte; ci sono interviste da cui si sarebbe potuto ricavare molto di più (Dario Rivolta, Carlo Momigliano, Marcello Dell’Utri), ci sono interviste egoriferite (forse Minoli poteva intervistare per primo Berlusconi perché aveva fatto gli spot di propaganda per Craxi, no?), ci sono interviste inutili (gli autori non hanno mai letto i libri di Gigi Moncalvo?).

 

 

 

 

 

silvio berlusconi e bettino craxi silvio berlusconi e bettino craxi

La frase più bella di tutto il documentario, quella in cui Dell’Utri chiede cosa sia la televisione e Berlusconi gli risponde: «La televisione è tutto ciò che sta intorno alla pubblicità», meritava di essere incorniciata con qualche commento sensato. Così come, quando Dell’Utri ricorda che Berlusconi usava il gergo pubblicitario per definire gli spettatori «teste», si poteva ricordare che il grande Ettore Bernabei qualificava gli spettatori come «teste di ca...». E tirare qualche somma, forzare qualche similitudine.

silvio berlusconi dell'utri - il giovane berlusconi silvio berlusconi dell'utri - il giovane berlusconi aldo grasso aldo grasso CRAXI BERLUSCONI CRAXI BERLUSCONI IL GIOVANE BERLUSCONI - DOCUSERIE NETFLIX IL GIOVANE BERLUSCONI - DOCUSERIE NETFLIX silvio berlusconi - il giovane berlusconi silvio berlusconi - il giovane berlusconi ALDO GRASSO ALDO GRASSO silvio berlusconi - il giovane berlusconi silvio berlusconi - il giovane berlusconi giovanni minoli giovanni minoli GIOVANNI MINOLI A UN GIORNO DA PECORA GIOVANNI MINOLI A UN GIORNO DA PECORA silvio berlusconi ricorda bettino craxi silvio berlusconi ricorda bettino craxi bettino craxi silvio berlusconi primi anni 80 bettino craxi silvio berlusconi primi anni 80 silvio berlusconi - il giovane berlusconi silvio berlusconi - il giovane berlusconi

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI