ADDIO ALL'UOMO "CON TRE FACCE" - È MORTO JEROME HAMON, IL PRIMO UOMO AL MONDO A SUBIRE DUE TRAPIANTI DI VISO - IL 49ENNE FRANCESE, CHE SOFFRIVA DI UNA RARA MALATTIA GENETICA CHE GLI AVEVA DEFORMATO LA FACCIA, E' STATO OPERATO PER LA PRIMA VOLTA NEL 2010 E LA SECONDA NEL 2018, DOPO CHE, A CAUSA DI UN ANTIBIOTICO USATO PER CURARE UN RAFFREDDORE CHE INTERFERI' CON GLI IMMUNODEPRESSORI, IL SUO CORPO AVEVA INIZIATO A RIGETTARE IL SUO NUOVO VOLTO...

-

Condividi questo articolo


jerome hamon jerome hamon

(ANSA) - E' morto a 49 anni in Francia Jérôme Hamon, il primo uomo al mondo che, nel 2018, subì un secondo trapianto di viso. Il primo risaliva al 2010, in seguito ad una malattia genetica che gli aveva deformato il viso, la neurofibromatosi di tipo 1. Otto anni dopo, il rigetto e il nuovo trapianto, un esperimento mai tentato prima e che lo rese il primo al mondo ad aver vissuto con 3 volti diversi.

 

jerome hamon jerome hamon

Era "sfinito", secondo le parole del suo medico, che ha voluto testimoniare al quotidiano Le Telegramme "la forza di Jérôme, ero io che gli chiedevo come faceva a resistere". Il trapianto del 2018 fu realizzato dalla squadra del professor Laurent Lantieri, all'ospedale parigino "Georges Pompidou". Lo stesso chirurgo aveva già realizzato il primo trapianto, anche in quel caso una prima mondiale, nel 2010 all'ospedale "Henri Mondor". In quel caso, il trapianto fu un successo, come raccontò lui stesso in un libro pubblicato nell'aprile 2015.

 

jerome hamon jerome hamon

Ma nello stesso anno, per un banale raffreddore, fu curato con un antibiotico incompatibile con gli immunodepressori che gli erano indispensabili per vivere e l'anno seguente cominciò a mostrare segni di rigetto e il volto si deformò. Un anno dopo, la decisione di ritentare il trapianto, visto che il viso in fase di rigetto presentava segni di necrosi. In attesa dell'operazione, Hamon restò due mesi "senza viso" in rianimazione all'ospedale, in attesa di un donatore compatibile. Alla fine, il donatore fu un giovane di 22 anni morto a centinaia di chilometri da Parigi.

jerome hamon jerome hamon jerome hamon jerome hamon JEROME HAMON 5 JEROME HAMON 5 JEROME HAMON 7 JEROME HAMON 7 JEROME HAMON 5 JEROME HAMON 5 jerome hamon jerome hamon

 

 

jerome hamon jerome hamon

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”

“QUELLA E' LA TU REGAZZA, O TE C'HANNO VOMMITATO ACCANTO?” – “TE RETTIFICO LA VENA CACATORIA'' - ''SI' TE 'O METTO 'N SPALLA, ALTRO CHE VIA CRUCIS’’ - ‘’ERA COSI' ARRAPATA CHE JO' DOVUTO STRIZZA' LE MUTANDINE – ‘’C'HAI DU' CORNA CHE SE VAI A VEDE 'NA PARTITA DE RAGBI TE FANNO META SUR CRANIO’’ – ‘’OGNI BUCO E' BONO; PURE QUELLO D'OZONO’’ - DAGOSPIA PRESENTA LO ZINGARELLI DELLA COATTERIA ROMANA - UN INDISPENSABILE MANUALE DI CONVERSAZIONE PER COLORO I QUALI DOVESSERO IMBATTERSI, INDIFESI, IN UN DIALOGO CON ''GIORGIA, LA REGINA DI COATTONIA'' – ULTIMA PARTE: APPREZZAMENTI A SFONDO SESSUALE... - VIDEO

‘’TE PIJO A PISELLATE SU'E GENGIVE’’ – ‘’M'HAI SCUCITO LA FODERA DER CAZZO’’ – ‘’TE STRAPPO LE BUDELLA E TE CE 'MPICCO’’ – ‘’’SÒNA 'N MEZZO ALLE COSCE DE TU' MOJE CHE CE STA PIU' TRAFFICO’’ – ‘’SI' TE SGRULLO TE FACCIO CASCA' TUTTI LI TATUAGGI’’ – “- A' COMETECHIAMI” - DAGOSPIA PRESENTA LO ZINGARELLI DELLA COATTERIA ROMANA - UN INDISPENSABILE MANUALE DI CONVERSAZIONE PER COLORO I QUALI DOVESSERO IMBATTERSI, INDIFESI, IN UN DIALOGO CON LA REGINA DI COATTONIA, ALIAS GIORGIA MELONI – SECONDA PARTE: MINACCE E INSULTI - VIDEO