E ADESSO NETANYAHU CHE FA? – ISMAIL HANIYEH, IL CAPO POLITICO DI HAMAS, VOLERÀ AL CAIRO PER DISCUTERE I DETTAGLI DELLA TREGUA E SI DICE FAVOREVOLE ALL’ACCORDO SE LE TRUPPE ISRAELIANE SI RITIRERANNO DA GAZA – UNA CONDIZIONE CHE HA FATTO GIÀ SALTARE SULLA SEDIA L’ULTRA DESTRA ISRAELIANA CHE MINACCIA IL PRIMO MINISTRO ISRAELIANO: “SE L’INTESA SARÀ SCONSIDERATA FAREMO CADERE IL GOVERNO” – NETANYAHU SI LIMITA A RISPONDERE CHE NON LIBERERÀ CENTINAIA DI DETENUTI PALESTINESI, MA SE NON SI METTE AL TAVOLO DELLE TRATTATIVE DOVRÀ VEDERSELA CON I PARENTI DEGLI OSTAGGI CHE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Luca Geronico per “Avvenire”

 

Ismail Haniyeh Ismail Haniyeh

Alla fine la proposta di tregua arriva anche sul tavolo di Ismail Haniyeh che conferma di aver «ricevuto la proposta che è stata fatta circolare durante l'incontro di Parigi». Hamas, fa sapere il suo leader politico, la sta esaminando. Dal Qatar Haniyeh si recherà al Cairo «per discutere i dettagli del piano». La priorità dello Harakat al-Muqawwama al Islamiyya è «porre fine all'offensiva israeliana con il ritiro delle sue forze della Striscia di Gaza», ha aggiunto Haniyeh. Una volontà di trattare da parte di Hamas che spacca subito il governo di Tel Aviv. E anche il fronte palestinese. L'accordo con Hamas, scrive subito su X il ministro della sicurezza e leader di destra radicale, Itamar Ben Gvir, è «irresponsabile» e significherebbe «la spaccatura del governo».

benjamin netanyahu benjamin netanyahu

 

Immediata la replica di un Benjamin Netanyahu sempre più sotto assedio politico: «Le nostre forze non lasceranno Gaza» e «migliaia di terroristi non saranno rilasciati». Di fronte a dichiarazioni di ogni tipo, il premier israeliano precisa che la guerra finirà solo con il raggiungimento di tutti gli obiettivi: «eliminare Hamas», «riportare a casa tutti i nostri rapiti» e «garantire che Gaza non rappresenti più una minaccia» afferma a Yedioth Ahronoth. E davanti alla commissione Esteri della Knesset è il ministro della Difesa Yoav Galant a squadernare il suo piano per il dopoguerra: «Hamas non governerà Gaza. Israele governerà militarmente, ma non governerà civilmente».

Ismail Haniyeh Ismail Haniyeh

 

Dialogo in salita con segnali di divisione anche dal fronte palestinese: una nota di Ziad al-Nakhala, segretario della Jihad islamica, fa sapere che non firmerà alcun accordo con Israele sugli ostaggi che non preveda il ritiro completo dalla Striscia e un cessate il fuoco completo.

 

itamar ben gvir e bezalel smotrich 8 itamar ben gvir e bezalel smotrich 8

 La bozza di intesa – negoziata a Parigi grazie alla mediazione di Cia, Mossad, Egitto e Qatar – prevede una prima pausa nei combattimenti di sei settimane in cambio della liberazione di una quarantina di ostaggi; solo dopo si discuterebbe dei soldati israeliani maschi e femmine, degli uomini in età da militare e, terza fase, si prevede la restituzione dei cadaveri attraverso un meccanismo negoziale aperto. Un meccanismo complicatissimo che si spera si metta in moto.

ismail haniyeh 3 ismail haniyeh 3

[…]

IL VIDEO MESSAGGIO DI ISMAIL HANIYEH - LEADER DI HAMAS IL VIDEO MESSAGGIO DI ISMAIL HANIYEH - LEADER DI HAMAS itamar ben gvir e bezalel smotrich 2 itamar ben gvir e bezalel smotrich 2 israel katz benjamin netanyahu israel katz benjamin netanyahu manifestazione contro netanyahu in israele 5 manifestazione contro netanyahu in israele 5 proteste contro netanyahu alla knesset di gerusalemme 1 proteste contro netanyahu alla knesset di gerusalemme 1 proteste contro netanyahu alla knesset di gerusalemme 3 proteste contro netanyahu alla knesset di gerusalemme 3 parenti degli ostaggi israeliani protestano contro netanyahu 4 parenti degli ostaggi israeliani protestano contro netanyahu 4 parenti degli ostaggi israeliani protestano contro netanyahu 1 parenti degli ostaggi israeliani protestano contro netanyahu 1 itamar ben gvir e bezalel smotrich 9 itamar ben gvir e bezalel smotrich 9 proteste contro netanyahu proteste contro netanyahu ismail haniyeh 1 ismail haniyeh 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…