ADESSO SIAMO NOI CHE PREGHIAMO PER VOI – ALLERTA CORONAVIRUS MASSIMA IN BANGLADESH DOVE MIGLIAIA DI PERSONE SI SONO AMMASSARE PER UN MEGA-RADUNO ISLAMICO TRASFORMATO IN UN POTENZIALE FOCOLAIO DELL’EPIDEMIA – LA MANIFESTAZIONE NON ERA AUTORIZZATA, MA GLI ORGANIZZATORI AVEVANO INVITATO I FEDELI A PARTECIPARE, ASSICURANDO CHE LA PREGHIERA AVREBBE RESO IL PAESE IMMUNE AL COVID-19…

-

Condividi questo articolo

Gerry Freda per "www.ilgiornale.it"

 

coronavirus e bangladesh 4 coronavirus e bangladesh 4

In Bangladesh, l’allerta per il coronavirus è ormai ai massimi livelli dopo che ha recentemente avuto luogo lì un mega-raduno islamico, potenziale focolaio dell’epidemia.

 

L’evento religioso di massa è andato in scena questo mercoledì mentre il Paese asiatico registrava il suo primo decesso per Covid-19 e accertava 17 cittadini contagiati dal medesimo morbo. Secondo la polizia locale, il raduno incriminato non era stato autorizzato dalle pubbliche autorità.

coronavirus e bangladesh 3 coronavirus e bangladesh 3

 

La manifestazione islamica, riporta la Bbc, si è svolta in una cittadina del sud del Bangladesh, situata nel sotto-distretto di Raipur, e sarebbe stata organizzata da un influente leader maomettano del posto. La partecipazione popolare all’evento è stata molto alta, dell’ordine di decine di migliaia di persone.

 

In particolare, rimarca l’emittente, le forze dell’ordine bengalesi hanno stimato a 10mila unità i fedeli che hanno affollato la cittadina, mentre a detta di alcuni testimoni, citati dal network londinese, la folla in questione sarebbe invece stata composta da quasi 30mila musulmani.

coronavirus e bangladesh 1 coronavirus e bangladesh 1

 

Tutta quella gente si è riunita nel territorio di Raipur per recitare dei “versetti terapeutici del Corano”. I promotori del raduno, fa sapere l’organo di informazione d’Oltremanica, avevano incoraggiato i cittadini a prendere parte alla manifestazione religiosa evidenziando che la loro preghiera collettiva avrebbe procurato alla popolazione bengalese l’immunità dal Covid-19 e avrebbe quindi liberato la nazione dalla minacciosa epidemia.

 

coronavirus e bangladesh 2 coronavirus e bangladesh 2

Il grande assembramento verificatosi mercoledì ha immediatamente allarmato le autorità sanitarie di Dacca, poiché proprio i contatti stretti tra persone favoriscono la trasmissione del coronavirus. Alla base delle preoccupazioni dei funzionari governativi bengalesi vi è inoltre il ricordo di quanto accaduto in precedenza in altri Stati asiatici.

 

Ad esempio, spiega la Bbc, un analogo raduno musulmano andato in scena a febbraio in Malesia, anch’esso caratterizzato da decine di migliaia di partecipanti, ha causato il contagio da Covd-19 di 500 persone, che, con i loro successivi viaggi e spostamenti, hanno determinato la diffusione del morbo anche nei Paesi vicini: Brunei, Singapore, Cambogia.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute