ALTRO CHE BAMBOCCIONI: UNO STUDENTE SU CINQUE È COSTRETTO A LAVORARE PER PAGARSI L’UNIVERSITÀ – SONO 365MILA I RAGAZZI CHE, IN MANCANZA DI FAMIGLIE CHE POSSONO SOSTENERLI ECONOMICAMENTE, DEVONO ALTERNARE IMPIEGO E STUDIO – QUASI TUTTI VENGONO PAGATI IN NERO E SPESSO DEVONO SOTTOSTARE A CONDIZIONI DI LAVORO AI LIMITI DELLO SCHIAVISMO – LA VITA UNIVERSITARIA COSTA TRA I 9MILA AI 17MILA EURO L’ANNO E…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Viola Giannoli per “la Repubblica”

 

studenti studenti

«Ho fatto la cameriera, la lavapiatti, la caregiver, ho guadagnato meno di 5 euro l’ora, ma ne ho bisogno: la mia famiglia non può sostenermi, mi pago da sola la spesa, i libri, la stanza in affitto a Viterbo dove gli alloggi studenteschi son pochissimi e io non ho borsa di studio». Stella, 25 anni, fuorisede a Biologia, è una di quelle che studiano e lavorano. Meglio: lavorano per studiare. D’altronde se tra tasse, mensa, materiali, bus, sport e un letto, la vita universitaria costa tra 9 mila e 17 mila euro l’anno, chi poggia su spalle fragili in famiglia come fa?

 

studente lavoratore 5 studente lavoratore 5

«L’anno scorso mi pagavo gli studi lavorando tutti i giorni senza dare nemmeno un esame — dice ancora Stella — Adesso 3 o 4 volte a settimana servo al ristorante o aiuto una signora in difficoltà. È tutto in nero ma i soldi mi servono e per quella donna sono una lucina nel buio della sua depressione».

 

Né «choosy» né «bamboccioni» — sfortunatissime definizioni di vecchi ministri — sono almeno 365 mila gli studenti lavoratori che si dichiarano tali, uno su cinque, mai così tanti dal 2008. […]

studenti lavoratori studenti lavoratori

 

Ma lavorare non è sempre una libera scelta, anzi «spesso è un cammino obbligato per le difficoltà economiche e le carenze del diritto allo studio: solo il 40% potrebbe permettersi l’università senza un impiego», commenta Camilla Piredda che per l’Udu, con Cgil e Fondazione Di Vittorio, ha lavorato a un’indagine sugli studenti lavoratori.

 

[…] 6 su 10 hanno enormi difficoltà a frequentare le lezioni, più della metà non ce la fa a stare in regola con gli esami. «È un circolo vizioso: devo lavorare di più per pagarmi l’università ma se lavoro di più ho meno tempo per studiare», ragiona Luca Spanò, 23 anni, al quarto anno di Scienze storiche e cooperazione internazionale. «Ho chiesto la carriera part time, do esami da non frequentante, la media è buona ma vado a rilento. Se lavori tutto il weekend, il lunedì stai ko».

 

studente lavoratore 3 studente lavoratore 3

Come il 67,4% dei coetanei, Luca vive a casa coi suoi. Solo che a casa sono in 7, fratelli, genitori, nonni, il salotto è una camera da letto. «A 18 anni mamma mi disse: se vuoi fare l’università pagatela da solo». Ha fatto il cameriere, l’addetto alla sicurezza nei musei, il banconista, lo stagista retribuito dalla Regione: «40 ore a 800 euro, una follia, non c’è rispetto dei contratti, ti fanno lavorare al posto di un assunto e ti chiedono di recuperare i giorni di malattia. Nessuno conosce i propri diritti».

studente lavoratore 2 studente lavoratore 2

 

[…] I contratti, quando ci sono, sono a tempo, interinali, a chiamata, part time involontari. Michelangelo ha 21 anni, viene da Latina, a Roma studia Scienze politiche ed è dipendente di un’agenzia interinale che fornisce camerieri extra agli alberghi con un contratto a somministrazione, sono stati i primi a metterlo in regola. […]

studente lavoratore 4 studente lavoratore 4

studente 3 studente 3 studente 2 studente 2 studente 1 studente 1 studente lavoratore 1 studente lavoratore 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”