APPLICARE LA LEGGE E' FARE GIUSTIZIA? - POLEMICHE PER IL CASO DELLO YOUTUBER MATTEO DI PIETRO CHE, DOPO AVER PATTEGGIATO UNA PENA DI 4 ANNI E 4 MESI, NON ANDRÀ IN CARCERE PER L’INCIDENTE DI CASALPALOCCO IN CUI E' MORTO UN BAMBINO DI 5 ANNI – LA MANCATA GALERA E’ LEGATA AL “PRE-SOFFERTO” DEGLI ARRESTI DOMICILIARI SCONTATI IN VIA CAUTELARE. LO SCONTO SULLA PENA DIPENDE DAL SUO COMPORTAMENTO: SUBITO DOPO L’INCIDENTE IL GIOVANE SI È FERMATO A PRESTARE SOCCORSO. DURANTE LE INDAGINI HA DIMOSTRATO PENTIMENTO E SI È SCUSATO CON I PARENTI DELLA VITTIMA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


https://video.repubblica.it/edizione/roma/video-matteo-di-pietro-incidente-casal-palocco/461840/462804

 

Estratti da open.online 

 

matteo di pietro matteo di pietro

Il giudice delle indagini preliminari di Roma ha condannato Matteo Di Pietro a 4 anni e 4 mesi di carcere. Lo scorso 14 giugno il 20enne guidava il Suv Lamborghini che ha travolto una Smart uccidendo Manuel, un bambino di cinque anni. Di Pietro ha patteggiato la pena, ovvero ne ha concordato l’applicazione con il pubblico ministero e il giudice.

 

E, come ha spiegato nei giorni precedenti la sua avvocata Antonella Benvenduti, non andrà in carcere. Perché? Innanzitutto c’è da sottolineare che il Gip ha comminato una pena superiore a quella patteggiata con il pm, che era di 4 anni. In secondo luogo va detto che sul calcolo hanno pesato una serie di condizioni che a cui il condannato aveva diritto a causa del suo comportamento.

 

 

 

il video dell incidente a casal palocco 5 il video dell incidente a casal palocco 5

Il patteggiamento

Il calcolo effettuato dal giudice è partito dal massimo della pena prevista dal codice penale, ovvero 10 anni. Da lì sono state applicate le diminuzioni previste dal Codice Penale. In particolare, per Di Pietro hanno pesato il comportamento processuale, la scelta del rito alternativo e l’atteggiamento tenuto nell’immediatezza dei fatti. Subito dopo l’incidente infatti il giovane si è fermato a prestare soccorso agli occupanti della Smart. Non è quindi scappato.

 

Durante le indagini ha deciso di collaborare con la magistratura. Ha dimostrato pentimento e si è scusato con i parenti della vittima. Ha ammesso le sue colpe già durante l’interrogatorio di garanzia. E anche davanti al Gip. La condanna con i minimi di pena poteva scendere anche a due anni. Pietro Genovese per l’omicidio plurimo di Gaia e Camilla ha chiuso i conti in appello a 5 anni e 4 mesi. E anche per lui c’è oggi l’affidamento ai servizi sociali.

matteo di pietro con il padre paolo 3 matteo di pietro con il padre paolo 3

 

 

Il calcolo della pena

Il Corriere della Sera spiega oggi che il conteggio iniziale per Di Pietro partiva da 9 anni e 3 mesi perché l’imputato aveva già scontato parte della pena ai domiciliari. Il suo difensore aveva proposto 4 anni di carcere. Gli articoli del codice stradale contestati sono il 141, che impone di mantenere il controllo del veicolo, il 142 sui limiti di velocità e il 145 che impone a chi guida di sgomberare un incrocio il prima possibile. Lo sconto dipende dalla scelta del rito e dalle attenuanti generiche.

 

gli youtuber di theborderline prima dell incidente a casal palocco 2 gli youtuber di theborderline prima dell incidente a casal palocco 2

E, spiega il professor Francesco Centonze – che insegna diritto penale alla Cattolica – quali sono le circostanze che hanno portato al calcolo della pena: «Sono state applicate le diminuzioni previste dalla legge. Nel caso specifico: un terzo in meno per le attenuanti generiche e un terzo per il patteggiamento».

 

Niente carcere

Perché, quindi, lo youtuber Matteo Di Pietro non andrà in carcere? «È stato considerato il “pre-sofferto” degli arresti domiciliari scontati in via cautelare. La condanna da scontare così scende sotto i 4 anni. La legge prevede che in questi casi il condannato possa accedere alle misure alternative come la detenzione ai domiciliari o l’affidamento in prova ai servizi sociali».

 

 

(…)

 

incidente mortale casal palocco 2 incidente mortale casal palocco 2 uno dei membri dei theborderline prima dell incidente a casal palocco 2 uno dei membri dei theborderline prima dell incidente a casal palocco 2 incidente mortale casal palocco 1 incidente mortale casal palocco 1 theborderline 5 theborderline 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…