ARCHEO CRONACHE DALLA SCALA - LA RISSA TRA FRANCO ZEFFIRELLI E LUCHINO VISCONTI, ENTRAMBI DICHIARATAMENTE GAY, FUORI DAL TEATRO ALLA SCALA DI MILANO. RACCONTAVA UNA LORO AMICA: “MA SAPETE CHE SI PICCHIAVANO PROPRIO COME DU' OMINI?” – E QUELLA VOLTA CHE IL PRESIDENTE GRONCHI, NEL 1959, CADDE A TERRA A TEATRO E FU SPERNACCHIATO IN TV - (DA "ANTEPRIMA - LA SPREMUTA DI GIORNALI DI GIORGIO DELL'ARTI")

-

Condividi questo articolo


Da “Anteprima. La spremuta dei giornali di Giorgio Dell’Arti”

 

Ómini

zeffirelli visconti zeffirelli visconti

La rissa tra Franco Zeffirelli e Luchino Visconti, entrambi dichiaratamente gay, fuori dalla Scala. Raccontava una loro amica: «Ma sapete che si picchiavano proprio come du' omini?» (dal documentario Franco Zeffirelli, conformista ribelle di Anselma Dell'Olio).

 

Presidenti

Il presidente Gronchi, alla prima della Scala del 1959, cadde a terra nel tentativo di accomodarsi su una poltrona. Ugo Tognazzi e Raimondo Vianello lo presero in giro in tivù: furono i primi epurati nella storia della Rai [Paolo Giordano, Giornale].

 

zeffirelli visconti alla scala zeffirelli visconti alla scala

Idee

Ci è andata alla Prima della Scala? «No, per carità. Alla Prima della Scala ti devi bardare e poi devi dire qualcosa, parlare. Non puoi andare e goderti la musica e basta. Sai che cosa dovremmo fare? Entrare bardati, farci fotografare e poi uscire subito per andare a cena [Drusilla Foer a Roberta Scorranese, CdS].

 

Cagnara

Nel Settecento alla Scala ci si andava verso mezzogiorno e se ne usciva verso le due del mattino dopo avere assistito a un'opera seria, a degli intermezzi, a uno o due balletti. Alla fine, sgomberata la platea, si ballava fino alle prime luci dell'alba. Quello che accadeva sul palcoscenico era spesso un sottofondo musicale, al quale si prestava attenzione

giovanni gronchi giovanni gronchi drusilla foer drusilla foer almanacco drusilla foer 2 almanacco drusilla foer 2 CADUTA GRONCHI ALLA SCALA CADUTA GRONCHI ALLA SCALA

solo in alcuni momenti particolari.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE