BATTERI IMBATTIBILI - I MICROBI RESISTENTI AGLI ANTIBIOTICI CAUSANO QUASI 5 MILIONI DI MORTI ALL'ANNO - OLTRE 750MILA DI QUESTI DECESSI POTREBBERO ESSERE EVITATI CON MISURE IGIENICO-SANITARIE EFFICACI, IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI NELLE STRUTTURE SANITARIE E CON L'ACCESSO UNIVERSALE AD ACQUA POTABILE SICURA: "QUESTI METODI HANNO IL POTENZIALE DI RIDURRE DRASTICAMENTE IL NUMERO DI MORTI"

-

Condividi questo articolo


resistenza agli antibiotici resistenza agli antibiotici

(ANSA) - Quasi 5 milioni di morti da antibiotico-resistenze (Amr) l'anno, di cui ben 750.000 evitabili con vaccini, acqua e servizi igienico-sanitari, e metodi di controllo delle infezioni: è il dato riferito su The Lancet da un gruppo di esperti che avvertono: senza contromisure vedremo un aumento costante del bilancio globale delle vittime di infezioni legate all'antibiotico-resistenza. Si stima che ogni anno 7,7 milioni di morti a livello globale siano causate da infezioni batteriche - 1 su 8 di tutte le morti globali - rendendole la seconda causa di morte nel mondo.

 

batteri resistono agli antibiotici batteri resistono agli antibiotici

Di queste morti, quasi 5 milioni sono la conseguenza indiretta di infezioni batteriche resistenti agli antibiotici, e 1,3 milioni direttamente causate da patogeni antibiotico-resistenti. Sempre più spesso, i batteri o i funghi che causano queste infezioni non rispondono più agli antibiotici più facilmente disponibili; ad esempio, in uno studio condotto in 11 paesi tra Africa, Asia, Europa e America Latina tra il 2018-2020, il 18% dei neonati con sepsi non è sopravvissuto nonostante la somministrazione di antibiotici.

 

batteri che resistono agli antibiotici batteri che resistono agli antibiotici

Anche gli anziani e le persone con malattie croniche affrontano un rischio significativo dall'Amr, soprattutto in ospedali e strutture di assistenza a lungo termine. L'Amr mina la sicurezza di procedure come trapianti, sostituzioni articolari, chemioterapia e cura di malattie cardiovascolari, diabete e malattie polmonari croniche. L'analisi di Lancet stima che migliorare la prevenzione e il controllo delle infezioni nelle strutture sanitarie, con una migliore igiene delle mani e una pulizia e sterilizzazione più regolari delle attrezzature, potrebbe salvare fino a 337.000 vite l'anno. Inoltre, l'accesso universale ad acqua potabile sicura e servizi igienico-sanitari efficaci potrebbe prevenire circa 247.800 morti l'anno.

batterio antibiotico resistente 1 batterio antibiotico resistente 1

 

E ancora, espandere la diffusione di alcuni vaccini pediatrici, come i vaccini pneumococcici che aiutano a proteggere contro la polmonite e la meningite, e introdurre nuovi, come i vaccini per il virus sinciziale per le madri in gravidanza, potrebbe salvare 181.500 vite all'anno. "Questi metodi hanno il potenziale di ridurre drasticamente il numero di morti per infezioni associate a resistenze antibiotiche: nei paesi a basso e medio reddito dovrebbe essere possibile ridurli del 10% entro il 2030", spiega la coautrice Yewande Alimi dell'Africa CDC.

ARTICOLI CORRELATI

batterio antibiotico resistente 2 batterio antibiotico resistente 2 batterio antibiotico resistente 3 batterio antibiotico resistente 3 batterio antibiotico resistente 4 batterio antibiotico resistente 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ