BIG MAC INDIGESTO PER BIDEN – IL “CARO FAST FOOD” SARA’ UN ELEMENTO CHIAVE DELLE PROSSIME PRESIDENZIALI USA – FA DISCUTERE L'IMPENNATA DEI PREZZI DI HAMBURGER E PATATINE NELLE GRANDI CATENE: DA MCDONALD'S UN BIG MAC È ARRIVATO A COSTARE 18 DOLLARI – E TRUMP NEI COMIZI USA IL PREZZO DELL'HOTDOG PER INDICARE IL FALLIMENTO DELLA POLITICA ECONOMICA DEL SUO AVVERSARIO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Massimo Basile per “la Repubblica”

 

JOE BIDEN MCDONALDS JOE BIDEN MCDONALDS

Il Big Mac potrebbe diventare un elemento chiave delle prossime presidenziali americane. E così il bacon, le patatine fritte e le alette di pollo con salsa messicana. La classe operaia è sempre più insoddisfatta della politica economica del presidente Joe Biden e uno dei motivi è l'impennata dei prezzi degli "happy meal", le offerte fast food che negli Usa fanno spesso da colazione, pranzo e cena.

 

Secondo il Consumer Price Index, mentre la spesa media per mangiare a casa è cresciuta, tra il dicembre 2022 e il dicembre 2023, dell'1,3 per cento, quella per il fast food è salita del 5,2.

 

JOE BIDEN MCDONALDS JOE BIDEN MCDONALDS

McDonald's, il tempio americano del cibo a buon mercato, è stato criticato per i suoi prezzi. In alcuni store il Big Mac menu costa 18 dollari, prezzo esagerato per chi era abituato a fare il pieno con pochi bigliettoni verdi. Ma anche altre catene, come Kfc, Taco Bell e Pizza Hut hanno alzato i prezzi. E lo stesso vale per i franchising di cibo messicano. Negli ultimi 5 anni gli incrementi complessivi sono stati quasi del 28 per cento, ben sopra l'inflazione.

 

[…]  Se un hamburger carne, formaggio e cipolla è rincarato del 31 per cento, mentre la paga oraria si aggira sul 25 per cento, per i Democratici è un problema.

 

MCDONALDS MCDONALDS

Secondo un sondaggio realizzato dal Guardian, quasi tre americani su cinque credono, sbagliando, che gli Usa siano in recessione. Il 49 per cento è convinto che la disoccupazione sia al suo massimo negli ultimi cinquant'anni mentre è sotto al 4 per cento, il più basso in mezzo secolo. La stessa percentuale è convinta che l'indice azionario S&P500 di Wall Street sia in calo da un anno, mentre è cresciuto del 24 per cento nel 2023 ed è in crescita del 12 per cento quest'anno.

 

Il generale pessimismo americano è un cortocircuito che colpisce un Paese a due velocità: i ricchi guadagnano sempre di più, la classe media e quella che sta sotto ha sempre più problemi nel quotidiano. Sette americani su dieci, in un altro sondaggio, hanno confessato di aver problemi con il costo della vita. Scoprire che un prodotto acquistato al fast food è passato da uno a cinque dollari mette la depressione e colpisce più dei rincari registrati nei negozi di vestiti e profumi.

 

donald trump vs joe biden immagine creata con midjourney 3 donald trump vs joe biden immagine creata con midjourney 3

Biden rischia di giocarsi il voto di quella fetta di elettorato che lo ha portato alla Casa Bianca nel 2020. Allora, secondo Axios, conquistò il 55 per cento dei voti tra le persone con reddito inferiore a 50mila dollari l'anno, contro il 44 che aveva scelto Trump, e il 57 per cento tra quelli che guadagnavano tra i 50 e i 99mila. Al tycoon era andato il 42 per cento.

 

Ma adesso i più poveri sembrano rivolgersi proprio a Trump. I social sono inondati di messaggi in cui la gente dichiara che "quattro anni fa si stava meglio". Non a caso il tycoon nei comizi usa il prezzo dell'hotdog per indicare il fallimento della politica economica del suo avversario. […]

donald trump vs joe biden immagine creata con midjourney 1 donald trump vs joe biden immagine creata con midjourney 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE