BOEING 747 ADDIO! – IERI È STATO CONSEGNATO ALLA COMPAGNIA AEREA “ATLAS AIR” L’ULTIMO JUMBO JET (NUMERO 1574). IL MODELLO, USATO ANCHE COME AEREO DEL PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI, FU PENSATO NEL 1965 CON LO SCOPO DI TRASPORTARE SIA I PASSEGGERI SIA COME AEREO-CARGO – CON I NUOVI MOTORI PIÙ AFFIDABILI LE COMPAGNIE AEREE PREFERISCONO ACQUISTARE I MENO COSTOSI AEROPLANI CON DUE PROPULSORI CHE RIESCONO A VOLARE IN SICUREZZA PER LUNGHISSIME TRATTE..

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Massimo Gaggi per il "Corriere della Sera"

 

ultimo boeing 747 1 ultimo boeing 747 1

L’era del jumbo si è conclusa ieri, 55 anni dopo il suo primo volo, con la consegna alla compagnia cargo Atlas Air dell’ultimo Boeing 747, quello numero 1574. Un’era gloriosa di democratizzazione del volo: fino a tutti gli anni Sessanta il trasporto aereo era riservato a pochi benestanti e audaci. Il nuovo jet con la sua grande capacità (fino a 500 posti in alcune versioni) consentiva alle aviolinee di abbassare notevolmente le tariffe. E con le sue dimensioni mastodontiche, da “nave dei cieli” (oltre 400 tonnellate di peso al decollo), il 747 faceva passare a molti la paura di volare.

ultimo boeing 747 4 ultimo boeing 747 4

 

Il prodotto di un’era straordinaria anche dal punto di vista delle capacità produttive. L’idea del jumbo nacque nel 1965 dalle conversazioni tra gli ingegneri della Boeing e i capi della Pan American (allora principale aviolinea Usa sulle rotte mondiali, andata in bancarotta nel 1992) che volevano un aereo più grande del Boeing 707 e capace di essere usato anche in versione cargo.

Per questo fu creato un piano superiore per la cabina di pilotaggio e un certo numero di passeggeri: serviva a consentire un’apertura del muso dell’aereo adeguata al vasto piano di carico. Nacque così la gobba che ha reso inconfondibile il 747, facendolo diventare addirittura un’icona pop.

 

[…] Ci vollero appena 28 mesi per passare da quelle conversazioni al completamento del prototipo del jet: primo decollo nel 1968, battesimo che sorprese il mondo l’anno dopo all’Air Show parigino di Le Bourget e primo volo commerciale, New York-Londra, il 21 gennaio 1970.

 

ultimo boeing 747 2 ultimo boeing 747 2

[…] Vent’anni fa l’inizio del declino: coi propulsori sempre più affidabili, si possono ormai usare i più economici bimotori anche su tratte lunghissime e sugli oceani, mentre molte compagnie hanno cominciato a preferire l’uso di velivoli più piccoli per collegare direttamente città medie (ad esempio Atlanta-Roma o New York-Venezia) anziché concentrare tutto su grandi hub come Londra o Parigi dai quali, poi, smistare il traffico regionale.

 

La Boeing ha, così, cominciato a puntare sui bimotori, dal 777 al recente Dreamliner 787, mentre anche il consorzio europeo Airbus, entrato in ritardo nel mercato dei quadrimotori giganti con l’A 380, ha già deciso di interrompere la produzione del suo jumbo a due piani tornando a puntare sui più piccoli bimotori.

 

il primo boeing 747 4 il primo boeing 747 4

Ma i 747 non spariranno totalmente dai cieli. Tre grandi compagnie aeree, la tedesca Lufthansa, la Korean Air e l’Air China, continuano a usare il jumbo anche per i voli di linea mentre gli operatori cargo che hanno nelle loro flotte questi aerei contano di continuare ad utilizzarli con profitto ancora per decenni. E poi c’è, ovviamente, l’Air Force One, l’aereo della Casa Bianca: i presidenti americani continueranno ancora per molti anni a girare per il mondo a bordo di questo mastodonte […]

il primo boeing 747 3 il primo boeing 747 3 ultimo boeing 747 3 ultimo boeing 747 3 il primo boeing 747 2 il primo boeing 747 2 il primo boeing 747 1 il primo boeing 747 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)