BRUXELLES È MESSA A FERRO E FUOCO DAGLI AGRICOLTORI – UN CENTINAIO DI CONTADINI INCAZZATI HA LANCIATO BOTTIGLIE E UOVA CONTRO LA SEDE DEL PARLAMENTO EUROPEO A PLACE DE LUXEMBOURG - ABBATTUTE ALCUNE STATUE E APPICCATI DEI ROGHI CON LEGNA E PNEUMATICI - GLI AGRICOLTORI HANNO INVASO LA CITTÀ CON I LORO TRATTORI PER PROTESTARE CONTRO LA POLITICA AGRICOLA COMUNE (PAC) E IL "GREEN DEAL" VOLUTO DALLE ISTITUZIONI EUROPEE... - FOTO E VIDEO

-

Condividi questo articolo


PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI A BRUXELLES

 

 

 

protesta degli agricoltori a bruxelles 5 protesta degli agricoltori a bruxelles 5

(ANSA) - Sale la tensione durante l'assedio dei trattori a Bruxelles. Un centinaio di agricoltori ha lanciato bottiglie e uova contro la sede del Parlamento europeo all'ingresso principale situato a Place de Luxembourg. La polizia, schierata in tenuta anti-sommossa dietro alle transenne posizionate lungo tutto il perimetro, ha azionato gli idranti. I manifestanti, presenti nelle vie adiacenti all'Eurocamera con centinaia di trattori, hanno fatto esplodere anche numerosi petardi al grido di 'Senza agricoltori non c'è agricoltura'.

 

Gli agricoltori, arrivati da tutta Europa per protestare contro la Politica agricola comune (Pac) e il Green Deal, hanno bloccato Place de Luxembourg, e hanno appiccato alcuni roghi con legna e pneumatici. Molte le esplosioni di petardi. Gli agricoltori hanno abbattuto una delle sculture storiche presenti a Place du Luxembourg, risalente al 1872, davanti alla sede del Parlamento europeo. La statua fa parte del complesso monumentale John Cockerill, in memoria del pioniere dell'industria siderurgica e della ferrovia in Belgio.

protesta degli agricoltori a bruxelles 3 protesta degli agricoltori a bruxelles 3

 

La statua giace ora a terra sul prato al centro della piazza, circondata da nuovi roghi appiccati in mattinata dagli agricoltori e alimentanti con legna e pneumatici. Su un'altra statua del monumento è stato affisso il cartello: 'People of Europe, say no to despotism' ('Popoli d'Europa, dite no al dispotismo').

 

Oggi al Consiglio europeo "si discuterà anche di bilancio" e "il primo obiettivo è fare in modo che non vengano tolte altre risorse all'agricoltura come è successo nei decenni passati. Questo potrebbe già essere un ulteriore segnale ai nostri imprenditori", ha detto il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, parlando a Place Luxembourg davanti al Parlamento europeo. "Al primo punto c'è togliere tutti quelli che sono i vincoli che da Timmermans in poi hanno cercato di inserire con regole che penalizzano la capacità produttiva Ue", ha sottolineato.

 

 

 

protesta degli agricoltori a bruxelles 1 protesta degli agricoltori a bruxelles 1 protesta degli agricoltori a bruxelles protesta degli agricoltori a bruxelles protesta degli agricoltori a bruxelles 2 protesta degli agricoltori a bruxelles 2 protesta degli agricoltori a bruxelles 4 protesta degli agricoltori a bruxelles 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...