CASTELLO DI VELONA? MINACCE E VELENI! -  GIANLUCA FABIANI, TITOLARE DEL CASTELLO IN PROVINCIA DI SIENA, HA SUBÌTO UN TENTATIVO DI ESTORSIONE DA PARTE DEL SERIAL-KILLER, POI PENTITO, ANTONIO SCHETTINI, CHE È STATO RINVIATO A GIUDIZIO CON ALTRI DUE INDAGATI - I TRE, TRA CUI UN EX POLIZIOTTO, CHIEDEVANO A FABIANI UN MAXI-PIZZO DI 700 MILA EURO. IL TITOLARE DEL RESORT DI LUSSO (DOVE SI SPOSARONO FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI) HA ANCHE SUBÌTO UNA SPEDIZIONE PUNITIVA SOTTO CASA - LE MINACCE DI SCHETTINI A UN SUO "COLLEGA" CRIMINALE: "TI CHIAMO PER SAPERE SE TI HANNO AMMAZZATO..."

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Luigi Ferrarella per il "Corriere della Sera"

 

gianluca fabiani 2 gianluca fabiani 2

Nel suo «Castello di Velona» vicino a Montalcino, fortilizio dell’XI secolo in Val d’Orcia riconosciuto patrimonio dell’Unesco e 25 anni fa trasformato in un resort di lusso con ristoranti, vigneti e piscine termali, hanno ad esempio voluto sposarsi due anni fa anche Francesca Pascale e Paola Turci.

 

Ma a far piombare il titolare Gianluca Fabiani dalla fiabesca gestione del castello alla paura di oscure minacce volte a tentare di spillargli 700 mila euro, per la Squadra mobile e la Procura di Milano sarebbe stato un uomo che un trentennio fa si accollò 59 omicidi: Antonio Schettini, 67 anni.

 

Prima killer nel clan di ‘ndrangheta di Franco Coco Trovato, assassino tra gli altri nel 1990 del figlio del boss camorrista Raffaele Cutolo e dell’educatore del carcere di Bollate, Umberto Mormile; e poi collaboratore di giustizia dalle alterne affidabilità ma dalle complessive fortune giudiziarie, al punto da saldare i suoi conti con la giustizia nel 2018 con un totale di 26 anni di carcere.

 

matrimonio pascale turci 10 matrimonio pascale turci 10

Schettini, su richiesta della pm Francesca Crupi, è infatti stato rinviato a giudizio dalla gip Daniela Cardamone per tentata estorsione nel 2022 insieme con due coindagati: il dirigente in pensione del commissariato «Ticinese» di polizia Antonino D’Ambrosio (che a casa aveva informazioni sull’ entourage di Fabiani oltre a munizioni da guerra non denunciate), e Francesco Ventruti, già compagno di cella a San Vittore di Giordano Fabiani, cioè del fratello arrestato nel 2018 a Milano per la bancarotta Italtrading.

 

Gianluca Fabiani il 13 dicembre 2021 subisce sotto casa una spedizione punitiva (non imputata ai tre indagati) da due uomini mascherati che lo prendono a calci e pugni evocando «Mario»: poi da un’utenza thailandese gli iniziano ad arrivare telefonate anonime (21 febbraio 2022, 20, 25 e 27 marzo) nelle quali una voce maschile («sono l’amico di Mario») lo minaccia affinché prepari i soldi.

 

castello di velona 1 castello di velona 1

Passa un mese e un altro collaboratore di giustizia, stavolta della Sacra Corona Unita, Antonio Maletesta, alla Questura dell’Aquila racconta di volersi tirarsi fuori dalla situazione in cui — a suo dire — era stato Schettini, conosciuto in prigione a Velletri, a coinvolgerlo in un possibile «recupero crediti di 4 milioni», proposto dall’ex poliziotto D’Ambrosio asseritamente per conto del fratello di Fabiani. Costui ribatte invece alla Procura (che poi lo ha archiviato) di aver chiesto all’ex poliziotto notizie sul fratello ma solo questo, e non anche di intimidirlo, come invece Maletesta afferma che Schettini gli riferì.

 

matrimonio pascale turci 9 matrimonio pascale turci 9

Maletesta si sente a sua volta minacciato da una telefonata in cui Schettini gli dice «ti sto chiamando perché in questo periodo si ammazzano i capretti… volevo vedere se ti hanno ammazzato». [...]

gianluca fabiani 1 gianluca fabiani 1 castello di velona castello di velona castello di velona montalcino 3 castello di velona montalcino 3 gianluca fabiani gianluca fabiani gianluca fabiani castello di velona gianluca fabiani castello di velona

MATRIMONIO PASCALE - TURCI - TAGLIO DELLA TORTA MATRIMONIO PASCALE - TURCI - TAGLIO DELLA TORTA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)