CHE SUCCEDE AD HAITI? TORNA A SORPRESA A CASA MARINE MOISE, LA MOGLIE DEL PRESIDENTE UCCISO IN UN ATTACCO IL 7 LUGLIO SCORSO - FORSE "INTENDE SVOLGERE UN RUOLO. LEI PUO' INTERVENIRE", DICONO GLI ESPERTI - E C'E' UN ALTRO MISTERO: PERCHE' UN GRUPPO DI AMBASCIATORI INTERNAZIONALI, TRA CUI QUELLI DI USA E UE, HANNO SCRITTO UNA DICHIARAZIONE UFFICIALE SENZA MAI RIVOLGERSI ALL'ATTUALE PREMIER? EPPURE IL PORTAVOCE DEL DIPARTIMENTO DI STATO USA AVEVA DETTO...

-

Condividi questo articolo


Da Repubblica.it

 

Martine Moise 2 Martine Moise 2

Il futuro politico di Haiti è diventato più incerto dopo il ritorno a sorpresa della first lady Martine Moise, che è stata dimessa dall'ospedale di Miami dove è stata curata per le ferite riportate a seguito dell'attacco in cui è stato assassinato il presidente.

 

Martine Moise non ha rilasciato alcuna dichiarazione pubblica dopo essere scesa da un jet privato indossando un abito nero, un giubbotto antiproiettile nero, una maschera facciale nera e una fascia nera a tenere il braccio destro ingessato mentre piangeva per il marito Jovenel Moise, ucciso il 7 luglio nella loro casa privata.

 

Martine Moise Martine Moise

Molti in questo Paese di oltre 11 milioni di persone sono rimasti sorpresi dalla rapidità con cui Martine Moise è ricomparsa ad Haiti e si sono chiesti se avesse intenzione di essere coinvolta nella politica del Paese.

 

«Il fatto che sia tornata potrebbe suggerire che intende svolgere un ruolo», ha affermato Laurent Dubois, esperto di Haiti e professore della Duke University. «Lei può intervenire in un modo o nell'altro».

 

Martine Moise è arrivata poche ore dopo che un importante gruppo di diplomatici internazionali ha rilasciato una dichiarazione che sembrava ignorare il primo ministro ad interim Claude Joseph, che attualmente gestisce il Paese con il sostegno di polizia ed esercito.

 

Claude_Joseph Claude_Joseph

Il nome di Joseph non è mai stato menzionato nella dichiarazione rilasciata dal Core Group, composto da ambasciatori di Germania, Brasile, Canada, Spagna, Stati Uniti, Francia, Unione Europea e rappresentanti delle Nazioni Unite e dell'Organizzazione degli Stati americani.

 

Il gruppo ha chiesto la creazione di «un governo consensuale e inclusivo», aggiungendo: «A tal fine, incoraggia fortemente il primo ministro designato Ariel Henry a continuare la missione affidatagli per formare un tale governo».

 

Henry era stato designato primo ministro il giorno prima che Jovenel Moise venisse ucciso. Non ha risposto alle richieste di commento. L'Onu, l'Oas e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti non hanno offerto ulteriori spiegazioni quando sono stati contattati.

 

Ariel Henry Ariel Henry

Dato lo stato attuale della politica haitiana, Dubois ha affermato di ritenere che l'arrivo di Martine Moise potrebbe avere un impatto. «Lei è ovviamente in grado di svolgere un ruolo... vista la vastità delle cose», ha detto, aggiungendo che la dichiarazione del Core Group è sorprendente perché non fa alcun riferimento a Joseph.

 

«Ci si deve chiedere se gli sviluppi dell'inchiesta abbiano qualcosa a che fare con questo. Sono tutti questi pezzi di puzzle che cambiano momento per momento. In questo momento sembra molto difficile capire come metterli insieme».

 

Le autorità di Haiti e della Colombia affermano che almeno 18 sospetti direttamente collegati all'omicidio sono stati arrestati, la maggior parte dei quali ex soldati colombiani.

 

jovenel moise 1 jovenel moise 1

Almeno tre sospetti sono stati uccisi e la polizia afferma di essere alla ricerca di numerosi altri. Funzionari colombiani hanno affermato che la maggior parte degli ex soldati sono stati ingannati e non erano a conoscenza del complotto dell'assassinio.

 

Un giorno dopo l'omicidio, il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti Ned Price aveva detto che gli Usa riconoscevano Joseph come primo ministro ad interim prima dell'assassinio: «Continuiamo a lavorare con Claude Joseph in quanto tale», ha detto.

 

jovenel moise jovenel moise

L'11 luglio una delegazione di rappresentanti di varie agenzie statunitensi si è recata ad Haiti per esaminare le infrastrutture critiche, parlare con la polizia nazionale haitiana e incontrare Joseph, Henry e il presidente del Senato haitiano Joseph Lambert in una riunione congiunta.

 

L'intensificarsi dei disordini politici ha spinto dozzine di haitiani a visitare l'ambasciata degli Stati Uniti a Port-au-Prince negli ultimi giorni per chiedere un visto o asilo politico.

JOVENEL MOISE JOVENEL MOISE JOVENEL MOISE JOVENEL MOISE JOVENEL MOISE JOVENEL MOISE arresti per l'omicidio di jovenel moise arresti per l'omicidio di jovenel moise

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI – OGGI 6.619 CASI E 18 DECESSI, CON 247.486 TAMPONI EFFETTUATI. IL TASSO DI POSITIVITÀ RIMANE STABILE AL 2,7% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 67,5 MILIONI, CON PIÙ DI 31,7 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO RICEVUTO IL RICHIAMO (IL 58,82% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – IL PRESIDENTE DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ BRUSAFERRO SUL POSSIBILE CAMBIO COLORE DELLE REGIONI: “OGGI È DIFFICILE FARE PREVISIONI, LA PROSSIMA SETTIMANA AVREMO UN QUADRO PIÙ DEFINITO”