CHE TOCCA FARE PER DORMIRE IN PACE – A PADOVA UN GRUPPO DI CITTADINI SI È COMPRATO UN BAR PER FARLO CHIUDERE. IL CHIASSO CHE IL "BAR ZANELLATO" GENERAVA ERA TALMENTE ESASPERANTE CHE I RESIDENTI HANNO DECISO DI UNIRE LE FORZE E COMPRARSI IL LOCALE PER APRIRCI UN NEGOZIO O FARLO DIVENTARE UN PIÙ SILENZIOSO APPARTAMENTO...

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.leggo.it

 

BAR ZANELLATO A PADOVA BAR ZANELLATO A PADOVA

Dopo 30 anni, il bar Zanellato chiude i battenti. Meta indiscussa dell'aperitivo universitario a Padova, era l'incubo dei residenti, che avrebbero unito le forze per comprare il locale, così da mettere la parola fine alla movida e al frastuono. La proprietaria ha messo in vendita il locale e l'attuale proprietario si è defilato, mettendosi in cerca di una nuova location. Adesso il locale sarà adibito ad appartamento o diventerà un negozio al dettaglio.

 

BAR ZANELLATO A PADOVA BAR ZANELLATO A PADOVA

Tutto finito, dunque? Nemmeno per idea. L'ex proprietario è pronto a ripartire altrove: «Non ho intenzione di demordere. In fondo non è una questione di bollette, crisi o mala gestione. Gli affari andavano bene, devo andare via solo per il mancato rinnovo del contratto di affitto», le parole di Zannoni a Il Gazzettino.  […]

BAR ZANELLATO A PADOVA BAR ZANELLATO A PADOVA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI