CHI L'AMMAZZA L'ASPETTI - UN UOMO DI 60 ANNI E' MORTO D'INFARTO MENTRE SCAVAVA LA BUCA IN CUI SEPPELLIRE LA COMPAGNA CHE AVEVA APPENA STRANGOLATO - A CHIAMARE LA POLIZIA SONO STATI I VICINI, CHE LO HANNO VISTO PRIVO DI SENSI IN GIARDINO - UNA VOLTA ARRIVATI GLI AGENTI HANNO TROVATO LA DONNA INFILATA IN UN SACCO DELLA SPAZZATURA E...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione da Fox5ny

 

Uomo seppellisce la moglie e muore Uomo seppellisce la moglie e muore

Un uomo di 60 anni è morto di infarto mentre seppelliva il corpo della sua ragazza dopo averla strangolata. I vicini di casa, avendo notato l’uomo privo di sensi in giardino, hanno chiamato la polizia e gli agenti hanno trovato Joseph Anthony McKinnon.

 

Indagando sulla sua morte, la polizia ha trovato un corpo avvolto in sacchi della spazzatura adagiato dentro a una buca appena scavata e l’hanno identificata come la compagna di McKinnon, Patricia Ruth Dent, 65 anni.

 

L’autopsia sul corpo della donna ha stabilito che è stata strangolata mentre l’uomo è morto per un attacco di cuore poco dopo aver finito di scavare la buca: ha posato la pala, si è allontanato ed è crollato.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute