CHI HA RUBATO L'URANIO IN LIBIA NEL DESERTO DEL FEZZAN? ANCHE STAVOLTA C’E’ DIETRO LA WAGNER? - SPARITE PIÙ DI DUE TONNELLATE DI MATERIALE DEI TEMPI DI GHEDDAFI. I BIDONI DI URANIO SONO STATI POI RITROVATI DA HAFTAR. LA SUA IPOTESI E’ CHE SIA STATO PRESO DAI RIBELLI DEL CIAD. NEI GIORNI SCORSI SONO CIRCOLATE INFORMAZIONI SU UN’ALLEANZA TRA QUESTI MILIZIANI E LA WAGNER (CHE ORMAI E’ OVUNQUE E VIENE ASSOCIATA A QUALSIASI OPERAZIONE CRIMINALE) - VIDEO

-

Condividi questo articolo


https://video.corriere.it/esteri/libia-un-video-fusti-uranio-trafugati-deserto/74a2ea60-c449-11ed-b729-8010ff33c5a3

 

 

Estratto dell'articolo di Gianluca Di Feo per “la Repubblica”

 

URANIO RITROVATO IN LIBIA URANIO RITROVATO IN LIBIA

Nelle sabbie del Fezzan è impossibile trovare confini e certezze. È sempre stata una regione di predoni, teatro delle incursioni dei meharisti italiani a dorso di dromedari e delle jeep degli “scorpioni del deserto” britannici, poi degli scontri tra l’armata di Gheddafi e le forze del Ciad sostenute dai francesi. Adesso la regione meridionale della Libia resta una terra di nessuno, contesa tra le fazioni in lotta per il potere a Tripoli. Ci sono pochi presidi militari, tra cui spiccano piccole guarnigioni della Wagner, la longa manus di Putin in Africa. Ed in questa landa remota è andato in scena un giallo da brivido: la scomparsa di due tonnellate e mezzo di uranio.

 

HAFTAR HAFTAR

Si tratta di sostanze radioattive accumulate negli anni Ottanta dal rais di Tripoli, che come tutti i dittatori sognava di costruire una bomba atomica. Quando nel 2003 Gheddafi ha cominciato la collaborazione con l’Occidente, gli impianti sono stati smantellati e le sostanze pericolose sottoposte ai controlli dell’Onu. 

 

(...)

 

Nemmeno diciotto ore dopo l’allerta, il generale Khaled Mahjoub, portavoce dell’Esercito nazionale di Haftar, ha dichiarato che i bidoni sono stati recuperati. Sarebbero stati individuati a cinque chilometri dal deposito, allineati in un campo. La sua ipotesi è che un gruppo di guerriglieri venuti dal Ciad – la frontiera è poco distante – abbia scassinato il magazzino e se ne sia impadronita per portarli oltre il confine. I miliziani però cercavano armi o munizioni: quando hanno realizzato che il contenuto era diverso, se ne sono liberati.

 

URANIO RITROVATO IN LIBIA 4 URANIO RITROVATO IN LIBIA 4

Credibile? Gli ispettori dell’Onu non hanno potuto confermare questo resoconto: «Stiamo verificando ». Khaled Mahjoub ha parlato di dieci contenitori, mentre il video diffuso dal suo ufficio ne mostra diciotto. Sono stati lasciati in una radura e i militari non intendono rimuoverli: «È un’operazione pericolosa, spetta alle Nazioni Unite».

 

Nel 2011 la Cnn e Al Jazeera avevano filmato il deposito nucleare: c’erano migliaia di fusti azzurri, simili ma non identici a quelli ritrovati ieri. Fonti non confermate ne avevano indicato la posizione in prossimità della città di Sebha.

 

brigata wagner brigata wagner

Possibile che i ribelli chadiani si siano spinti fino lì? Nei giorni scorsi sono circolate informazioni su un’alleanza tra questi miliziani e la Wagner, la cui presenza a Sebha è stata documentata, che li starebbe aiutando per destabilizzare il governo del Ciad. Ma proprio ieri Evgenij Prigozhin, il capo della compagnia di mercenari, sul suo canale Telegram ha smentito qualsiasi rapporto.

 

Il giallo quindi non è chiuso. E oltre due tonnellate di materiale radioattivo rimangono incustodite nel deserto, in attesa che criminali più organizzati le portino via: un’altra testimonianza di quanto sia drammatica la situazione in Libia.

LIBIA URANIO RITROVATO 2 LIBIA URANIO RITROVATO 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?