CHI È "BARBECUE", EX POLIZIOTTO ED EX BRACCIO ARMATO DEL PRESIDENTE JUVENEL MOISE, CHE STA METTENDO A FERRO E FUOCO HAITI - AL SECOLO JIMMY CHÉRIZIER, HA 46 ANNI. IL SOPRANNOME SE L'È GUADAGNATO BRUCIANDO I CADAVERI DELLE SUE VITTIME - SI PRESENTA ARMATO FINO AI DENTI ALLE CONFERENZE STAMPA ED È ACCUSATO DI UNO DEI PEGGIORI ECCIDI NELLE "BIDONVILLE" DI PORT-AU-PRINCE - OGGI GUIDA LE NOVE BANDE ARMATE IN RIVOLTA. PER LUI: "O HAITI DIVENTA UN PARADISO, OPPURE SARA' UN INFERNO PER TUTTI..."

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Sara Gandolfi per www.corriere.it

 

jimmy cherizier detto barbecue jimmy cherizier detto barbecue

Dicono che il soprannome «Babekyou», barbecue in creolo, se lo sia guadagnato carbonizzando le sue vittime. Lui assicura che viene dall’infanzia, quando accompagnava la mamma a vendere pollo fritto in strada. Sia come sia, Jimmy Chérizier, 46 anni, ex poliziotto ed ex braccio armato del presidente Juvenel Moïse, assassinato tre anni fa, è oggi l’uomo più temuto e forse più potente di Haiti.

 

Il capo di un’inedita alleanza di gang criminali, Viv Ansanm (vivere insieme), che ormai controlla quasi tutto il Paese e che ha respinto il piano messo a punto dagli Stati Uniti e Paesi del Caraibi (Caricom) per porre fine al caos, ovvero dimissioni del premier in esilio Ariel Henri e istituzione di un consiglio presidenziale provvisorio.

 

jimmy cherizier detto barbecue jimmy cherizier detto barbecue

In una conferenza stampa in cui si è presentato in tenuta militare e con un fucile mitragliatore Chérizier ha detto di voler «liberare Haiti dai politici tradizionali e dagli oligarchi corrotti» e che «sono gli abitanti dei quartieri popolari e il popolo haitiano che devono prendere in mano il destino e scegliere i propri leader». [...]

 

Siamo i figli di Jean-Jacques Dessalines», leader dell’indipendenza haitiana del 1804. Quando i nostri antenati combatterono per l’indipendenza ci chiamavano terroristi, come oggi. Non stiamo facendo una rivoluzione pacifica. Stiamo facendo una rivoluzione sanguinosa nel Paese».

jimmy cherizier detto barbecue jimmy cherizier detto barbecue

 

Babekyou è ricercato per un lungo elenco di reati. Non si nasconde, però. Anzi, convoca periodicamente conferenze stampa dove non mancano mai frasi ad effetto e l’ombra della sua milizia, che arruola parecchi bambini-soldato in nome della «rivoluzione proletaria». [...]

 

Una violenza esplosa con una serie di attacchi mirati contro aeroporti, commissariati e carceri, da cui sono evasi 4.000 detenuti, mentre Henri si trovava in Kenya. «O Haiti diventa un paradiso per tutti, oppure un inferno per tutti», minaccia l’autoproclamato «Robin Hood haitiano», che dice di ispirarsi all’ex dittatore François Duvalier ma sui muri delle bidonville che controlla è ritratto come Che Guevara. Contraddizioni caraibiche.

 

haiti - persone in fuga da port-au-prince haiti - persone in fuga da port-au-prince

In realtà, Chérizier assomiglia più ad un sanguinario Signore della guerra che ad un rivoluzionario. Sarebbe stato lui, nel 2018, un anno dopo l’uscita da Haiti dei Caschi blu dell’Onu, a pianificare il massacro nella bidonville di La Saline: vennero assassinate più di 70 persone, tra cui donne e bambini. A quei tempi, era ufficiale in una forza d’élite incaricata di lottare contro le gang.

 

Espulso dalla polizia, in seguito venne però reclutato da Moïse, che gli diede soldi e armi, per controllare i quartieri poveri ed evitare rivolte antigovernative. Dopo l’assassinio di Moïse, avvenuto in circostanze ancora misteriose, la nuova élite al potere ha tolto l’appoggio a Chérizier, che ha reagito mettendosi alla guida delle nove bande più potenti della capitale: l’alleanza «Famiglia G9». Sono perlopiù ex agenti di polizia e bambini di strada; commettono omicidi, furti, estorsioni, stupri, rapimenti e secondo l’Onu controllano le bidonville di Port-au-Prince, ossia l’80% di una città di 10 milioni di abitanti. Distribuiscono anche cibo e beni di prima necessità, però, garantendo alle organizzazioni non governative — che spesso forniscono i servizi di base al posto dello Stato — il permesso di operare all’interno. Altra contraddizione caraibica. [...]

RIVOLTE A HAITI  RIVOLTE A HAITI 

 

RIVOLTE A HAITI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?