CHI L’HA (IL) VISTO? – SE VINCE BORIS JOHNSON POTETE DIRE ADDIO AI WEEKEND A LONDRA LAST MINUTE! IL PIANO È DI INTRODURRE UN VISTO ELETTRONICO SUL MODELLO DELL’ESTA AMERICANO, CHE COMUNQUE SI FA ONLINE IN POCHISSIMO TEMPO – NON SARÀ PIÙ VALIDA LA CARTA DI IDENTITÀ PER L’ESPATRIO, SOPRATTUTTO QUELLA CARTACEA ITALIANA, CHE SECONDO LA MINISTRA PRITI PATEL È FACILE DA FALSIFICARE. GIÀ OGGI ALL’AEROPORTO CHI VIAGGIA CON QUELLA VIENE GUARDATO PEGGIO DI CHI VIENE DALLA SIRIA…

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Luigi Ippolito per www.corriere.it

 

boris johnson boris johnson

Stretta sui turisti europei in arrivo in Gran Bretagna dopo la Brexit. Il piano che sarà annunciato oggi dal premier Boris Johnson prevede l’introduzione di un visto elettronico, sul modello dell’Esta americano: in pratica, occorrerà chiedere una autorizzazione online prima di partire per Londra e occorrerà farlo almeno tre giorni prima del viaggio (quindi addio weekend sul Tamigi decisi all’ultimo minuto, ma problemi grossi anche per i viaggi d’affari).

priti patel priti patel

 

Servirà il passaporto

Non saranno inoltre più valide le carte d’identità e occorrerà munirsi del passaporto: la ministra dell’Interno Priti Patel se l’è presa in particolare con le carte d’identità italiane e greche, che a suo dire sarebbero facili da falsificare.

 

Il limite dei tre mesi

CARTA DI IDENTITA' CARTACEA ITALIANA CARTA DI IDENTITA' CARTACEA ITALIANA

Le autorità britanniche potranno negare l’ingresso a chi ha precedenti penali e tutti gli arrivi e le partenze dei turisti saranno conteggiati: in questo modo si vuole evitare che i visitatori si fermino oltre i tre mesi consentiti (chi vuole restare più a lungo avrà bisogno di un visto di lavoro). Ovviamente, tutte queste misure entreranno in vigore solo in caso di vittoria dei conservatori alle elezioni della prossima settimana: in quel caso la Brexit avverrà il 31 gennaio e il governo metterà in atto il suo piano. In caso di sconfitta di Johnson, tutto tornerebbe in discussione.

residenza nel regno unito dopo la brexit residenza nel regno unito dopo la brexit PASSAPORTO ITALIANO PASSAPORTO ITALIANO entrare nel regno unito entrare nel regno unito BREXIT PASSAPORTO BREXIT PASSAPORTO vivere nel regno unito da cittadini europei vivere nel regno unito da cittadini europei CONTROLLO PASSAPORTO CONTROLLO PASSAPORTO proteste contro boris johnson 8 proteste contro boris johnson 8 proteste contro boris johnson 2 proteste contro boris johnson 2 proteste contro boris johnson 10 proteste contro boris johnson 10 jeremy corbyn in piazza contro boris johnson jeremy corbyn in piazza contro boris johnson CARTA DI IDENTITA CARTA DI IDENTITA marcia anti brexit 16 marcia anti brexit 16

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“MA CONTE COME SI PERMETTE A CONTATTARE I NOSTRI UNO PER UNO?” – BERLUSCONI FURIOSO DOPO IL DISPERATO TENTATIVO DI CONTE DI RUBARE PARLAMENTARI A FORZA ITALIA (LE COSE O SI FANNO BENE COME FECE IL CAV CON RAZZI E SCILIPOTI O E' MEGLIO LASCIAR PERDERE) - CON L'APERTURA DI SILVIO A UN GOVERNO DI UNITA’ NAZIONALE, RITORNA IN SCENA LA ‘’MAGGIORANZA URSULA” CON FORZA ITALIA NELL’ESECUTIVO. COME DAGO-RIVELATO, BERLUSCONI, IN BARBA AI PIAGNISTEI DI GIANNI LETTA, NON VUOLE PIU’ VEDERE CONTE A PALAZZO CHIGI…

business

TUTTE LE VIE DELLA SETA PORTANO A BUDAPEST - UN PROGETTO PRIVATO UNGHERESE MIRA A COSTRUIRE QUEST'ANNO, AL CONFINE UCRAINO, UN NUOVO TERMINAL FERROVIARIO PER I TRENI PROVENIENTI DALLA CINA - ENTRO IL 2024 IL PRIMO CAMPUS DI UNA GRANDE UNIVERSITÀ CINESE IN EUROPA POTREBBE NASCERE PROPRIO NEL PAESE DI VIKTOR ORBAN - MA PER GLI ANALISTI NON SONO PROGETTI CHE PORTEREBBERO GRANDI VANTAGGI ECONOMICI: "SEMBRA UN MODO CON CUI L'UNGHERIA VUOLE MOSTRARE A BRUXELLES CHE HA AMICI POTENTI..."

cronache

sport

“MIO PADRE, WALTER ZENGA, MI CHIESE DI CAMBIARE COGNOME” - A "LIVE-NON È LA D’URSO" IL FIGLIO NICOLÒ MENA DURO: "FIN DA PICCOLO MIO PADRE MI HA SEMPRE TRATTATO COME SE FOSSI UN PESO. CON MIA MADRE E MIO FRATELLO VIVEVAMO A COMO. ALL’EPOCA LUI GIOCAVA A PADOVA E DICEVA CHE LA VITA DI CITTÀ ERA STRESSANTE. IN REALTÀ A PADOVA AVEVA UN’AMANTE... QUANDO TORNAVA DOPO LA PARTITA NON VEDEVO L’ORA DI ABBRACCIARLO MA LUI VOLEVA SOLO LEGGERE LA 'GAZZETTA' IN PACE - UN POMERIGGIO GLI HO DETTO QUANTO HO SOFFERTO LA SUA ASSENZA E MI HA RISPOSTO CHE …" - IL LIBRO AUTOBIOGRAFICO DI NICOLO' - VIDEO

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute