CHIAMATE UNO BRAVO! - DEE WHITNELL, CHE SI IDENTIFICA COME NON BINARIA, SOSTIENE DI SENTIRSI UOMO O DONNA IN BASE AI PERIODI DELL’ANNO, ARRIVANDO A RIFILARCI LA SVALVOLATA TEORIA DELLA “STAGIONE DI GENERE” – SU TIKTOK LA RAGAZZINA HA RACCONTATO DI SENTIRSI PIÙ MASCOLINA D’ESTATE, MENTRE D’INVERNO PREFERISCE INDOSSARE ABITI FEMMINILI: “QUESTO NON VUOL DIRE CHE LE STAGIONI DETERMINANO LA TUA IDENTITÀ MA…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di www.leggo.it

 

dee whitnell 6 dee whitnell 6

La sessualità è mutevole e cambia col tempo [...] Sui social Dee Whitnell, che identifica la sua identità come non binaria, ha detto la sua su questa tematica parlando della "stagione del genere". Il genere, secondo questa teoria, cambia a seconda del periodo dell’anno. [...]

 

Dee Whitnell ha spiegato su TikTok cosa significa "Gender season": «Un individuo che esplora la propria identità di genere in relazione a una stagione, o a tutte le stagioni». Può capitare di sentirsi più mascolino durante l'inverno o l'estate. Oppure sentirsi più femminile in primavera. Insomma un genere diverso a seconda delle stagioni. La giovane ha proposto allora di utilizzare termini che identificano il sesso proprio con le stagioni. «Questo non vuol dire – spiega Whitnell – che le stagioni determinano la tua identità o espressione di genere, tuttavia possono influenzarla».

dee whitnell 5 dee whitnell 5

 

«Io, ad esempio, mi sento più mascolino d'estate. In quel periodo indosso abiti più maschili, i capelli più raccolti. Di inverno, invece, adoro le gonne e i vestiti. E porto i capelli sciolti».

 

Pioggia di critiche nei commenti. Per alcuni si tratta di una narrazione "ridicola" e c'è chi sostiene che si chiami «indossare abiti estivi o invernali a seconda delle stagioni». Ma non manca chi la pensa come Whitnell: «In estate e in primavera sono più femminile, poi in autunno sono più maschile», spiega un utente.

dee whitnell 4 dee whitnell 4 dee whitnell 1 dee whitnell 1 dee whitnell 2 dee whitnell 2

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE

FLASH! - COSA PUOI FARE PER DENUNCIARE LE GUERRE NEL MONDO? PER NON SBAGLIARE, VAI A CASA E ARRUOLA TUA MOGLIE! - È QUELLO CHE DEVE AVER PENSATO IL PRESIDENTE DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA SERGIO CASTELLITTO QUANDO SI È INVENTATO “DIASPORA DEGLI ARTISTI IN GUERRA”. AL CENTRO DELL’EVENTO, FINANZIATO DAL PNRR, BRILLA IL LONGANESIANO “TENGO FAMIGLIA”: LA SCRITTRICE MARGARET MAZZANTINI, MOGLIE DI CASTELLITTO, CONVERSERÀ CON DAVID GROSSMAN – A SANGIULIANO, CUI DIPENDE IL CSC, PARE OPPORTUNO CHE TRA TANTI LETTERATI IN CIRCOLAZIONE, SI VA A SCEGLIERE LA PROPRIA CONIUGE? 

STREGA CONTRO STREGA – SOSPINTA DAI QUEI SALOTTI ROMANI ALL’INSEGNA DELLA ‘’FROCIAGGINE’’, COME DIREBBE IL PAPA, CHIARA VALERIO STA INSEGUENDO LA FAVORITISSIMA DONATELLA DI PIETRANTONIO - ALL’INIZIO LA VALERIO SOSTENEVA CHE LEI MAI E POI MAI AVREBBE PARTECIPATO ALLO STREGA E CHE CON IL SUO ROMANZO AMBIVA AL PREMIO CAMPIELLO. INVECE, MISTERO DEI MISTERI, AL CAMPIELLO PRESIEDUTO DA VELTRONI IL NOME VALERIO NON È MAI APPARSO TRA I CANDIDATI. COME MAI? UN DISSAPORE CON VELTRONI DA PARTE DI CHIARA MOLTO LEGATA A ELLY SCHLEIN CHE NON AMA WALTER-EGO? AH, SAPERLO…