CHIUDETE LA "PORTA DELL'INFERNO" – IL TURKMENISTAN PRONTO A SPEGNERE IL CRATERE INFUOCATO NEL DESERTO DEL KARAKUM. LE FIAMME, ALIMENTATE DA GAS NATURALE, BRUCIANO DA OLTRE 50 ANNI. L’INCENDIO PERPETUO E’ DIVENTATO L'ATTRAZIONE TURISTICA PIÙ VISITATA DELLA NAZIONE DELL'ASIA CENTRALE. MA ORA IL PRESIDENTE HA ORDINATO AL SUO GABINETTO DI…

-

Condividi questo articolo


 

Noemi Penna per lastampa.it

 

porta inferno turkmenistan porta inferno turkmenistan

Un cratere infuocato che arde nel deserto del Karakum, in Turkmenistan. La Porta dell’Inferno esiste da quasi mezzo secolo ma è negli ultimi dieci anni che ha ottenuto la sua massima popolarità, diventando l'attrazione turistica più visitata della nazione dell'Asia centrale. Ma non sarà così ancora per molto, e il Covid questa volta non c'entra.

 

Secondo quanto riferito dal quotidiano statale Neytralny Turkmenistan, il presidente Gurbanguly Berdymukhamedov ha infatti ordinato la chiusura al pubblico del cratere di Darvaza e chiesto al suo gabinetto di trovare una soluzione per spegnere definitivamente l'incendio perpetuo che alimenta la suggestiva Porta dell'Inferno.

porta inferno turkmenistan porta inferno turkmenistan La Porta dell'Inferno in Turkmenistan 2 La Porta dell'Inferno in Turkmenistan 2 La Porta dell'Inferno in Turkmenistan La Porta dell'Inferno in Turkmenistan la porta dell inferno 5 la porta dell inferno 5 La Porta dell'Inferno in Turkmenistan 4 La Porta dell'Inferno in Turkmenistan 4 la porta dell inferno 3 la porta dell inferno 3 la porta dell inferno 2 la porta dell inferno 2 la porta dell inferno 1 la porta dell inferno 1 La Porta dell'Inferno in Turkmenistan 3 La Porta dell'Inferno in Turkmenistan 3 la porta dell inferno 4 la porta dell inferno 4

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

LA CANNES DEI GIUSTI – VINCE CANNES CONTRO OGNI PREVISIONE "TRIANGLE OF SADNESS" DELLO SVEDESE RUBEN OSTLUND, ALLA SUA SECONDA PALME D'OR DOPO "THE SQUARE", SORTA DI COMMEDIA SULLA LOTTA DI CLASSE NELL'EUROPA MALATA DI OGGI DOVE IL MONDO È DIVISO TRA RICCHISSIMI E POVERI, BELLE INFLUENCER E ADDETTE ALLE TOILETTE. DIVERTENTE, GROTTESCO, TRA FIUMI DI VOMITO E RIGURGITI DI MERDA, E' ANCHE UN BUON RIPASSO DEI TESTI DI MARX E DI LENIN MESSI IN BOCCA A UN OLIGARCA RUSSO E A UN CAPITANO DI NAVE AMERICANO ALCOLIZZATO INTERPRETATO DA WOODY HARRELSON...

politica

SILVIO BERLUSCONI, PERCHÉ CHIAMARLO ANCORA CAVALIERE? – FRANCESCO MERLO PROPONE L’ANTOLOGIA DI NOMIGNOLI CON CUI APPELLARE IL BANANA: “NANEFROTTOLO, PSICONANO, CAIMANO, CAINANO, SILVIOLO, AL TAPPONE, BELLICAPELLI, BERLOSCO, BERLUSCA, BERLUSCAZ, BURLESQUONI, BUNGAMAN, CAVALIER BANANA, CAVALIERE DEL CIALIS, CAVOLIERE, PAPINO, IL RIFATTO DI DORIAN GRAY, PAPINO IL BREVE, PIRLUSCONI, PSICOPAPI, REO SILVIO, SUA BREVITÀ, SUA EMITTENZA, SUA IMPUNITÀ, TESTA D'ASFALTO, VIAGRASCONI, BERLUSCKAISER, L'UNTO DEL SIGNORE, ER CATRAME, FROTTOLINO AMOROSO…”

business

IL SECONDO ADDIO IN QUATTRO MESI DI FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE DAL CDA GENERALI NON È NÉ ESTEMPORANEA NÉ IMPROVVISATA. ARRIVA DOPO UNA LUNGA SERIE DI SCAZZOTTATE, ESPLOSE NELLA PARTITA CHE HA PORTATO ALLA CONFERMA DELL'AD PHILIPPE DONNET - ENTRO UN MESE UN PAIO DI SCADENZE DIRANNO SE “CALTARICCONE” POTRÀ TORNARE A COLLABORARE CON IL SOCIO MEDIOBANCA, IL CDA E IL MANAGEMENT OPPURE RESTERÀ MINORANZA IN COMPAGNIA DI LEONARDO DEL VECCHIO (CHE HA COME LUI QUASI IL 10% DELLE QUOTE)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute