COLPO D'IRENE – LA CORTE DI CASSAZIONE HA CONFERMATO IL SEQUESTRO DI QUASI 3,5 MILIONI DI EURO A IRENE PIVETTI NELL’INCHIESTA IN CUI L'EX PRESIDENTE DELLA CAMERA È ACCUSATA DI EVASIONE FISCALE E AUTORICICLAGGIO NELLA COMPRAVENDITA DI TRE FERRARI – INTANTO IL PM TARZIA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO DELLA PIVETTI E DI ALTRE 5 PERSONE AL GUP FABRIZIO FILICE CHE ESAMINERÀ IL CASO IL 6 OTTOBRE

-

Condividi questo articolo


irene pivetti irene pivetti

Giuseppe Guastella per www.corriere.it

 

L’ex presidente della Camera dei deputati Irene Pivetti vede confermare dalla Corte di Cassazione il sequestro di quasi 3,5 milioni di euro nell’inchiesta della procura della Repubblica di Milano in cui è accusata di evasione fiscale e autoriciclaggio nella compravendita di tre autovetture da corsa Ferrari Gran Turismo che avrebbe avuto lo scopo di riciclare il denaro frutto di una evasione fiscale.

 

una delle ferrari sequestrate a irene pivetti una delle ferrari sequestrate a irene pivetti

La Cassazione ha rigettato l’istanza con la quale i difensori della Pivetti avevano chiesto di annullare il sequestro ottenuto dal sostituto procuratore Giovanni Tarzia a seguito delle lunghe e complesse indagini fatte dalla Guardia di Finanza di Milano. A febbraio dal Tribunale del riesame di Milano aveva accolto il ricorso del pm che si era visto bocciare dal gip il sequestro parte di circa 3,5 milioni ai carico dell’ex deputata e di quasi mezzo milione ad un suo consulente, Pier Domenico Peirone, il quale ha già patteggiato 1 anno e 10 mesi.

 

 Intanto sempre il pm Tarzia ha chiesto il rinvio a giudizio dell’ex più giovane presidente di Montecitorio e di altre 5 persone al gup Fabrizio Filice che la esaminerà il caso il 6 ottobre.

 

una delle ferrari sequestrate a irene pivetti una delle ferrari sequestrate a irene pivetti

La vicenda è legata alla mediazione nella vendita per 10 milioni di euro al magnate cinese Zhou Xijiandi del marchio della scuderia di auto da corsa Gt Leo e di tre Ferrari da competizione, che però, secondo l’accusa, sarebbero andate in Cina solo sulla carta perché sono state vendute in Europa. Nell’affare il gruppo Only Italia che fa capo alla Pivetti avrebbe realizzato una plusvalenza di 8,8 milioni che non sarebbero stati dichiarati e di cui 7,9 sarebbero arrivati alla stessa Pivetti alla quale è stato recapitato anche un avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate per quasi 3,5 milioni di evasione.

 

una delle ferrari sequestrate a irene pivetti 2 una delle ferrari sequestrate a irene pivetti 2

Secondo l’accusa, i 10 milioni sarebbero partiti dal gruppo acquirente di Honk Kong «More & more investment» di Zhou Xijian per giungere in Italia attraverso una società della galassia Only Italia, passando da Cina e Polonia. Una «esterovestizione» di società italiane che sarebbe, cioè, state fatte apparire come se operassero all’estero ma in realtà lavorano in Italia dove non avrebbero pagato le tasse.

irene pivetti irene pivetti irene pivetti irene pivetti irene pivetti irene pivetti irene pivetti 1 irene pivetti 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

NON C'E “DOMANI” PER LA MELONI - NON C'E' SOLO IL BUBBONE SU COME DISINNESCARE SALVINI: SA CHE GLI ALLEATI AMERICANI NON VOGLIONO FILORUSSI NEL GOVERNO. FITTIPALDI SVELA IL CASO CROSETTO: L'IRA DELLA DUCETTA PER LA SUA INTERVISTA A "AVVENIRE", E PURE IL FATTO CHE, COME PRESIDENTE DEGLI ARMIERI DELL’AIAD, POSSA PASSARE PER UNA SORTA DI “MARCO CARRAI DELLA MELONI”. CREANDOLE PROBLEMI DI POSSIBILI CONFLITTI D’INTERESSI - ANCORA: IN SENATO LA MAGGIORANZA DEL CENTRODESTRA È DI SOLI 11 SENATORI, E DUNQUE POCHISSIMI DI LORO POTRANNO FARE I MINISTRI O I SOTTOSEGRETARI, PERCHÉ POI IN AULA O NELLE COMMISSIONI IL RISCHIO DI ANDARE SOTTO NELLE VOTAZIONI SAREBBE ALL’ORDINE DEL GIORNO - RISIKO NOMINE: BELLONI, RONZULLI, LA RUSSA, URSO, SINISCALCO, PANETTA....

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“ORA IL COVID È PARAGONABILE ALL'INFLUENZA" - MATTEO BASSETTI: “DUE ANNI FA NON AVEVAMO IN CIRCOLAZIONE UN ANTICORPO. OGGI È CAMBIATO IL GRADO DI PROTEZIONE DELLA COLLETTIVITÀ: IL 100% DELLA POPOLAZIONE È ORMAI PROTETTO, O DALLA VACCINAZIONE, O DALLA MALATTIA OPPURE DA ENTRAMBE LE COSE. DOBBIAMO PROTEGGERE SOLO LE CATEGORIE PIÙ A RISCHIO. SOLO AI FRAGILI E AGLI ANZIANI RACCOMANDATO L'USO DELLA MASCHERINA, SUI TRASPORTI E ANCHE AL SUPERMERCATO” - IO MINISTRO? NON MI HA CHIAMATO. SE LO FARÀ, VEDREMO…”