COM’È MORTO EMILE, IL BIMBO SCOMPARSO NOVE MESI FA IN FRANCIA LE CUI OSSA SONO STATE RITROVATE DA UN’ESCURSIONISTA? - IL PICCOLO, DI DUE ANNI E MEZZO, ERA SPARITO DALLA CASA DEI NONNI, IN UN PICCOLO PAESINO DELL’ALTA-PROVENZA - UNA DONNA SI È PRESENTATA IN COMMISSARIATO CON IL CRANIO DEL PICCOLO, RITROVATO DURANTE UNA ESCURSIONE - TRA LE VARIE IPOTESI IN MERITO ALLA SUA MORTE C'È QUELLA SECONDO CUI SIA STATO TRAVOLTO DA UNA MIETITREBBIA O DA UN ALTRO MEZZO AGRICOLO...

-

Condividi questo articolo


RICERCHE DI EMILE RICERCHE DI EMILE

(ANSA) - Shock in Francia per la scoperta di ossa appartenenti al piccolo Emile, il bimbo di due anni e mezzo scomparso 9 mesi fa nelle Alpi dell'Alta-Provenza, nel sud-est del Paese. A due giorni dai primi ritrovamenti da parte di un'escursionista, decine di inquirenti hanno setacciato la zona presidiata dalle forze dell'ordine nei pressi di Haut-Vernet, nella speranza di scoprire altre tracce che consentano di determinare le circostanze della morte del piccolo.

 

"Le ricerche dureranno per tutto il tempo necessario", ha assicurato in conferenza stampa il colonnello Pierre-Yves Bardy, comandante della gendarmeria delle Alpes de Haute-Provence, incaricato del caso. Sabato, la gendarmeria nazionale è stata informata della ''scoperta di ossa'' risultate essere quelle del ''bambino Emile Soleil'', in ''prossimità della frazione di Vernet'', secondo quanto annunciato ieri dal procuratore di Aix-en-Provence, Jean-Luc Blachon. Le ossa sarebbero state rinvenute a circa 1 km dal centro del villaggio.

 

EMILE - IL BAMBINO SCOMPARSO IN FRANCIA E RITROVATO SENZA VITA EMILE - IL BAMBINO SCOMPARSO IN FRANCIA E RITROVATO SENZA VITA

Il bambino era scomparso dalla casa dei nonni, nel piccolo borgo montano, sabato 8 luglio. Secondo fonti citate da Le Figaro, un'escursionista si sarebbe presentata in commissariato due giorni fa con il cranio del piccolo. "Fatto che ci ha molto contrariati", puntualizza la fonte, sottolineando che sarebbe stato meglio non toccare nulla per facilitare le indagini.

 

La fonte ha aggiunto che questa persona ''è un'abitante locale e ignoriamo se era davvero andata a fare una gita''. I 25 abitanti della frazione e alcuni dei dintorni sono stati tutti interrogati a più riprese dagli inquirenti in questi nove mesi di inchiesta. Se le ossa sono state identificate, le cause della morte di Emile restano ancora ignote. Tra le varie ipotesi, quella che si sia ritrovato nell'erba alta mentre stava passando una mietitrebbia, che la taglia e la raccoglie in grossi covoni.

 

Il piccolo potrebbe essere stato travolto da uno di questi grossi mezzi agricoli, che erano in piena attività proprio nei giorni della sua scomparsa. Ipotesi ancora tutta da confermare. Intanto, il sindaco di zona, François Balique, ha vietato l'accesso alla parte superiore del villaggio per tutelare la popolazione locale e facilitare il lavoro degli inquirenti. Sul web, l'amministratore del gruppo 'Prions pour Emile' (Preghiamo per Emile) ha lanciato una colletta per aiutare i genitori "a pagare i funerali e a far dire delle messe''.

RICERCHE DI EMILE RICERCHE DI EMILE

 

La famiglia di Emile è originaria di La Bouilladisse, piccolo comune nel dipartimento di Bouches-du-Rhône. In una nota diffusa oggi, il sindaco esprime di La Bouilladisse esprime ''profonda tristezza'' per la macabra scoperta. "Il nostro villaggio - scrive José Morales - piange la perdita di uno dei propri figli, Emile, che resterà nei nostri cuori". Il sindaco invita quindi i cittadini a mostrarsi ''solidali e uniti intorno alla famiglia'' e assicura che ''il comune fornirà tutto il sostegno e l'aiuto necessario'' ai genitori in lutto.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)