COME MAI IL CORONAVIRUS NON STA COLPENDO L’AFRICA? – IL CONTINENTE NERO HA UN NUMERO RELATIVAMENTE BASSO DI CONTAGI (32 MILA CASI) E DI MORTI (1400): SOTTOSTIMANO I CASI? SONO DIETRO LA CURVA? – IN REALTÀ CI SONO RAGIONI DI PENSARE CHE IL VIRUS SIA MENO LETALE IN AFRICA, VISTO IL CALDO E L’ETÀ MEDIA DELLA POPOLAZIONE, MOLTO BASSA, CHE RIDUCE LA MORTALITÀ…

-

Condividi questo articolo


 

 

Articolo del “Financial Times” dalla rassegna stampa di “Epr comunicazione”

 

coronavirus controlli in africa coronavirus controlli in africa

Il Financial Times approfondisce la questione del Covid 19 in Africa. Da quando il primo caso di coronavirus africano è stato confermato il 14 febbraio, quando è stato diagnosticato ad un cittadino cinese in Egitto, il virus si è diffuso in quasi tutti gli angoli del continente. Bill Gates, il fondatore di Microsoft, la cui fondazione di beneficenza è focalizzata sulla pandemia, ha avvertito che la malattia potrebbe impattare sulla vita di 10 milioni di persone. Eppure, a più di due mesi di distanza, alcuni hanno il coraggio di sussurrare un messaggio di speranza.

 

controlli sul coronavirus in africa controlli sul coronavirus in africa

L'Africa ha più di 32.000 casi ufficiali del virus che ha infettato più di 3 milioni di persone in tutto il mondo, e ha subito meno di 1.400 morti. Data la limitata capacità di analisi, i numeri possono sottovalutare notevolmente il vero peso, anche se a prima vista, le cifre suggeriscono che un continente di 1,2 miliardi di persone ha sofferto meno morti di Covid-19 rispetto a quanto gli Stati Uniti stanno registrando ogni giorno.

 

John Nkengasong John Nkengasong

John Nkengasong, direttore dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha avvertito che sarebbe sbagliato trarre conclusioni definitive. Non ci sono, ha detto, prove concrete che qualsiasi fattore specifico dell'Africa - che si tratti di una popolazione più giovane, del clima caldo o anche della prevalenza di vaccinazioni contro la tubercolosi - abbia un qualche impatto sulla diffusione della malattia. "A questo punto sarei estremamente cauto nel dire che ci stiamo muovendo lentamente e che ci sono fattori speciali", ha detto, aggiungendo che i casi confermati sono aumentati di oltre il 40% in una settimana.

 

paul hunter - university of east anglia paul hunter - university of east anglia

Questo suggerisce che l'Africa potrebbe essere semplicemente dietro la curva, con la pandemia che sta prendendo velocità ora. "Il nostro livello di test è estremamente basso", ha detto, il che implica che molti casi potrebbero essere passati inosservati. Circa 415.000 test significa che ne sono stati effettuati solo 400 per milione, molto più bassi che in Europa. "I Paesi africani hanno fatto passi molto radicali molto presto, chiudendo le frontiere e facendo blocchi", ha detto. Paul Hunter, professore di medicina all'Università dell'East Anglia, ha detto che le autorità hanno ragione ad essere prudenti.

africani a wuhan africani a wuhan

 

Tuttavia, ha detto, ci sono ragioni per sospettare che il virus possa essere meno letale in Africa, dove le malattie diffuse dalle goccioline, come l'influenza, tendono a diffondersi più lentamente. Il continente ha avuto un solo caso di sindrome respiratoria acuta grave (Sars) durante l'epidemia del 2002-03, con una sola infezione a Città del Capo. La diffusione più lenta delle infezioni trasmesse per via aerea, ha detto il Prof. Hunter, potrebbe essere attribuibile a popolazioni meno dense, all'effetto della luce ultravioletta o a un clima che fa sì che le persone passino più tempo all'esterno.

 

xi jinping e la colonizzazione della cina xi jinping e la colonizzazione della cina

Nel caso del coronavirus, ha detto, la popolazione giovane dell'Africa potrebbe anche aiutare a spiegare il basso tasso di mortalità finora. L'età media in Africa è di 19,4 anni, contro i 40 dell'Europa e i 38 degli Stati Uniti. Il professor Hunter ha detto: "Ci sono stati così pochi casi di malattie gravi nelle persone sotto i 20 anni in occidente che, quando si ha una popolazione che ha un'età mediana di 19 anni, il rischio di un alto numero di decessi è sostanzialmente ridotto".

 

controlli sul coronavirus in africa controlli sul coronavirus in africa

Un modo per giudicare se i decessi da coronavirus potrebbero essere sotto dimensionati è quello di comparare le statistiche di mortalità complessiva per le morti in eccesso rispetto ai livelli normali. In Sudafrica, i decessi nell'anno fino al 14 aprile sono stati " entro i limiti dell'aspettativa", secondo il Medical Research Council del Paese, suggerendo pochi decessi nascosti di coronavirus.

 

 In Egitto, un paese di 100 milioni di persone che ha registrato 4.782 infezioni e 337 morti, un epidemiologo ha detto che i dati rilasciati dal ministero della salute non sono sufficienti per prevedere il decorso della malattia. Ma dubita che le statistiche ufficiali fossero del tutto imprecise: "Se le infezioni fossero drasticamente più alte, vedremmo gli ospedali sopraffatti, cosa che non sta accadendo. Ma potrebbe comunque accadere".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?

DAGOREPORT - COSÌ COME IL SESSO È LA PARODIA DEL DELITTO, LA “MILANESIANA”, RASSEGNA “IDEATA E DIRETTA DA ELISABETTA SGARBI” (SORELLA DI), È LA PARODIA DELLA CULTURA GLAMOUR, CHIC, RADICAL-COLTA, AMICHETTISTICA DEL NOSTRO PAESE - OGNI ANNO UN TEMA (QUEST’ANNO “TIMIDEZZA”), UNA PAROLA COSÌ OMNICOMPRENSIVA CHE CI CACCI DENTRO QUEL CHE TI PARE, DAL NOBEL ALL’AMICO, DAL GIORNALISTA UTILE PER LA RECENSIONE ALLO SCRITTORE INUTILE: OVVIAMENTE, PRIMUS NON INTER PARES SUO FRATELLO VITTORIONE - LEI SCEGLIE, LEI FA, PRESENTA, OBBLIGA GLI SPETTATORI, ANCHE SE HANNO PAGATO IL BIGLIETTO, AD ASCOLTARE LA SUA BAND EXTRALISCIO: “È INUTILE CHE FISCHIATE…” – L'EVENTO NON BASTA: CI AGGIUNGE I SUOI FILM. E SU TUTTE LE LOCANDINE DELLE SERATE (TUTTE), LA METÀ SINISTRA È OCCUPATA DALLA FOTO (SEMPRE LA STESSA) DELLA SGARBI; POI, IN PICCOLO, I NOMI DEGLI OSPITI...