CONCORSO DI COLPA – LA PROCURA DI ROMA HA INDAGATO 13 FUNZIONARI DEL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE PER AVER PILOTATO UN CONCORSO, INDETTO NEL 2017 PER RECLUTARE PIÙ DI 2000 PRESIDI – TRA I PRESIDENTI E I SEGRETARI DELLE 6 COMMISSIONI C'È CHI HA FIRMATO I VERBALI PUR NON ESSENDO PRESENTE E CHI INVECE NON HA MAI FATTO L’ACCESSO ALLA PIATTAFORMA DI CORREZIONE (PUR AVENDO DETTO DI SÌ)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Andrea Ossino per www.repubblica.it

 

concorso concorso

Il “concorso nazionale, per titoli ed esami, finalizzato al reclutamento di dirigenti scolastici presso le istituzioni scolastiche statali” sarebbe dovuto servire a rimediare 2.416 presidi in un momento dove gli organici erano carenti. Ma la selezione del 2017 ha prodotto anche una serie di cause civili e penali che hanno riscosso parecchio clamore. L’ultima, in ordine di tempo, è anche la più importante.

 

La procura di Roma ha infatti terminato le indagini e accusa 13 persone di falso. Al centro dell'inchiesta ci sono i segretari e i presidenti di una serie di commissioni nominate dal Miur. Le commissioni 13,14,15,18, 19 e 20 presentano infatti diverse anomalie. 

concorso pubblico concorso pubblico

 

C’è chi ha firmato verbali senza neanche essere presente, chi avrebbe dato “atto di aver proceduto all’accesso collegiale sulla piattaforma Cineca mentre non risulta effettuato alcun accesso” e chi diceva di esse impegnata nelle operazioni di correzione e invece era ancora negli uffici della Corte dei conti, come dimostra l’orario narrato dal badge dell’indagata. [...]

 

Dopo una prima selezione “per titoli”, il 18 ottobre si era tenuta la prima delle due prove di esame, quella scritta: “avrebbe dovuto essere unica su tutto il territorio nazionale e si sarebbe dovuta svolgere in un'unica data in una o più regioni”, si legge nell’esposto presentato da 271 aspiranti presidi. L’indagine della procura di Roma ha poi fatto il resto, dimostrando che 13 persone avrebbero mentito. E adesso rischiano il processo. [...]

concorso pubblico 1 concorso pubblico 1 concorso pubblico 2 concorso pubblico 2

 

ministero istruzione ministero istruzione

 

ministero istruzione 4 ministero istruzione 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP