IL CONFINE GIUSTIFICA I MEZZI – LA NORVEGIA HA DECISO DI CHIUDERE LA SUA FRONTIERA AI CITTADINI RUSSI: ERA L’ULTIMO PASSAGGIO VIA TERRA DALLA RUSSIA ALL’AREA SCHENGEN – OSLO SEGUE L’ESEMPIO DEI VICINI DELL’AREA BALTICA, CHE HANNO SERRATO I CONFINI DA TEMPO, E GIUSTIFICA LA SCELTA CON “IL SOSTEGNO AGLI ALLEATI NELLE REAZIONI CONTRO LA GUERRA IN UCRAINA”... 

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di www.repubblica.it

 

confine tra norvegia e russia confine tra norvegia e russia

La Norvegia ha deciso di chiudere ai russi l'ultimo accesso diretto allo spazio Schengen. A partire dal 29 maggio, la maggior parte dei turisti russi non potrà entrare in Norvegia, che condivide un confine di 198 chilometri con la Russia, "in linea con l'approccio norvegese di sostenere alleati e partner nelle reazioni contro la guerra in Ucraina", ha detto la ministra della Giustizia, Emilie Enger Mehl.

 

Oslo segue con grande distacco le altre nazioni che, a cominciare da quelle baltiche, avevano chiuso le frontiere sin dalla prima estate successiva all’inizio della guerra. Va però sottolineato che il confine tra Norvegia e Russia, al di là dell’estensione in chilometri e area, si trova all’estremo settentrione, di fronte all’Artico, e in una zona a bassissima densità di popolazioni […]

 

VLADIMIR PUTIN CON I SOLDATI RUSSI VLADIMIR PUTIN CON I SOLDATI RUSSI

La Norvegia, membro della Nato ma non dell'Ue, ha smesso di rilasciare la maggior parte dei visti turistici ai russi nella primavera del 2022, dopo che Mosca ha invaso l'Ucraina. Ma i titolari di visti a lungo termine rilasciati in precedenza o coloro che avevano visti da altri Paesi membri di Schengen potevano ancora entrare attraverso l’unico valico di frontiera, lo Storskog-Boris Gleb.

 

confine tra norvegia e russia confine tra norvegia e russia

 Dal 29 maggio non potranno più farlo, ma verranno fatte eccezioni per lavoro e studio e per coloro che visitano parenti stretti residenti in Norvegia, e anche per gli eventuali russi diretti in altri Paesi dell’area comune. […]

 

Cartello al confine tra Norvegia e Russia Cartello al confine tra Norvegia e Russia norvegia svezia finlandia russia bielorussia ucraina norvegia svezia finlandia russia bielorussia ucraina confine tra norvegia e russia confine tra norvegia e russia

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ