AL CUORE DEL VACCINO - GLI USA METTONO SOTTO OSSERVAZIONE I VACCINI PFIZER E MODERNA PER LE SOMMINISTRAZIONI AI PIU' GIOVANI - CONVOCATA PER IL 18 GIUGNO UNA RIUNIONE URGENTE DOPO LE SEGNALAZIONI DI 226 CASI DI MIOCARDITE COLLEGATI ALLA SECONDA DOSE DEL VACCINO - L'INFIAMMAZIONE AL CUORE COLPISCE SOPRATTUTTO GIOVANI MASCHI - NEL REGNO UNITO INVECE NESSUN ALLARMISMO PERCHE' I "NUMERI SONO SIMILI O INFERIORI" A QUELLI DI ASTRA ZENECA

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal DailyMail

 

vaccino ragazzi 2 vaccino ragazzi 2

I dirigenti sanitari dei Centri per il controllo delle malattie statunitensi (CDC) hanno convocato una riunione urgente per il 18 giugno sugli effetti dei vaccini Pfizer e Moderna sugli adolescenti: 226 ragazzi o giovani uomini si sono infatti ammalati di miocardite o pericardite, un numero troppo alto secondo gli scienziati americani, mentre nel Regno Unito non ritengono ci siano numeri preoccupanti.

 

La miocardite è un’infiammazione del cuore, mentre la pericardite è un’infiammazione del rivestimento esterno del cuore. I 226 ragazzi si sono ammalati dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino: 3 sono in terapia intensiva, 15 sono ricoverati, 41 hanno sintomi in corso mentre 167 sono guariti.

 

vaccino ragazzi vaccino ragazzi

Non è chiaro se entrambe le infiammazioni sono legate al vaccino, e le segnalazioni restano comunque molto rare. L'agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA) britannica ha detto che sta «monitorando attentamente le segnalazioni di miocardite e pericardite ricevute con i vaccini Covid-19».

 

Ha affermato di aver registrato meno di 40 casi di miocardite dopo le dosi Pfizer - un numero simile a quelli registrati con AstraZeneca - e solo due dopo Moderna, con numeri «simili o inferiori ai livelli di fondo previsti».

 

roma vaccinazione anti covid 19 per i maturandi roma vaccinazione anti covid 19 per i maturandi

Il Regno Unito attualmente non ha in programma di espandere il vaccino ai minori di 18 anni e nessuno ha ancora ricevuto una prima dose di vaccino, il che significa che il problema è meno diffuso.

 

L'età media delle persone che soffrono di questa condizione negli Stati Uniti è di 24 anni – una fascia d’età che nel Regno Unito deve ancora essere immunizzata.

 

L'MHRA ha ricevuto 34 segnalazioni di miocardite e 26 segnalazioni di pericardite a seguito dell'uso del vaccino Pfizer. Numeri simili sono stati registrati dopo AstraZeneca - 31 di miocardite e 51 di pericardite - e solo due dopo Moderna, di cui però nel Regno Unito sono state distribuite poche dosi.

 

roma vaccinazione anti covid 19 per i maturandi 6 roma vaccinazione anti covid 19 per i maturandi 6

Il regolatore ha affermato: «Il numero di segnalazioni di miocardite e pericardite segnalate con i vaccini nel Regno Unito rimane simile o inferiore al tasso previsto in diversi gruppi di età all'interno della popolazione generale e attualmente non indica un aumento del rischio a seguito della vaccinazione contro Covid-19».

 

«Continueremo a monitorare da vicino questi eventi riportati nel Regno Unito e a livello internazionale».

 

Questo tipi di infiammazione del cuore può essere causata da una varietà di infezioni, tra cui il Covid, ma anche da alcuni farmaci. Ci sono state rare segnalazioni in seguito ad altri tipi di vaccinazioni in passato.

 

Vaccino adolescenti Vaccino adolescenti

Più di 130 milioni di americani hanno ricevuto sia la prima che la seconda dose dei vaccini Pfizer e Moderna. Ciò significa che solo lo 0,000173846% delle persone a cui è stata somministrata la seconda dose ha riportato un tale effetto.

 

I casi vengono segnalati tramite il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) statunitense. Il sistema accetta segnalazioni da tutti indipendentemente dalla plausibilità del vaccino che causa il sintomo.

 

In totale, VAERS ha ricevuto 573 segnalazioni di miocardite e pericardite dopo che il paziente aveva ricevuto la seconda dose.

 

Vaccino adolescenti Vaccino adolescenti

Un totale di 372 segnalazioni provenivano da persone che avevano avuto il vaccino Pfizer, mentre ai restanti 201 era stato somministrato Moderna.

 

Sono stati segnalati anche altri 216 casi di infiammazione cardiaca dopo la somministrazione di uno dei vaccini. Più della metà dei casi sono stati segnalati dopo che le persone avevano ricevuto la loro seconda dose, con un età compresa tra 12 e 24 anni. Questo gruppo rappresenta meno del 9% delle dosi somministrate. Quasi due quinti dei casi erano maschi.

 

pfizer ragazzi 12 15 anni pfizer ragazzi 12 15 anni

I sintomi, tra cui dolore al torace e difficoltà di respirazione, sono apparsi entro una settimana dalla seconda dose.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

OH, CHE BEL CASELLO! - CON IL PASSAGGIO DI ASPI DALLA GALASSIA BENETTON A CDP CON I FONDI ESTERI BLACKSTONE E MACQUARIE, CI SARÀ UNA RIVOLUZIONE SIA IN TERMINI INFRASTRUTTURALI, SIA FINANZIARI: SULLE AUTOSTRADE PIOVERANNO INVESTIMENTI PER 26 MILIARDI MENTRE I FONDI ESTERI VOGLIONO RENDERE LA SOCIETA’ PROFITTEVOLE CON UN RITORNO ATTESO IPOTIZZATO DEL 7-8% -  NEL TEMPO CDP POTREBBE GRADUALMENTE RIDIMENSIONARE LA PARTECIPAZIONE DEL 51% IN FAVORE DI CASSE DI PREVIDENZA E ASSICURAZIONI ITALIANE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

UNA PANDEMIA DA INCUBO – IL CORONAVIRUS HA CAMBIATO IL MODO IN CUI DORMIAMO E SOGNIAMO: IL 55% DEGLI ITALIANI HA AVUTO UN PEGGIORAMENTO DELLA QUALITA’ DEL SONNO – ALCUNI STUDI HANNO RIVELATO CHE DOPO EVENTI TRAUMATICI O STRESSANTI IL CONTENUTO DEI SOGNI TENDE A MODIFICARSI: “LA QUALITÀ EMOZIONALE SI È ORIENTATA VERSO CONTENUTI NEGATIVI, ANCHE IN RELAZIONE A DIFFICOLTÀ SUL POSTO DI LAVORO O IN FAMIGLIA. I DISTURBI DEL SONNO E DEI SOGNI SONO STATI OSSERVATI PIÙ DI FREQUENTE IN…”