DEMOCRAZIA AL CURRY - LA PRIMA DELLE SETTE GIORNATE ELETTORALI PREVISTE IN INDIA FINO ALL'1 GIUGNO SI È CONCLUSA CON UN'AFFLUENZA DEL 62%: SONO STATI ASSEGNATI 102 DEI 543 SEGGI DELLA LOK SABHA, IL PARLAMENTO INDIANO – CHI VA A VOTARE SE LA RISCHIA: NELLO STATO NORDORIENTALE DEL MANIPUR UOMINI ARMATI HANNO CIRCONDANDO I SEGGI E FATTO FUGGIRE LE PERSONE – AL VOTO SONO CHIAMATE QUASI UN MILIARDO DI PERSONE: SARANNO LE ELEZIONI PIÙ GRANDI E PIÙ LUNGHE CHE IL MONDO ABBIA MAI CONOSCIUTO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo da www.ansa.it

 

elezioni in india 9 elezioni in india 9

La prima delle sette giornate elettorali previste in India fino all'1 giugno si è conclusa ieri con un'affluenza del 62%: sono stati assegnati così 102 dei 543 seggi della Lok Sabha, il Parlamento indiano. Secondo la Commissione elettorale, sono stati segnalati episodi di violenza nello Stato nordorientale del Manipur, dove gruppi di uomini armati hanno sfidato la presenza degli agenti di sicurezza circondando i seggi e facendo fuggire le persone che attendevano di votare.

elezioni in india 8 elezioni in india 8

 

Momenti di tensione anche in Bengala Occidentale, dove ai seggi sono stati registrati 460 denunce di assalti, intimidazioni e violenze nei confronti degli elettori. Tutti i seggi di sei distretti nordorientali dello stato del Nagaland sono invece rimasti deserti: nessun elettore si è presentato, aderendo all'invito al boicottaggio lanciato dalla Eastern Naga Peoples's Organisation. La prossima tornata elettorale si svolgerà il 26 aprile.

 

elezioni in india 10 elezioni in india 10

Le elezioni in India per la Lok Sabha, la Camera Bassa del Parlamento indiano, che sceglie il premier […] si protrarranno, in sette fasi, fino al 1 di giugno. Saranno le più grandi e più lunghe che il mondo abbia mai conosciuto, un mese e mezzo. Con i risultati resi noti il 4 di giugno grazie alle EVM, i congegni elettronici che sostituiscono le schede e che comunicano in poche ore al calcolatore centrale le scelte politiche di quasi un miliardo di elettori. Secondo la Commissione Elettorale, sono quasi 970 milioni gli aventi diritto al voto.

 

elezioni in india 1 elezioni in india 1

Tra loro, i neomaggiorenni, la new entry che costituisce una delle incognite più interessanti; anche se, dei quasi due milioni dei nuovi aventi diritto al voto, solo il 40% si è registrato, con percentuali ancora più basse negli stati più popolosi. Per garantire il diritto di voto sono pronti a muoversi 15 milioni tra dipendenti del governo e agenti delle forze di sicurezza. Il mantra dei funzionari elettorali è "nessuno escluso", ed è già entrato nel mito il trekking di 40 chilometri che un team di funzionari affronterà nello stato dell'Arunachal Pradesh per raggiungere la sola votante di un remoto villaggio.

 

elezioni in india 2 elezioni in india 2

Il risultato è dato largamente per scontato: gli indiani consacreranno, per il terzo mandato, il Bjp, Bharatiya Janata Party, e il Premier Modi. Che, sempre più sicuro di sé, si dichiara certo che dai 303 seggi del 2019 il suo partito balzerà ai 400. Da solo. Senza bisogno dell'apporto degli alleati. Anche se il risultato definitivo non sarà così schiacciante, non c'è analista che non preveda la vittoria di Modi. La coalizione dei ventotto partiti di opposizione I.n.d.i.a., nata nel 2023 sotto la leadership del partito del Congresso, scricchiola già per fratture, defezioni, decisioni last minute di presentarsi da soli. E il sistema maggioritario uninominale ad un solo turno, in cui vince il candidato che prende più voti, non premia le coalizioni.

 

elezioni in india 3 elezioni in india 3

Il Congresso, che nel 2019 si era dovuto accontentare di 52 seggi, ha perso ulteriormente smalto; nonostante l'impegno di Rahul Gandhi, che tutti gli analisti riconoscono maturato politicamente, con i suoi richiami alla forte disoccupazione giovanile, soprattutto tra i diplomati e laureati, con le accuse per l'ingente mole di finanziamenti incanalati verso il partito del Premier, e con le grida di allarme per la fine della democrazia e il rischio della cancellazione della Costituzione, il Congresso non riesce a contrastare la marcia trionfale di Modi.

 

elezioni in india 6 elezioni in india 6

Mentre le altre forze di rilievo nella fila dell'opposizione scontano tutte il limite delle loro dimensioni locale: sono al governo negli stati meridionali del Paese, dal Kerala al Tamil Nadu, dal Telangana al Karnataka, dall'Andhra Pradesh al Bengala occidentale, aree dove Modi sta cercando di farsi strada con un massiccio impegno, ma privi di una visione e di un consenso nazionale. Assieme a loro c'è uno dei più giovani e agguerriti competitor del Premier, l'Aam Admi Party di Arwind Kejriwal, chief minister eletto a Delhi. Ma l'Aap è stato azzoppato dall'arresto del leader, in carcere con accuse di corruzione, ritenute politicamente motivate.

elezioni in india 5 elezioni in india 5 elezioni in india 4 elezioni in india 4 elezioni in india 7 elezioni in india 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”