DIETRO LA DIVISA L’INFERNO - LO SCORSO 22 APRILE UN’ALLIEVA 25ENNE DELLA SCUOLA MARESCIALLI DI FIRENZE SI È TOLTA LA VITA NELLA SUA STANZA CON UN COLPO DI PISTOLA – LA LETTERA-DENUNCIA DEI  GENITORI: “UN SISTEMA COSTITUITO DA GERARCHI INSERITI IN UN CONTESTO CHE NON MANIFESTA VALORI UMANI” – LA RAGAZZA AVEVA RACCONTATO ALLA MADRE DI SOFFRIRE DI UN FORTE STRESS PSICOFISICO: “STAVA PERDENDO I CAPELLI E NON NE POTEVA PIÙ DI QUELLE ‘REGOLE’ CHE SI INSINUAVANO IN OGNI AMBITO DELLA SUA VITA”

-

Condividi questo articolo


Estratto  dell’articolo di Luca Serranò per “la Repubblica”

 

Scuola marescialli di Firenze - carabinieri Scuola marescialli di Firenze - carabinieri

Lo scorso 22 aprile una ragazza di 25 anni, allieva della Scuola marescialli di Firenze, si tolse la vita nella sua stanza con un colpo di pistola. Un dramma su cui, dopo giorni di silenzio, irrompono le parole dei genitori, convinti che il disagio della figlia fosse stato trascurato — e in parte alimentato — proprio dalla scuola.

 

«Se un’istituzione dà più valore alle formalità che alla formazione e crescita personale dell’individuo conduce al fallimento — si legge nella lettera dei genitori — Lei ha fatto una scelta che nessuno potrà mai comprendere, ma le istituzioni hanno il dovere di interrogarsi continuamente sullo stato di salute mentale del proprio personale». E ancora: «Vogliamo manifestare la nostra totale disapprovazione nei confronti di un sistema costituito da gerarchi inseriti in un contesto che non manifesta valori umani».

 

Scuola marescialli di Firenze - carabinieri Scuola marescialli di Firenze - carabinieri

La “denuncia” è stata raccolta e poi rilanciata dall’associazione sindacale dei carabinieri Unarma, che sul caso annuncia un esposto in procura. Con parole sofferte, si raccontano gli eventi che avrebbero fatto da sfondo al suicidio.

 

«Nei giorni precedenti la morte manifestava un forte stress psicofisico, difatti riferiva alla madre che stava perdendo i capelli e che non ne poteva più di sottostare a quelle “regole” poco funzionali e che si insinuavano in ogni ambito della propria vita — si legge — Inviava spesso le foto di come era costretta a vestirsi in abiti borghesi per poter avere un paio di ore di svago concesse durante la libera uscita, del fatto che doveva necessariamente tenere i capelli raccolti. Diceva sempre più spesso alla mamma “questa scuola mi sta rovinando la vita”».

 

Scuola marescialli di Firenze - carabinieri Scuola marescialli di Firenze - carabinieri

L’allieva faceva parte del Secondo battaglione e stava per concludere il secondo anno di corso. Aveva buoni voti, ma era sempre più insofferente agli ordini. «Nei primi giorni di frequentazione della scuola aveva manifestato l’intenzione di abbandonare il percorso anche se era da sempre stato il suo sogno — scrivono ancora i genitori — aveva percepito quello che ci riferiva essere un ambiente estremamente rigido e totalitario» […]

 

Dalla lettera emerge anche che il padre, anche lui carabiniere, avrebbe avuto un alterco con i superiori della figlia (nell’ottobre 2023), dopo che lei le aveva raccontato di essere stata obbligata a presentarsi tutte le mattine in adunata alle 6,15 nonostante il Covid e i sintomi influenzali.

 

Scuola marescialli di Firenze - carabinieri Scuola marescialli di Firenze - carabinieri

Una vicenda che aveva finito per alterare ancor più il fragile equilibrio della giovane, già esasperata dalla vita militare: «Le ragazze non possono indossare stivaletti tipo Dottor Martens o Timberland durante le libere uscite – scriveva ai familiari – Chi ha conseguito un esame con voto pari a 18-19-20 salta il pernotto. Dietro la porta della camera non ci deve essere nulla tranne l’acqua, niente sotto la scrivania, no beauty case in bagno, porte delle camere sempre aperte se non siete in libertà». […]

Scuola marescialli di Firenze - carabinieri Scuola marescialli di Firenze - carabinieri Scuola marescialli di Firenze - carabinieri Scuola marescialli di Firenze - carabinieri

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)