ECCALLÀ: I CINESI HANNO DECISO CHE IL VIRUS L’HANNO PORTATO GLI ITALIANI! – DOPO LO STUDIO DELL’ISTITUTO DEI TUMORI DI MILANO, SECONDO CUI IL COVID CIRCOLAVA GIÀ IN ITALIA DA SETTEMBRE 2019, LE AUTORITÀ CINESI SCARICANO LA COLPA SU DI NOI - IN REALTÀ NON CI SONO DUBBI CHE SIA PARTITO TUTTO DA LÌ, IL FATTO È CHE LORO SE NE SONO FREGATI (O NE HANNO APPROFITTATO) RITARDANDO L’ANNUNCIO DEL FOCOLAIO DI WUHAN…

-

Condividi questo articolo

 

 

Paolo Vites per www.ilsussidiario.net

 

CINA XI JINPING ECONOMIA CINESE CORONAVIRUS COVID PANDEMIA CINA XI JINPING ECONOMIA CINESE CORONAVIRUS COVID PANDEMIA

La Cina ci riprova a scaricare le colpe della diffusione del Covid-19 su altri paesi, in questo caso l’Italia. Secondo un recente studio, che prende spunto a sua volta da una ricerca scientifica italiana, tracce del virus sarebbero emerse su pazienti malati di tumore già nel settembre 2019, cinque mesi prima che le autorità cinesi parlassero dei primi contagi a Wuhan.

 

mercato di wuhan mercato di wuhan

Ne hanno approfittato subito, con parole autorevoli, quelle del viceministro cinese degli esteri che ha dichiarato che “il virus è una questione complessa che potrebbe coinvolgere più paesi”. Giovanni Apolone, lo scienziato italiano autore dello studio, ha immediatamente smentito le dichiarazioni cinesi affermando che invece è la Cina la fonte primaria della diffusione del coronavirus.

 

poliziotto wuhan poliziotto wuhan

Non esclude che il virus si sia manifestato nel nostro paese prima di ogni altro al mondo, ma questo perché “la Cina ha ritardato l’annuncio del suo focolaio, quindi non si sa quando è iniziato lì”, ha detto, suggerendo che il virus avrebbe potuto circolare silenziosamente in Cina più a lungo di quanto si pensasse prima di essere portato nel nord Italia. “La Cina ha legami commerciali molto forti con il nord Italia” ha detto lo studioso in una intervista al quotidiano inglese Times.

 

giovanni apolone giovanni apolone

VIRUS IMPORTATO DALLA CINA NEL NORD ITALIA

In precedenza la Cina aveva provato ad accusare gli Stati Uniti, denunciando senza prove che truppe americane avrebbero portato il virus in Cina durante alcune manifestazioni sportive tenutesi a Wuhan.

 

Lo studio di Apolone, condotto presso l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, ha esaminato campioni di sangue prelevati da pazienti coinvolti in uno studio sul cancro. Un team di ricercatori ha esaminato i campioni alla ricerca di anticorpi prodotti quando un paziente entra in contatto con il coronavirus. Con loro sorpresa, hanno trovato anticorpi in campioni del 14% dei partecipanti risalenti a settembre 2019. Il primo paziente italiano COVID-19 è stato rilevato il 21 febbraio in una piccola città vicino a Milano, nella regione settentrionale della Lombardia.

parcheggi dello zhongnan hospital di wuhan ottobre 2018 parcheggi dello zhongnan hospital di wuhan ottobre 2018

 

Ma i risultati dei ricercatori italiani mostrano che l’11,6% dei 959 volontari sani arruolati in uno studio di screening del cancro tra settembre 2019 e marzo 2020 aveva segni di aver già incontrato il coronavirus SARS-CoV-2, la maggior parte dei quali ben prima di febbraio. Dunque lo studio italiano è piuttosto la prova che il virus, importato dalla Cina, abbia cominciato a circolare silenziosamente in Italia mesi prima che fosse denunciata la presenza a Wuhan.

 

XI JINPING CON LA MASCHERINA XI JINPING CON LA MASCHERINA

Il virus potrebbe quindi essere migrato in Europa intorno a novembre o dicembre, prima che i casi si accumulassero fino al punto in cui l’infezione sia stata rilevata dai medici. Se i risultati del dottor Apolone venissero confermati, la tempistica sarebbe spostata indietro di un paio di mesi, ma non escluderebbe la Cina come fonte del virus.

wuhan tongji medical university wuhan 10 ottobre 2018 vs 12 settembre 2019 wuhan tongji medical university wuhan 10 ottobre 2018 vs 12 settembre 2019 xi jinping con la mascherina 6 xi jinping con la mascherina 6 un poster sul coronavirus a wuhan un poster sul coronavirus a wuhan coronavirus wuhan il 31 marzo 2020 coronavirus wuhan il 31 marzo 2020 reparto di terapia intensiva all'ospedale di wuhan 3 reparto di terapia intensiva all'ospedale di wuhan 3 un dottore visita una paziente a wuhan un dottore visita una paziente a wuhan controlli a wuhan 1 controlli a wuhan 1 cinesi si proteggono come possono dal coronavirus 3 cinesi si proteggono come possono dal coronavirus 3 wuhan disinfestazione wuhan disinfestazione emergenza coronavirus a wuhan emergenza coronavirus a wuhan IL CADAVERE DI UN UOMO A TERRA A WUHAN IL CADAVERE DI UN UOMO A TERRA A WUHAN code in un ospedale di wuhan 1 code in un ospedale di wuhan 1 ospedali cina per coronavirus 3 ospedali cina per coronavirus 3 wuhan disinfestazione wuhan disinfestazione animali al mercato di wuhan animali al mercato di wuhan MARCO POLO HOTEL A WUHAN MARCO POLO HOTEL A WUHAN la famiglia rimasta nascosta al mercato di wuhan per due MESI la famiglia rimasta nascosta al mercato di wuhan per due MESI li wenliang il medico che lancio l allarme sul coronavirus li wenliang il medico che lancio l allarme sul coronavirus WUHAN MORTI PER STRADA WUHAN MORTI PER STRADA xi jinping con la mascherina a pechino 3 xi jinping con la mascherina a pechino 3 parcheggi dello zhongnan hospital di wuhan ottobre 2019 parcheggi dello zhongnan hospital di wuhan ottobre 2019 ospedalel wuhan ospedalel wuhan xi jinping con la mascherina 5 xi jinping con la mascherina 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute