ELON MUSK VUOLE TRASFORMARCI IN "SUPEREROI" PER SCONFIGGERE L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE - CON NEURALINK IL MILIARDARIO SUDAFRICANO SPERA DI "SALVARE" IL GENERE UMANO DALLO SPAURACCHIO DELL'IA, FONDENDO IL CERVELLO UMANO CON I COMPUTER - NON A CASO, DUE MESI PRIMA CHE OPENAI SVELASSE CHATGPT, MUSK HA CHIESTO AI SUOI SCIENZIATI DI ACCELERARE IL PROGETTO "COME SE IL MONDO STESSE PER FINIRE" - LA PRIMA INTERFACCIA DEL CHIP, "TELEPATHY", PERMETTE AGLI UTENTI DI COMPLETARE COMPITI SEMPLICI, MA I PROGETTI FUTURI DI "MR. TESLA" SONO BEN PIU' AMBIZIOSI ED ENTRO QUALCHE ANNO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Pier Luigi Pisa per "la Repubblica"

 

NEURALINK NEURALINK

Il sogno di Elon Musk è partito da una scimmia. Si chiamava Pager e nel 2021 è diventata famosa perché giocava con il videogame Pong usando il pensiero. Il primate aveva imparato a muovere un joystick per colpire una pallina con una racchetta virtuale. […] Poi nel suo cervello è stato impiantato un chip di Neuralink, […] E il joystick che usava per giocare è stato staccato. A Pager non serviva più: riusciva a sferrare colpi solo con la mente.

 

NEURALINK NEURALINK

È stato allora che Musk ha capito di essere sulla strada giusta. Di poter creare un super uomo, in cui l’organismo biologico convive con elementi tipici di una macchina. L’interfaccia di Neuralink che collega il cervello a un computer è stata chiamata “Telepathy”. Il nome […] evoca poteri paranormali. E a dir poco miracolosi. È tipico di Musk: promettere, sulla carta, qualcosa di impossibile. […]

 

NEURALINK NEURALINK

[…] Per Neuralink l’imprenditore ha obiettivi […] pretenziosi. «Ripristineremo la piena funzionalità del corpo a chi ha un midollo spinale spezzato» ha detto a dicembre 2002. E poi ha aggiunto: «Daremo la vista anche a chi è nato cieco». Per ora la tecnologia di Neuralink offre soluzioni più “semplici”: usare la mente per muovere un cursore sul display, per esempio, oppure per premere le lettere di una tastiera virtuale.

 

 I primi impianti riguarderanno persone affette da disabilità e malattie neurologiche. Ma Elon Musk desidera offrire la stessa tecnologia anche a persone sane. L’imprenditore sarebbe disposto a ricevere un chip. E sarebbe favorevole a un impianto in uno dei suoi figli […]

NEURALINK NEURALINK

 

MUSK NON È UN PADRE SCRITERIATO.

La sua ossessione è salvare la nostra specie. Trasferendola su Marte con i razzi di SpaceX, l’azienda aerospaziale che ha fondato nel 2002. E proteggendola dalle insidie dell’intelligenza artificiale, che l’imprenditore ritiene capace di spazzare via l’umanità. Due mesi prima che OpenAI svelasse ChatGpt, Musk ha invitato gli scienziati di Neuralink ad accelerare il loro lavoro «come se il mondo stesse per finire».

 

NEURALINK 3 NEURALINK 3

L’imprenditore chiedeva interfacce neurali che potessero competere con l’IA. «Dobbiamo farlo prima che l’intelligenza artificiale prenda il sopravvento» avrebbe detto Musk. Ma già nel 2019, presentando Neuralink, aveva annunciato: «Può suonare strano, ma alla fine potremo raggiungere una simbiosi con l’intelligenza artificiale». […]

ARTICOLI CORRELATI

neuralink neuralink elon musk neuralink 1 elon musk neuralink 1 il chip neuralink il chip neuralink neuralink 6 neuralink 6 neuralink 3 neuralink 3 neuralink 1 neuralink 1 neuralink 2 neuralink 2 elon musk neuralink 2 elon musk neuralink 2 neuralink elon musk neuralink elon musk elon musk neuralink elon musk neuralink NEURALINK 2 NEURALINK 2 robot per l'inserimento del chip neuralink robot per l'inserimento del chip neuralink ELON MUSK NEURALINK ELON MUSK NEURALINK

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...